Giuliano Noci è professore ordinario in Ingegneria Economico-Gestionale, insegna Strategia & Marketing presso il Politecnico di Milano. Dal 2011 è Prorettore del Polo territoriale cinese dell'Ateneo milanese, dove è stato anche delegato del Rettore per la Federazione Russa (2006-2013) e l'India (2006-2010). È consigliere di amministrazione di MIP Politecnico di Milano Graduate School of Business, di Polimilano Educational Consulting Ltd – società creata dall'Ateneo milanese per realizzare progetti di formazione post graduate e advisory in Cina – e di Sidera srl – la società creata dal Politecnico di Milano con Tsinghua University (la più importante università della Cina) per facilitare rapporti di collaborazione tra imprese italiane e cinesi -. È membro del Board of Trustee della TongJi University di Shanghai. Ha fatto parte (nel 2017 fino al primo trimestre 2018) della Struttura Tecnica di Missione per l'indirizzo strategico, lo sviluppo delle infrastrutture e l'alta sorveglianza presso il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti (con il mandato di favorire le iniziative di collaborazione tra Italia e Cina). Dal 2003 al 2010 ha operato, come esperto di controllo di gestione, nel Servizio di Controllo Interno del Ministero dell'Interno. Oltre alla Cina, sviluppa attività di ricerca sui cambiamenti indotti dalle tecnologie digitali sul fronte della competitività di impresa, dei suoi processi di relazione con il mercato e dei comportamenti di acquisto degli individui (tra gli altri, Osservatorio Multicanalità, Osservatorio Internet Media, Osservatorio Omnichannel Customer Experience, Osservatorio Mobile Marketing, Laboratorio sulle Convergenze Mediali) e con riferimento ai servizi e processi della Pubblica Amministrazione centrale e locale (Osservatorio Agenda Digitale, Osservatorio eGovernment, Osservatorio Marketing Territoriale). È autore di numerosi libri e articoli scientifici. Il suo ultimo libro si intitola: “Biomarketing. Non è solo una questione di big data”

Luogo: Milano

Lingue parlate: italiano, inglese

Argomenti: Cina, trasformazione digitale, strategia, marketing multicanale

Ultimo aggiornamento: 09 febbraio 2022
  • 17 maggio 2024
    Il Metaverso per vendere i prodotti del made in Italy

    Commenti

    Il Metaverso per vendere i prodotti del made in Italy

    Sono passati due anni da quando Mark Zuckerberg ha annunciato trionfalmente al grande pubblico il Metaverso. Sembra un’era geologica fa, visto che, dopo l’entusiasmo iniziale, il termine è quasi completamente scomparso dai radar dei media mainstream e della letteratura specializzata. È stato un

  • 08 maggio 2024
    La missione di Xi Jinping in Europa: una partita a poker dove la Ue deve ricompattarsi

    24Plus

    24+ La missione di Xi Jinping in Europa: una partita a poker dove la Ue deve ricompattarsi

    Dopo cinque anni di assenza, la missione di Xi in Europa è carica di significato. La due giorni francese – prima di tre tappe nel Vecchio Continente – ne è la plastica rappresentazione: Macron e Von der Leyen hanno chiesto soprattutto reciprocità sul fronte commerciale – il deficit con la Cina è

  • 14 febbraio 2024
    Se la crisi diventa motore di sviluppo

    Mondo

    Se la crisi diventa motore di sviluppo

    Il punto è come Pechino gestirà il declino della popolazione e se saprà promuovere la nascita di nuovi mercati

  • 13 gennaio 2024
    Taiwan, la politica dei microchip in chiave anticinese

    24Plus

    24+ Taiwan, la politica dei microchip in chiave anticinese

    Taiwan beneficia di un posizionamento assolutamente strategico: prospicente al Mar Cinese meridionale è snodo geografico chiave per il controllo di una porzione di mare dove transitano larga parte delle merci in viaggio tra Asia ed Europa, per un giro d’affari di quasi 800 miliardi di dollari

  • 20 ottobre 2023
    Nuvole dense nel cielo del Dragone fra economia, finanza e geopolitica

    24Plus

    24+ Nuvole dense nel cielo del Dragone fra economia, finanza e geopolitica

    Ci sono nuvole dense nel cielo del Dragone: sia dal punto di vista economico, sia geopolitico. Sul primo fronte ci sono due aspetti rilevanti: il primo (apparentemente) positivo, ovvero la crescita del Pil (+4,9% su base annua) registrata nel terzo trimestre del 2023 e superiore alle aspettative.

  • 30 aprile 2019
    Tre obiettivi concreti per l’Italia l’eredità del forum di Pechino

    Commenti e Idee

    Tre obiettivi concreti per l’Italia l’eredità del forum di Pechino

    Il secondo Forum sulla Belt and Road Initiative (Bri) si è rivelato un successo per la Cina. Hanno partecipato leader di 37 Paesi (contro i 29 della prima edizione), erano presenti le delegazioni di quasi tutti i Paesi più rilevanti (circa 100) e si è registrata una (inattesa) riconversione sulla

  • 18 marzo 2019
    L’Italia non può perdere la partita industriale

    Tecnologie

    L’Italia non può perdere la partita industriale

    Il 5G – grazie alle sue caratteristiche di interoperabilità e di tempi di latenza bassissimi – rappresenta non solo la nuova frontiera della comunicazione, che sostituisce il 4G, ma una vera e propria discontinuità tecnologica: le macchine potranno comunicare in tempo reale con altre macchine e

  • 05 gennaio 2019
    Sul futuro di Apple non pesa solo la Guerra commerciale

    Finanza e Mercati

    Sul futuro di Apple non pesa solo la Guerra commerciale

    L’annuncio di Tim Cook di una correzione al ribasso dei ricavi previsti per il primo trimestre del 2019, a causa di un rallentamento non preventivato delle vendite di iPhone in Cina, ha immediatamente innescato una pesante reazione negativa dei mercati.

  • 08 settembre 2018
    Il grande balzo cinese che muta gli scenari

    Finanza e Mercati

    Il grande balzo cinese che muta gli scenari

    A 10 anni dal fallimento Lehman il mondo si confronta con una Cina molto diversa.

  • 21 marzo 2018
    I segnali distensivi  di Pechino affamata  di know how

    Mondo

    I segnali distensivi di Pechino affamata di know how

    Solo chi ha una conoscenza superficiale della Cina è rimasto sorpreso dei contenuti della conferenza stampa di ieri tenuta dal premier Li, improntata a toni del tutto distensivi rispetto all’Occidente e agli Usa. In particolare, con tempismo perfetto, è stata esplicitata dal numero due di Pechino