Persone

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara è un giornalista e politico italiano. E’ stato direttore del quotidiano “il Foglio”, di cui è fondatore, dal 1996 al 2015.

Sempre nel 1996, per pochi mesi, è stato anche direttore del settimanale Panorama. In precedenza, sempre nella carta stampata, aveva lavorato per il Corriere della Sera e per Reporter. Ferrara è stato un giornalista molto presente in tv. Già a fine anni '80 lavora per Rai Tre, passando poi a Rai Due e quindi a Italia 1. Negli ultimi anni le sue apparizioni più importanti in televisione sono quelle su La7, dove ha condotto la trasmissione di approfondimento Otto e mezzo, affiancato negli anni da diversi partner, tra cui Gad Lerner, Luca Sofri e Ritanna Armeni.

Giuliano Ferrara è stato molto attivo anche dal punto di vista politico. La sua ultima avventura è stata la candidatura alle elezioni del 2008. In quell’occasione si è presentato con la lista da lui stesso fondata “Associazione difesa della vita. Aborto? No grazie”, ottenendo però uno scarso consenso. Proprio negli ultimi anni Ferrara è stato il protagonista di un avvicinamento alle posizioni più conservatrici e vicine alla Chiesa cattolica, pur non dichiarandosi cattolico. A sostegno di queste idee Ferrara ha chiesto anche che venisse praticata una moratoria dell’aborto, sull’esempio di quella della pena di morte approvata dall’ONU.

Il percorso politico e ideologico di Ferrara è però alquanto complesso e controverso. I suoi esordi sono con il Partito Comunista, da cui si allontana però già negli anni '80 per approdare al Partito Socialista. Con il PSI è stato eletto al Parlamento europeo nel 1989, prima di passare a Forza Italia e sostenere Silvio Berlusconi. Proprio in un governo Berlusconi, Ferrara è stato ministro per i rapporti con il Parlamento.

Ultimo aggiornamento 16 maggio 2017

Ultime notizie su Giuliano Ferrara

    La dolce droga statalista rischia di soggiogare i maestri della resilienza

    «Il ritorno dello Stato» è quest'anno il titolo del Festival dell'Economia di Trento. Per il suo direttore scientifico Tito Boeri l'uscita dall'emergenza è l'occasione «per analizzare cosa è accaduto in un anno che ha visto lo Stato esercitare un ruolo primario nella vita dei cittadini». Una

    – di Franco Debenedetti

    Il riformista Craxi e l'irruzione dell'odio nella vita politica

    Nel ventennale della morte il libro dell'inviato della Stampa Fabio Martini dal titolo «Controvento, la vera storia di Bettino Craxi» ha innanzitutto il pregio, restituendoci il clima dell'epoca, di segnalare come la categoria dell'odio politico fa il suo ingresso nella storia repubblicana proprio con e contro Craxi

    – di Emilia Patta

    Ma il diavolo non lo sapeva

     La scorsa settimana, lo ricordate?, stava in estasi all'ascolto di un LP di Horowitz (1903-1989) the last romantic, interprete divino - ovviamente pagano - dello Studio op.8 n.12 di Scriabin. Eccolo ora, invece, mentre smanettando sul gigantesco computer d'antan, a vapore, coevo dell'Enigma di

    LE CARTOLINE "SALVINISTE" DI DE SETA

    Cambiando argomento, ma solo in parte, per dimostrare che esiste un filo di continuità fra i pessimi di oggi e i pessimi di ieri, metto online una scorta di immagini già archiviata tempo fa. STUPRARE DONNE, GASARE I NEMICI E COMPRARE SCHIAVE: COSÌ LE CARTOLINE RAZZISTE DELLA GUERRA D'ETIOPIA RACCONTANO IL VERO VOLTO DELLA "CIVILIZZAZIONE FASCISTA" (si tratta di materiali trovati in rete, vergognosi, benché firmati da un grande autore). Durante la campagna d'Etiopia tra le truppe italiane im...

    – Luca Boschi

    I veri nemici del liberalismo sono tra noi

    «Il liberalismo è obsoleto» ha detto Vladimir Putin nell'intervista al Financial Times del 26 giugno. Vero o non vero, la corte del Cremlino non è qualificata per emettere simili verdetti.

    – di Franco Debenedetti

    Mirabilia

    Altro che "frammenti del futuro", come diceva Friedrich Schlegel, considerato l'"inventore" del Romanticismo, alla fine del '700 (Luigi Reitani, come sottolinea Claudio Magris, l'attribuisce a Hölderlin): eccolo, Satanasso, mentre si rigira tra le mani un VR, il visore della realtà virtuale

    Cagliari, quell'astensione bassa ma non sorprendente

    E' vero: si votava per sostituire un deputato dimissionario (il velista Andrea Mura) in un ramo del Parlamento (la Camera) dove la maggioranza ha numeri stabili. In gioco perciò non c'era né il governo nazionale, né quello regionale: il nuovo governatore della Sardegna sarà infatti scelto il 24

    – di Riccardo Ferrazza

    Gioco d'azzardo, quando a promuoverlo era Rocco Casalino (portavoce del governo)

    La linea dura contro il gioco d'azzardo non è sempre stato al centro della politica del MoVimento 5 Stelle. Le ultime parole del vicepremier e ministro del Lavoro Luigi Di Maio contro la pubblicità del betting "Non me ne frega niente degli introiti di giornali e squadre di calcio", rappresentano un

    – di Ma.l.C.

1-10 di 274 risultati