Le nostre Firme

Giulia Crivelli

fashion editor |  @giulia_crivelli |  LinkedIn |  g.crivelli@ilsole24ore.com |

Giulia Crivelli è fashion editor all’interno del Gruppo Sole 24 Ore e scrive per il quotidiano, i settimanali Moda e Lifestyle, i magazine mensile IL e How to spend it, il sito del Sole 24 Ore. Ha inoltre quattro spazi a Radio24: English Bit, Rassegna stampa internazionale del sabato, rassegna stampa italiana della domenica ed Effetto mondo, finestra quotidiana dedicata alla stampa internazionale all’interno della trasmissione Effetto giorno (13-14 dal lunedì al venerdì).

Nata a Milano nel 1969 da madre tedesca e padre italiano, ha studiato Economia alla Bocconi, ma non si è laureata. Forse perché il suo sogno sarebbe stato di studiare biologia o medicina. Magari succederà in un’altra vita. In questa, l’economia le è rimasta nel sangue e ha in particolare una passione per la microeconomia e la teoria dei giochi. Assunta alla redazione web del Sole 24 Ore il 1° agosto del 2000, prima aveva lavorato alla libreria e casa editrice Hoepli, alla casa editrice Baldini & Castoldi, al Gruppo Class e al progetto di quotidiano elettronico eDay, start up lanciata nel 1998 con il supporto di Elserino Piol (un progetto forse troppo in anticipo sui tempi).

  • Luogo: Milano
  • Lingue parlate: Inglese, tedesco, francese, spagnolo
  • Argomenti: Industria della moda e del design, Esteri

Ultimo aggiornamento 10 ottobre 2018

Ultimi articoli di Giulia Crivelli

    La «poesia in movimento» dei cavalli arabi, che viaggiano su aerei privati

    «So che lei aiuta chi ha dei problemi con un cavallo». «Non è così: è vero il contrario. Aiuto i cavalli che hanno problemi con gli uomini».In molti ricorderanno questo scambio di battute nel film del 1998 tratto dal libro di Nicholas Evans L'uomo che sussurrava ai cavalli e interpretato da Robert

    – di Giulia Crivelli

    Baviera, viaggio nel regno dei castelli

    In Baviera donne e uomini, amano vestirsi nei tradizionali abiti della regione, simili a quelli diffusi nella confinante Austria e in Alto Adige. Un'usanza che ha poco di folcloristico e dà invece l'idea di quanto la Baviera abbia a cuore il suo passato e le sue tradizioni, da quelle culturali a

    – di Giulia Crivelli

    Morellato investe sugli startupper e dopo Cluse lancia gli orologi Tayroc

    Tra i molti neologismi dell'era digitale c'è "instabrand". Non c'entra col famoso social network: indica un marchio spuntato all'improvviso - ma non dal nulla. Start up, certo, non solo però: sono brand in linea con l'accelerazione imposta da internet in ogni ambito della vita sociale e

    – di Giulia Crivelli

    Furla, ricavi in crescita del 10%. Il Giappone è il primo mercato

    Fatturato in crescita (oltre 250 milioni) del 10% con l'export, ottimo rapporto qualità-prezzo, perfetta corrispondenza con quell'idea di lusso accessibile legata, certo, al prodotto, ma anche all'aspetto dei negozi, alle loro posizioni nei centri storici, ai servizi e alla comunicazione. Sono gli

    – di Giulia Crivelli

    Conceria, distretti italiani leader mondiali nell'alta gamma

    «Quando sento parlare di sostenibilità, rispondo subito che, certo, deve essere una priorità per tutti: cittadini, aziende, istituzioni. Ma quando sento nominare o elogiare l'eco-pelle, faccio altrettanto velocemente una domanda: siete sicuri che sia davvero più sostenibile di quella tradizionale?

    – di Giulia Crivelli

    Abiti, orologi e food: Dolce&Gabbana con un unico Dna

    Dna. Tre lettere, una sigla, una parola ormai entrata nel vocabolario globale, tanto da farci forse dimenticare o sorvolare sul suo reale significato. Ripensiamoci, invece: il Dna, semplificando, è una sequenza di molecole che compone il patrimonio genetico di un essere vivente e che quindi lo

    – di Giulia Crivelli

    Dall'Italia sfida a Bruxelles sull'ecopelle

    La sfida della globalizzazione è vinta, si potrebbe dire: il settore conciario italiano ha saputo riposizionarsi nell'alto di gamma e da anni detiene il primato internazionale in termini di qualità e fatturato. E' riconducibile ad aziende italiane il 19% del totale mondialedelle pelli conciate e

    – di Giulia Crivelli

1-10 di 1404 risultati