Persone

Giovanni Sartori

Giovanni Sartori è nato il 13 maggio del 1924 a Firenze ed è deceduto a Roma il 4 aprile del 2017, è stato uno dei maggiori esperti di scienza politica a livello internazionale.

Dopo aver conseguito il diploma di maturità classica, si è iscritto alla Facoltà di Scienze Politiche “Cesare Alfieri” dell'Università di Firenze, per poi trascorrere un periodo di studi negli Stati Uniti, da dove ha importato in Italia nuovi orientamenti metodologici nello studio della politologia.

Giovanni Sartori ha iniziato la sua carriera accademica all’Università di Firenze, assumendo l’incarico di professore presso la Facoltà “Cesare Alfieri” e conseguendo contestualmente la libera docenza prima in Storia della Filosofia Moderna (1954) e poi in Dottrina dello Stato (1955).

Tra i pionieri di un discorso sul metodo di studio delle scienze politiche e sociali, tra il 1969 ed il 1971, è stato Preside della Facoltà di Scienze Politiche di Firenze ed ha annoverato tra i suoi allievi accademici del calibro di Gianfranco Pasquino, Domenico Fisichella e Giuliano Urbani.

Nella seconda metà degli anni ’70 ha deciso di trasferirsi in America, dove ha insegnato per gran parte della sua vita.

Nel 1971 ha fondato la Rivista italiana di scienza politica, di cui ha mantenuto la direzione fino al 2004, mentre dal 2002 al 2005, è stato uno dei garanti dell'associazione Libertà e Giustizia.

Sartori è stato considerato nel mondo accademico internazionale uno dei principali autori nel campo della teoria della democrazia, dei sistemi di partito e dell'ingegneria costituzionale ed a lui è stata dedicata il 12 maggio del 2016, una sala nella biblioteca del Senato, depositaria di un fondo librario donato dallo stesso illustre politologo.

Numerosissime sono le sue opere, per citare solo alcune delle più recenti basti ricordare: “Mala tempora”, Roma, 2004; “ La democrazia in trenta lezioni”, Milano, 2008; “Il sultanato”, Roma-Bari, 2009; “ Logica, metodo e linguaggio nelle scienze sociali”, Bologna, 2011 e “La corsa verso il nulla. Dieci lezioni sulla nostra società in pericolo”, Milano, 2015.

Insignito dottore honoris causa da prestigiose università internazionali ha ottenuto la “Medaglia d'oro ai benemeriti della Scuola, della Cultura e dell'Arte” (2 giugno 1971) ed il “Premio Principe delle Asturie per le scienze sociali” (Spagna, 8 giugno 2005).

Sartori è stato l’ideatore dei termini “mattarellum” e “porcellum”.

Giovanni Sartori è stato sposato prima con Giovanna di San Giuliano, per poi unirsi in nozze nell'ottobre del 2013, con l’artista italiana Isabella Gherardi.

E’ deceduto a Roma il 4 aprile del 2017 in seguito a complicanze di natura respiratoria.

Ultimo aggiornamento 05 aprile 2017

Ultime notizie su Giovanni Sartori

    L'italia e il sistema elettorale di Penelope

    In Italia e regole elettorali cambiano in base agli interessi contingenti della maggioranza di turno. Non c'è Paese democratico consolidato che abbia conosciuto un'esperienza simile

    – di Sergio Fabbrini

    Potere di interdizione e ricatto: quell'idea sbagliata di democrazia

    L'autore di questo post scrive sotto lo pseudonimo di Ettore Campari, sociologo e politologo di formazione, con la passione della psicologia e della fisica divulgativa. Svolge la sua attività professionale nel campo della formazione in materie economico-finanziarie - Che cosa può trattenere un politico, che detiene posizioni di potere, dal divenire corrotto o dall'adottare comportamenti dannosi per la collettività? La domanda è lecita, poiché la corruzione e il malgoverno sono fenomeni diffusi...

    – Econopoly

    La responsabilità, i limiti del potere e la lezione di Rosmini

    Lo "spirito d'intelligenza", di ispirazione rosminiana, assume i caratteri del criterio adottabile in ogni campo di azione dell'uomo, ovverosia, quale principio universale dell'agire umano. E' questa la sfida fondamentale con la quale si apre il XX corso dei Simposi Rosminiani di Stresa (20-23

    – di Flavio Felice

    Il dilemma di Di Maio: sottomettersi o dimettersi

    15 agosto 1877. Léon Gambetta, repubblicano puro e duro, pronuncia a Lille un discorso memorabile. Dichiara: «Quando la Francia avrà fatto intendere la propria voce sovrana, datemi retta, Signori, bisognerà sottomettersi o dimettersi». Il suo bersaglio era il presidente della Repubblica Patrice de

    – di Paolo Armaroli

    Bobbio e Sartori secondo Pasquino (in difesa della vera democrazia)

    "Dobbiamo sperare nel risveglio della società civile e in una forte protesta corale, anche e soprattutto da parte dei media". E ancora "In Italia purtroppo la stampa non sa dare battaglia, la tv è tradizionalmente sottomessa alla politica e l'opinione pubblica non è abbastanza autonoma". Lo diceva Giovanni Sartori vent'anni fa a proposito delle ipotesi di riforma costituzionale, ma appaiono parole che potrebbero essere straordinariamente adeguate anche alla situazione attuale. Sartori, scomparso...

    – Gianfranco Fabi

    Protezione a spese della crescita, la contraddizione del governo

    Magari sono cambiati i rapporti di forza tra i due partiti che costituiscono il governo italiano, ma quest'ultimo continua a beneficiare di un consenso maggioritario tra gli elettori. Sono in molti a pensare che il suo sovranismo abbia dunque successo. E così? In realtà, non tutto è oro ciò che

    – di Sergio Fabbrini

    La democrazia è malata. Ecco una cura per evitare la deriva autoritaria

    Ce ne si accorga o no, è finita un'epoca. Sono cambiate le prospettive per chi nasce. Chi se ne è reso conto, si adatterà a fatica. Chi non se ne è accorto, navigherà nuovi mari con vecchie barche - a rischio costante di naufragio. Sono in atto cambiamenti epocali Forze profonde stanno cambiando il mondo. Il connubio tra democrazia e capitalismo - spina dorsale dell'Occidente da più di due secoli - ha perso smalto; la prima è in crisi, incapace di risolvere i problemi del secondo. Nell'economi...

    – Alessandro Magnoli Bocchi

    I cinque errori della democrazia e perché puntare sul merito vuol dire salvarla

    La democrazia rischia di soccombere. L'idea che la  democrazia(1) sia l'unico sistema possibile (e l'autoritarismo superato) ha perso plausibilità. Anche le democrazie più consolidate - in affanno nel gestire globalizzazione(2), disuguaglianza e immigrazione - sono a rischio sopravvivenza. Il mondo è in "recessione democratica". Ascesa e declino La democrazia, per cinquant'anni considerata punto di arrivo ? Nel 1941, solo 11 paesi al mondo erano organizzati secondo principi democratici. Ritenu...

    – Alessandro Magnoli Bocchi

    Milan, Kessie: "Devo ancora crescere molto"

    E' uno dei tanti volti nuovi di questo Milan targato Gennaro Gattuso. Frank Kessie, a Milan Tv, ha commentato questo inizio di stagione, che lo ha visto scendere complessivamente in campo 35 volte, con anche 4 gol messi a segno, due decisivi per la vittoria di Cagliari. "Posso ancora crescere -

    – a cura di Datasport

    Raffaello tifava Roma (antiqua)

    Negli ultimi anni di attività Raffaello si era imbarcato nella sua impresa antiquaria più ambiziosa: la ricostruzione grafica, in pianta, in alzato e in sezione, dei principali monumenti delle quattordici regioni di Roma antica. Un progetto grandioso, sostanzialmente sfumato alla morte

    – Francesco Paolo

1-10 di 77 risultati