Persone

Giovanni Floris

Giovanni Floris è nato il 27 dicembre del 1967 a Roma ed è un giornalista e scrittore italiano.

Ha condotto il programma 'Ballarò', in onda su RaiTre ed attualmente conduce su La7 il talk show 'Dimartedì'.

Giovanni Floris si è laureato in Scienze Politiche nel 1991 presso l‘Università Luiss di Roma.

Già collaboratore di alcuni quotidiani, ha frequentato la Scuola di Giornalismo Radiotelevisivo di Perugia ed ha iniziato così a lavorare prima nella redazione economica del GrUno, in Rai e successivamente all’agenzia Agi.

Nel 1996 Floris è stato assunto al Giornale Radio Rai.

Si trovava a New York, in qualità di inviato, all'epoca dei fatti dell'11 settembre 2001. Dopo quella esperienza, fu nominato corrispondente per la RAI dagli USA, con sede a New York, dove si trasferì.

Nel 2002 è diventato conduttore del nuovo programma di aggiornamento di Rai 3 'Ballarò'.

Il 3 luglio del 2014 viene comunicato che Floris lascerà la RAI per passare, a partire dalla stagione 2014/2015, sull'emittente LA7 con un contratto che lo legherà all'azienda fino al 2019.

Giovanni Floris è autore di diversi saggi, 'Monopoli' (Rizzoli 2005); 'Mal di Merito' (Rizzoli 2007); 'La Fabbrica degli Ignoranti' (Rizzoli 2008); 'Separati in patria' (Rizzoli 2009); 'Decapitati' (Rizzoli 2011)e 'Oggi è un altro giorno' (Rizzoli 2013). Nel 2014 esce il suo primo romanzo, 'l confine di Bonetti' (Feltrinelli)

E' sposato con Beatrice Mariani e padre di due figli, Valerio e Fabio.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Società dell'informazione | Giovanni Floris | Università Luiss | Stati Uniti d'America | Rai Tre | Feltrinelli | Beatrice Mariani | Roma | La Sette |

Ultime notizie su Giovanni Floris

    Se i BTp quotano come i Tbond, perché l'Italia rischia e gli Usa no?

    Nel corso della trasmissione "Di Martedì" condotta da Giovanni Floris su La7 si è parlato di spread. Tra gli ospiti in studio c'era anche il noto esponente no-euro Antonio Rinaldi che a un certo punto ha preso la parola e ha detto: «Si parla tanto dello spread italiano rispetto al tedesco ma non si

    – di Andrea Franceschi

    Lo storico Tasso e la new entry Carrell: i licei top di Roma e Milano a confronto

    Hanno esattamente 110 anni di differenza, ma da quest'anno sono i due licei classici al top delle graduatorie di Eduscopio di Roma e Milano: il liceo pubblico romano Torquato Tasso, meglio noto come «il Tasso» fondato nel 1887 dove hanno studiato premier e ministri, ma anche famosi attori e

    – di Marzio Bartoloni

    Manovra, Conte: misure contenimento se crescita non sarà quella prevista

    «Sia la riforma della Fornero sia il reddito di cittadinanza partiranno nei primi mesi del 2019». Ospite alla puntata di "Dimartedì" che andrà in onda in serata su La 7 il premier Giuseppe Conte conferma il timing delle riforme bandiera del suo Governo, differite rispetto alla legge di Bilancio

    Berlusconi: no appoggio esterno a Lega-M5S. Di Maio: decreto per voto a giugno

    Nel tentativo di scongiurare il ritorno alle urne, la Lega torna a chiedere a Berlusconi un "passo di lato" per consentire la nascita di un governo con i Cinquestelle. Ma dall'ex Cav arriva l'altolà ufficiale dopo il rincorrersi di alcune voci. «Silvio Berlusconi smentisce fermamente le

    – di Al.Tr.

    Accoltellato a Perugia mentre affigge manifesti di Potere al popolo

    Ancora violenza in questi giorni che ci separano dal voto del 4 marzo. Nella notte un trentasettenne è stato accoltellato, in maniera comunque non grave, mentre - secondo quanto riferito da lui stesso agli investigatori - stava affiggendo dei manifesti elettorali di "Potere al popolo" alla

    – di Redazione Roma

    Renzi: in Sicilia abbiamo perso. Premier? Sceglie il Parlamento

    «Male, abbiamo perso. Non sono tra quelli che dicono: "Sono arrivato secondo ma son contento". Musumeci viene da una storia totalmente diversa dalla mia: gli dico onore a lui e in bocca al lupo, anche se non condivido una virgola del suo curriculum. Mi auguro che porti risultati». Così il

    – di Redazione online

    Renzi: con le alleanze possiamo fare il 40 per cento

    «Sono mesi che cercano di mettermi da parte, ma non ci riusciranno nemmeno stavolta». Matteo Renzi sbarra la strada, di netto, alle voci di sommovimenti in atto nell'area del centrosinistra dopo la deludente ultima performance alle urne per i dem. Alla domanda sulla necessità di togliersi di mezzo

    – di Nicola Barone

    Di Maio sfida Renzi a duello in Tv, lui accetta: «Mi va bene il 7 novembre»

    «Va bene martedì 7 novembre da @diMartedi con Giovanni Floris. E' la più vista in prima serata. Saluti dalla Sicilia: qui il 5 novembre si vota». Così Luigi Di Maio, candidato premier del M5S, replica via twitter a Matteo Renzi, che poco prima aveva accettato la sfida ad un confronto televisivo

    – di Redazione Online

1-10 di 138 risultati