Persone

Giovanni Falcone

Giovanni Falcone era nato il 18 maggio del 1939 a Palermo ed è deceduto a Capaci (PA), il 23 maggio del 1992, è stato un magistrato italiano vittima, insieme alla moglie Francesca Morvillo (magistrato) ed ai suoi agenti di scorta, della strage di Capaci.

E' considerato insieme a Paolo Borsellino, suo collega ed amico, un eroe italiano della lotta contro la mafia.
Allievo del Liceo classico di Palermo, negli anni '50 Giovanni Falcone ha compiuto una breve esperienza all'Accademia navale di Livorno.

Nel 1961 si è laureato con lode in giurisprudenza, presso l'Università degli Studi di Palermo.

Superato il concorso in magistratura, nel 1964 è diventato Pretore a Lentini per trasferirsi come Sostituto Procuratore a Trapani, dove è rimasto per 12 anni.

Nel 1979 Falcone è entrato sotto la guida del giodice Rocco Chinnici nell'Ufficio istruzione della sezione penale dei Tribunale di Palermo, dove ebbe occasione di lavorare insieme al giudice Paolo Borsellino.

Il processo a carico di Rosario Spatola, cosenti a Falcone di scoprire l'intreccio internazionale della crininalità organizzata, portandolo a seguire filoni d'indagine nello spaccio degli stupefacenti, che lo portarono fin negli Stati Uniti.

Le indagini del pool antimafia, alle quali ha partecipato anche Borsellino, nel 1984 hanno fatto emergere l’organizzazione di Cosa Nostra e nel 1986 hanno portato al Maxiprocesso di Palermo.

Grazie alle preziose confessioni di i Tommaso Buscetta, che catturato si pentì e cominciò a collaborare con la giustizia a partire dal luglio del 1984, Giovanni Falcone potè conoscere la struttura dell'organizzione mafiosa. In particolare Falcone intuì la struttura verticistica dell'organizzazione mafiosa, strutturata a partire da alcune famiglie in posizione di comando e caratterizzata spesso da un rapportò di contiguità con apparati dello Stato.

Nel dicembre del '86 Giovanni Falcone è stato nominato Procuratore della Repubblica di Marsala.

Dopo il fallito attentato dell'Addaura, in cui ha rischiato la vita, il Consiglio superiore della Magistratura lo ha nominato Procuratore aggiunto presso la Procura della Repubblica di Palermo.

Candidatosi alle elezioni per i membri togati del Consiglio superiore della magistratura del 1990, Falcone non venne eletto ed accettò, su proposta dell'on. Claudio Martelli, allora vicepresidente del Consiglio e ministro di Grazia e Giustizia ad interim, di dirigere la sezione Affari Penali del ministero.

Il 23 maggio del 1992, ritornato come ogni venerdì a Palermo per il fine settimana insieme alla moglie Francesca Morvillo anche lei magistrato (impegnata in quei giorni a Roma in qualità di commissario negli esami per l'accesso alla carriera di magistrato) viene ucciso nella strage di Capaci.

Uscito dal jet che lo aveva portato da Roma a Punta Raisi, Giovanni Falcone prese posto insieme alla moglie in una Fiat Croma che, preceduta e seguita dalle auto di scorta, avrebbe dovuto portarlo a Palermo ma giunto all'altezza di Capaci, viene travolto dall'esplosione di una carica di 1000 kg di tritolo, sistemati all'interno di un cunicolo di drenaggio sotto l'autostrada.

Falcone e la moglie, gravemente feriti, vennero ricoverati in codizione disperate presso i centri di neurochirurgia più specilizzati di Palermo ma morirono dopo alcune ore, con loro morirono anche tre agenti della scorta,

L'eroismo di Giovanni Falcone è stato tributato con l'attribuzione di una Medaglia d'oro al valor civile (Roma, 5 agosto 1992) e di moltissimi altri riconoscimenti.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Palermo | Giovanni Falcone | Rocco Chinnici | Capaci | Tommaso Buscetta | Trapani | Francesca Morvillo | Csm | Claudio Martelli | Rosario Spatola | Cosa Nostra | Giovanni Borsellino | Procura della Repubblica | Paolo Borsellino | Roma | Addaura |

Ultime notizie su Giovanni Falcone

    Così la mafia ha messo le mani su ciò che mangiamo

    Nel 1991 il procuratore Giovanni Falcone, più tardi assassinato dalla mafia siciliana, istituì la DIA, la Direzione investigativa antimafia, una sorta di agenzia d’intelligence multi-force come l’Fbi.

    – di Hannah Roberts

    Da Impastato a Falcone, tutti i segreti degli archivi spariti

    Con i documenti di Peppino Impastato, di cui ora il fratello chiede la restituzione, dopo la fine per prescrizione dell'ultimo processo; con la borsa di Carlo Alberto Dalla Chiesa, sparita dall'auto del delitto; i file del pc di Giovanni Falcone; la famosa agenda rossa di Paolo Borsellino, la cui scomparsa- secondo i pm della trattativa - rappresentò il primo atto di depistaggio.

    – di Raffaella Calandra

    Antonino Scopelliti, il magistrato che faceva paura a mafia e terrorismo

    Il cosiddetto “maxi processo”, istruito a Palermo dal pool antimafia di Falcone e Borsellino, aveva ormai passato il secondo grado di giudizio ed era pronto per affrontare il verdetto finale. ... A pronunciare, anzi scrivere queste parole, in un editoriale pubblicato su La Stampa il 17 agosto 1991, è l’alto commissario per gli affari penali Giovanni Falcone.

    – di Redazione Online

    Borsellino, Mattarella: non smettere ricerca verità

    Insieme al collega e amico Giovanni Falcone, Borsellino è diventato, a pieno titolo, il simbolo dell'Italia che combatte e non si arrende di fronte alla criminalità organizzata» ha aggiunto il capo dello Stato

    – di Andrea Gagliardi

    Ragazzi-attori scatenano l'«Inferno» alla Società Dante Alighieri

    Non è la prima volta che la sede della prestigiosa Società Dante Alighieri, istituzione fondata nientemeno che da Giosuè Carducci con lo scopo di tutelare la lingua italiana, ospita rappresentazioni ispirate al Divin Poeta. Né è la prima volta che giovani prestati al teatro si cimentino con la

    Chiedi chi era Ligresti: ascesa e declino del vicerè di Milano

    Se c'è un aggettivo adatto per descrivere la parabola di Salvatore Ligresti questo è «trasversale». Lui è stato trasversale al tempo, che ha scandito adattandosi a tutti i suoi mutamenti; allo spazio, che ha occupato fisicamente con le sue inconfondibili torri; alla politica, che ha cavalcato con

    – di Stefano Elli

    Stato-Mafia: condannati Mori e Dell'Utri, assolto Mancino

    La Corte di Assise di Palermo ha condannato a pene comprese tra 8 e 28 anni di carcere per la cosiddetta trattativa Stato-Mafia gli ex vertici del Ros Mario Mori, Antonio Subranni e Giuseppe De Donno, l'ex senatore Marcello Dell'Utri, Massimo Ciancimino e i boss Leoluca Bagarella e Nino Cinà.

    – di Roberto Galullo

1-10 di 472 risultati