Persone

Giorgio Armani

Giorgio Armani nato a Piacenza l’11 luglio del 1934 è uno stilista e imprenditore italiano. Considerato una delle punte di diamante del made in Italy, ha avuto l’indiscusso merito di portare , in tutto il mondo, un modello vincente ed elegante di creatività.Abbandonati gli studi in Medicina, nei primi anni ’60 viene assunto come merchandiser a La Rinascente di Milano, allora, vera e propria fucina di talenti creativi.Nel 1965 viene assunto da Nino Cerruti per dare un nuovo volto al marchio Hitman del Lanificio Francesco Cerruti e disegna così la sua prima linea. Dopo sette anni, su incoraggiamento dell’amico e futuro socio Sergio Galeotti, lascia Cerutti per diventare un disegnatore di moda e consulente free lance. Nel 1975 nasce la Giorgio Armani s.p.a con la primissima linea uomo-donna prèt a porter. A distanza di un anno, la collezione che lo consacra come nuovo talento della moda, è presentata nella prestigiosa Sala Bianca di Firenze ed è l’inizio di uno stile nuovo. La rigidità e le linee squadrate e severe delle giacche da uomo, cedono il passo ad una versione informale, morbida, priva di supporti interni, con i bottoni spostati e senza spalline. Forme libere e lontane dai vecchi canoni ma sempre controllate per eleganza e buon gusto. E per la donna scarpe con il tacco basso e addirittura sportive, vengono accostate agli abiti da sera. La sua notorietà si diffonde in Europa e, grazie a un contratto con il Gruppo Finanziario Tessile, il Gruppo comincia la sua espansione nelle principali capitali europee. Alla fine degli anni 60 la maison è una delle più importanti aziende di moda del globo con le seguenti linee: Le Collezioni, Armani junior, Accessori, Underwear e Swinwear. Nel 1982, la consacrazione definitiva, gli viene attribuita dal Time (Giorgio’s Gorgeous Style). Fra gli stilisti, solo Christian Dior, quarant’anni prima, aveva ottenuto tale onore. E’solo l’inizio di molti successi: nell’83 il Council of Fashion Designers of America lo elegge “stilista internazionale dell’anno”, nominato Commendatore della Repubblica nel 1985, Grande Ufficiale nel 1986 e Gran Cavaliere nel 1987. Premiato dall’associazione animalista Peta nel 1990, nel 91 il Royal College of Art di Londra, gli conferisce la laurea honoris causa e nel 1998 Il Sole 24 Ore gli tributa il Premio Risultati, il riconoscimento assegnato alle imprese italiane che creano valore e rappresentano formule imprenditoriali di successo. Gli anni 80 vedono il gruppo impegnato su diversi fronti: dalla produzione di profumi affidata alla L’Oreal, all’espansione del gruppo in Asia e, nello stesso periodo, alla nascita delle linee Armani jeans e Emporio Armani. Nel 2000 sigla un accordo con il Gruppo Zegna per produrre e distribuire le linee Armani Collezioni in joint venture. Nel 2002 nasce la partnership con Luxottica e, a seguire, le linee Giorgio Armani Cosmetics e Armani Casa.Nella classifica stilata dalla rivista americana Forbes il patrimonio di Giorgio Armani ammonta a circa 7 miliardi di dollari (dati 2017).

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Imprese | Stilista | L'Oréal | Emporio Armani | Ermenegildo Zegna | Nino Cerruti | Gruppo Finanziario Tessile | Christian Dior | La Rinascente | Royal | Sergio Galeotti | Francesco Cerruti | Bianca Sala | Luxottica | College of Art | Peta | Europa | Essere Armani | Renata Molho |

Ultime notizie su Giorgio Armani

    Da Milano a Parigi la moda diventa eterea, unisex e teatrale

    Tocca a Giorgio Armani chiudere la kermesse di Milano. ... Giorgio Armani ... Delicato nello spirito, preciso nell’espressione, Armani propone una visione eterea fatta di tinte liquide e riflessi metallici, di pastelli impalpabili e forme vaporose, popolata di donne angelicate che paiono uscite da una foto di Sarah Moon - della quale è in corso al Silos la bella retrospettiva From one season to another - che sono fragili ma anche decise, con il cappello che pare un alone iridescente e gli...

    – di Angelo Flaccavento

    Tra moda e hotel di lusso: Eco Contract+Eco Design conquista le archistar

    Un legame che ha portato le due società lombarde, guidate dai fratelli Lorenzo e Massimo Comoletti, in giro per il mondo, tra Stati Uniti, Cina, Est Europa e Medio Oriente, per rivestire pavimenti e pareti dei negozi di Giorgio Armani, Salvatore Ferragamo, Prada.

    – di Natascia Ronchetti

    La donna di Giorgio Armani tra la fatina la rockettara. Drappeggi da Marni e un'infinita leggerezza da Missoni

    Persino Giorgio Armani, il designer che ha insegnato a tutti come coniugare pragmatismo ed eleganza, si rifugia in una visione eterea fatta di tinte liquide e riflessi metallici, di pastelli impalpabili e forme vaporose, popolata di donne... Armani, ancora raggiante dopo i trionfi di EA Boarding, è infatti un escapista sui generis. ... Il cerchio dunque si chiude: pur non rinunciando alla purezza delle linee che accompagnano con naturalezza il corpo, la donna Armani trova una nuova...

    – di Angelo Flaccavento

    Fashion Week, quanto costa una sfilata? Come un appartamento

    Si parte da 100mila euro per arrivare a diversi milioni: il grande evento che Giorgio Armani ha organizzato ieri sera a Linate per la sua linea più giovane, Emporio, secondo alcune stime potrebbe essere costato un anno di preparativi e cinque milioni di euro.

    – di Chiara Beghelli e Giulia Crivelli

    Pink mania: dai profumi al make up, la bellezza celebra il gran ritorno del rosa

    La nuova collezione di Neo Nude Collection di Giorgio Armani Beauty, per un make up quasi invisibile, propone un pack rosa polvere per i diversi cosmetici, in particolare il fard A-Blush è disponibile in 5 sfumature, dal rosa chiaro al rosa scuro, passando per un arancione luminoso, in modo da adattarsi a qualsiasi carnagione.

    – di Monica Melotti

    Milano, per i giochi invernali si lavora (con calma) d'estate

    Sono proprio i tempi dilatati per la costruzione del nuovo impianto, che verrà rinominato in Allianz Cloud dopo il forfait di Armani, che lasciano perplessi sulla data di consegna dell’impianto, magari ben prima delle Olimpiadi, sempre che ci... Una situazione di stallo che costrinse Giorgio Armani a rinunciare a dare il suo nome al palazzetto.

    – di Cesare Balbo

    Luci e ombre sul bilancio di Armani, alla sfida del cambiamento

    Ma Giorgio Armani è stato pioniere praticamente in tutto quello che ha fatto. ... Per anni ha fatto della molteplicità di marchi sotto lo stesso grande ombrello Armani una caratteristica vincente. ... Non fosse che per le recenti, numerose iniziative: aperture (a Firenze in piazza Strozzi), radicali restyling (a Monaco di Baviera) e introduzione di nuovi concept, come le boutique Giorgio Armani e Armani/Casa in Sloane Street a Londra: la miglior immagine per capire quanto i due mondi, moda e...

    – di Giulia Crivelli

1-10 di 853 risultati