Ultime notizie:

Gigi Simoni

    Morto Gigi Simoni, allenatore e gentiluomo che sfiorò la storia

    Di campanili ne ha visti tantissimi, di storia ne ha vissuta altrettanta Gigi Simoni, in più di mezzo secolo di carriera prima come calciatore, poi come allenatore. ... A giugno 2019 Simoni era stato ricoverato dopo un malore nella sua abitazione di San Piero a Grado (Pisa). ... L'affare sfuma e la Vecchia Signora, nell'estate 1967, ripiega proprio su Simoni.

    – di Francesco Prisco

    Malore per Gigi Simoni: allenatore gentiluomo, vinse la Coppa Uefa con l'Inter

    Gigi Simoni è ricoverato in gravi condizioni nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale Cisanello di Pisa. Il 'tecnico gentiluomo', 80 anni compiuti il 22 gennaio scorso, ha accusato un malore nella sua abitazione di San Piero a Grado (Pisa) ed è stato immediatamente trasferito in ospedale in condizioni molto critiche

    Londra capitale dell'Europa League: Chelsea-Arsenal è un derby da record

    Vincere, magari, per poi dirsi addio. Paradossale, il destino di Maurizio Sarri al Chelsea. Osannato per la qualità del suo calcio, capace di far approdare i Blues in Champions con buon anticipo (seppur con i prevedibili patemi di una rosa non più giovanissima e non rimpolpata da un mercato

    – di Dario Ricci

    'Il Mondo non si è fermato mai un momento': addio Mister

    Nel 1965 Jimmy Fontana cantava "Il Mondo non si è fermato mai un momento". Allora Emiliano Mondonico correva già da un pezzo sull'erba inseguendo un pallone e, nei nostri pensieri, non smetterà mai di farlo. Succede molto a Rivolta d'Adda, la "madre" di tutte le province che Mondonico avrebbe

    – a cura di Datasport

    Inter, Zanetti: "Moratti come un padre per me"

    Javier Zanetti è entrato a pieno diritto nella storia dell'Inter. "Mi videro Angelillo, Mazzola e Suarez. Quando mi dissero dell'inter, non potevo credere parlassero di me." Erano 22 anni fa quando un giovane argentino atterrò a Malpensa, con il molto più promettente brasiliano Rambert. Da allora

    – a cura di Datasport

    Recoba, il gioiello mancino sospeso tra talento e anarchia

    Quando era se stesso, quando decideva di spostare destino ed umori, Alvaro Recoba assomigliava a quegli eroi un po' leggenda un po' fumetto. Gente unica e introvabile, capace di infilare la porta da calcio d'angolo o con pallonetto da 50 metri, come avvenne in un Empoli-Inter del 1998. Lui,

    – di Giulio Peroni

    Ranieri, la gratitudine e la logica (perversa) del calcio

    Capisco non sia facile da digerire, ma nel mondo del calcio l'esonero di Ranieri ha una sua logica. Perversa, ma ce l'ha. Intanto iniziamo con il dire che se Ranieri fosse svizzero, o portoghese, dalle nostre parti il suo licenziamento sarebbe passato quasi sotto silenzio. Una notizia, al massimo,

    – di Mattia Losi

    Calcio, allenatore che vince si cambia. I presidenti sono davvero nel pallone

    Non siamo ai livelli di Gigi Simoni, fulminato dalle ire di Massimo Moratti appena dopo aver ritirato il premio come miglior allenatore della stagione precedente e aver asfaltato (3-1) il Real Madrid in Champions a San Siro, ma anche Iachini e Zenga avrebbero qualcosa da dire dopo essere stati

    – Mattia Losi

1-10 di 29 risultati