Persone

Gianni Zonin

Gianni Zonin è un imprenditore vicentino nato a Gambellara il 15 gennaio 1938.

Laureato in Giurisprudenza si diploma poi in Enologia. Partecipa subito all'attività di famiglia e nel 1967, quando l'azienda familiare si trasforma nella Cantine Zonin S.pA, con sede a Gambellara, ne diventa presidente. Ha guidato l'azienda vinicola Zonin1821 ( 2.000 ettari di vigne su 9 tenute oltre a quella americana a Barboursville Vineyards in Virginia) fino al 2016 quando la presidenza è passata al figlio Domenico.

E’ stato anche presidente dal 1996 fino al dicembre 2015 del Banco Popolare di Vicenza e consigliere di amministrazionedello stesso istituto bancario per 37 anni. Poco dopo le indagini che lo hanno coinvolto per il crack dell’istituto vicentino (è indagato per aggiotaggio e ostacolo alla vigilanza con l'ex direttore generale Samuele Sorato e l'ex vice direttore Emanuele Giustini ) ha lasciato la guida dell’azienda ai figli.

Collezionista d' arte,nel 1989 è stato insignito dell'Ordine al “Merito del Lavoro” dal Presidente della Repubblica.

Sposato con Silvana Zuffellato ha tre figli Domenico, Francesco e Michele.

Ultimo aggiornamento 04 aprile 2017

Ultime notizie su Gianni Zonin

    Popolare di Vicenza: rinvio a giudizio per Zonin ed ex vertici

    Sono stati rinviati a giudizio dal Giudice per l'udienza preliminare Roberto Venditti, Gianni Zonin e gli altri 5 imputati per il dissesto della Banca popolare di Vicenza. ... Assieme a Zonin e agli ex amministratori Giuseppe Zigliotto, Emanuele Giustini, Andrea Piazzetta, Paolo Marin e Massimiliano Pellegrini, è stato rinviato a giudizio anche lo stesso istituto di credito, in qualità di responsabile civile.

    Banche fallite, ristori per oltre 300mila soci

    Per cominciare a muoversi l’esercito dei soci di Gianni Zonin, di Vincenzo Consoli e delle banche «risolte» dovranno attendere il 31 gennaio 2019, data entro la quale dovrà essere emanato il decreto del presidente del Consiglio dei Ministri che stabilirà i requisiti, le modalità e le condizioni dei ristori.

    – di Stefano Elli

    Vini Zonin, 70 milioni di aumento per fondo Usa: ma c'è l'ombra Popolare di Vicenza

    Settanta milioni di euro. E' più o meno la cifra necessaria per l'aumento di capitale che la famiglia Zonin, aiutata dall'advisor Mediobanca, avrebbe in mente per la controllata Casa Vinicola Zonin 1821, una delle maggiori aziende del settore, con una importante propensione all'export (circa il 90% dei ricavi viene generato fuori dall'Italia). Il nuovo socio, secondo le attese, dovrebbe essere preferibilmente straniero. L'obiettivo sarebbe infatti quello della crescita internazionale del gruppo,...

    – Carlo Festa

    Venete, si aspetta il decreto-rimborsi. Baretta: «Soluzione a breve»

    «Confido che a giorni avremo il decreto. La costituzione del fondo è stata approvata a larghissima maggioranza in Parlamento. Attuare il decreto è solo una questione tecnica, fa parte dell'ordinaria amministrazione». Il sottosegretario all'Economia del Governo uscente Pier Paolo Baretta si dice più

    – di Katy Mandurino

    Popolare Vicenza: sequestrati beni nella villa di Zonin per 19 milioni di euro

    «Andate a prendere i soldi a Zonin!» , era il grido che più di un corteo di risparmiatori truffati inneggiò per mesi davanti alle ville dell'ex patron della Banca Popolare di Vicenza all'indomani del crac dell'istituto vicentino. Molti di quegli stessi risparmiatori oggi, a distanza di quasi tre

    – di Katy Mandurino

    Popolare di Vicenza, sequestro da 106 milioni

    Per la prima volta, dall'inizio delle indagini penali a carico della Banca Popolare di Vicenza - attualmente in stato di liquidazione coatta amministrativa -, è stato effettuato il sequestro di una somma di denaro considerata profitto illecito da parte dell'istituto bancario.

    – Katy Mandurino

    Popolare di Vicenza, partono i sequestri anche per Zonin

    Mentre è di recente memoria l'interrogatorio di Gianni Zonin davanti alla Commissione parlamentare sulle banche - solo poche settimane fa - in cui l'ex banchiere, ventennale presidente della Banca Popolare di Vicenza della cui vita è stato regista indiscusso, ha esposto le ragioni della sua

    – Katy Mandurino

    Visco: «Renzi mi chiese di Etruria, non gli risposi. Da Boschi nessuna pressione»

    Sulle crisi bancarie «ho due rimpianti». Il primo è per non «aver spinto con forza» le banche sul recupero delle sofferenze e la seconda è di essersi accorti dei problemi della Popolare di Vicenza solo nel 2014 dopo l'ispezione e l'emersione del fenomeno delle "baciate". Lo ha affermato il

    – di Redazione Online

    Banche Venete, Consoli: Bankitalia caldeggiò fusione con Vicenza

    Maria Elena Boschi partecipò a un incontrò con i vertici di Banca Etruria e di Veneto Banca nella casa di famiglia ad Arezzo nella pasqua del 2014, «per un quarto d'ora, nel quale non proferì parola, dopo di che si alzò e andò via». La riunione avvenne «perchè sapemmo che Etruria aveva ricevuto da

    – di Andrea Gagliardi

1-10 di 150 risultati