Persone

Gianni Agnelli

Giovanni detto Gianni Agnelli è stato un imprenditore e un industriale italiano. Al vertice della Fiat di Torino, era conosciuto come “l’avvocato”. È stato inoltre Presidente del club calcistico della Juventus, di Confindustria, dell'Istituto Finanziario Industriale e sindaco di Villar Perosa (in provincia di Torino).

Gianni Agnelli si è laureato in giurisprudenza, nel 1943 a Torino. L’anno successivo si è arruolato ufficiale di collegamento del Corpo Italiano di Liberazione. A 25 anni è stato eletto presidente della società di produzione di cuscinetti a sfere fondata da Roberto Incerti e dal nonno e nello stesso anno è diventato anche sindaco di Villar Perosa. Nel 1947 Gianni Agnelli è stato nominato Presidente della Juventus e dopo aver scampato a un grave incidente stradale, nel 1959 è diventato Presidente dell'Istituto Finanziario Industriale. Quattro anni più tardi ha ricoperto la carica di Amministratore delegato della Fiat, per poi ereditare nel 1966, il comando dell’azienda automobilistica. Gianni Agnelli è morto nel 2003 per un carcinoma prostatico.

Nel 1953 a Strasburgo Gianni Agnelli ha sposato Marella Caracciolo dei Principi di Castagneto, dalla quale ha avuto due figli: Edoardo e Margherita. Durante la sua carriera Agnelli ha controllato il 100% del quotidiano La Stampa (tuttora di proprietà Fiat), un terzo del capitale del Corriere della Sera e il 46% della Rizzoli. È stato Presidente della Confindustria dal 1974 al 1976.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Imprese | Gianni Agnelli | Istituto finanziario industriale | Fiat | Rizzoli | Villar Perosa | Roberto Incerti | Marella Caracciolo | Confindustria | Juventus |

Ultime notizie su Gianni Agnelli

    Rapporto Pirelli, una lezione di modernità

    Leopoldo Pirelli, quale presidente della Commissione incaricata di elaborare le nuove linee-guida del sodalizio confederale, e Gianni Agnelli erano stati i principali ispiratori del documento, di una cinquantina di pagine, che recava a mo' di... D'altra parte, se Gianni Agnelli aveva patrocinato l'idea di immettere, come diceva un «po' di aria fresca nel vecchio santuario» confindustriale, non solo per via delle sue suggestioni kennediane, ma anche sotto la spinta della...

    – di Valerio Castronovo

    Il riformista Craxi e l'irruzione dell'odio nella vita politica

    Nel ventennale della morte il libro dell'inviato della Stampa Fabio Martini dal titolo «Controvento, la vera storia di Bettino Craxi» ha innanzitutto il pregio, restituendoci il clima dell'epoca, di segnalare come la categoria dell'odio politico fa il suo ingresso nella storia repubblicana proprio con e contro Craxi

    – di Emilia Patta

    La «lettera di Monaco», così Agnelli incoronò John Elkann alla guida dell'impero

    Nel luglio 1996 Giovanni Agnelli è ricoverato a Montecarlo per una delicata operazione al cuore. Ma prima di entrare in sala operatoria scrive una dichiarazione delle sue ultime volontà. Nel documento vergato di suo pugno lascia la sua quota nella società semplice Dicembre, chiave di volta per il controllo del gruppo Fiat, al nipote Yaki. Comincia così l'ascesa dell'uomo che ha voluto l'acquisizione del gruppo editoriale Gedi e l'alleanza con i francesi di Psa

    – di Angelo Mincuzzi

1-10 di 315 risultati