Le nostre Firme

Giancarlo Mazzuca

Giancarlo Mazzuca, già direttore del “Resto del Carlino”, del “Giorno (due volte) e del QN, è stato inviato speciale del “Corriere della Sera”. Ha lavorato a “Fortune” e al “Giornale” ed è stato vicedirettore di Indro Montanelli alla “Voce”. Ha scritto diversi libri tra i quali: “La Resistenza tricolore” (con Arrigo Petacco), “Mussolini e i musulmani” (con Gianmarco Walch) e “Noi fratelli” (con Stefano Girotti Zirotti). Ha vinto premi come il “Saint Vincent per l'economia”, il “Silone”, il “Montanelli”, il “Campione d'Italia”, l'”Acqui Storia” , il “Galileo 2018 per il dialogo interreligioso” e il “Cultura e solidarietà “ sempre per il 2018

Ultimo aggiornamento 26 ottobre 2018

Ultimi articoli di Giancarlo Mazzuca

    Test Manovra e incertezze globali sotto l'albero di Natale

    Chi ha una certa età ricorda che, spesso e volentieri, grandi rivolgimenti nel mondo della finanza e non solo accadevano attorno a Ferragosto finendo, così, per rovinarci le nostre vacanze estive. Un esempio tra i tanti: quel 15 agosto del 1971 quando il presidente americano Richard Nixon pose fine

    – di Giancarlo Mazzuca

    La sindrome cinese torna ad aleggiare sui mercati

    Ci risiamo: la sindrome cinese torna ad aleggiare sui mercati finanziari in vista del 2019. Al di là della vicenda Huawei - con l'arresto in Canada della figlia del colosso giallo che ha gelato le grandi aspettative di un accordo commerciale tra Stati Uniti e Pechino consolidate appena una

    – di Giancarlo Mazzuca

    Manovra, il malessere non riguarda solo le imprese

    Chi l'avrebbe mai detto: anche le coop si schierano accanto agli industriali nella crociata montante contro la manovra messa in piedi dal governo gialloverde. Oggi il vicepremier Salvini ha chiesto, un po' stizzito, di lasciare lavorare il governo in pace - anche perché, a suo dire, gli stessi

    – di Giancarlo Mazzuca

    L'alibi della battaglia con l'Ue sui decimali

    A leggere i giornali di questi giorni, pare quasi che il braccio di ferro tra Roma e Bruxelles sulla nostra manovra economica si possa risolvere con qualche "zero virgola" in più o in meno del nostro rapporto deficit/Pil. Anche il vicepremier Salvini, che, con qualche ragione, sembrava il più

    – di Giancarlo Mazzuca

    L'Europa non è il Titanic ma contro l'iceberg rischiamo di schiantarci noi

    Al telefono, Paolo Savona, ministro per gli affari europei, mi conferma quanto aveva già detto in questi giorni: «Non ho alcuna intenzione di dimettermi!». Anche con il sottoscritto l'economista sardo ha così voluto ribadire - lui che veniva definito il "cigno nero", l'euroscettico per eccellenza -

    – di Giancarlo Mazzuca

    Le grandi opere e il monito degli industriali al Governo

    E dopo le "madamin", saranno gli industriali a dire "sì Tav". L'assemblea generale di Confindustria - che lunedì 3 dicembre, assieme ad altre organizzazioni imprenditoriali, si riunirà in seduta straordinaria a Torino alla presenza di tutti i presidenti delle associazioni e delle categorie del

    – di Giancarlo Mazzuca

    In Italia un nuovo caso-Grecia?

    Quando i paradossi diventano realtà: se eravamo arciconvinti che mai in Italia ci sarebbe potuto essere un nuovo caso-Grecia, paradossalmente oggi guardiamo invece ad Atene quasi come a un modello da seguire. In questi giorni ci sono infatti state due notizie pubblicate contemporaneamente dai

    – di Giancarlo Mazzuca

    Se il braccio di ferro con l'Europa si ritorce contro l'Italia

    Un'ammonizione tira l'altra: se un giorno arriva il cartellino giallo dell'Istat che attesta lo stop alla crescita dell'Italia nel terzo trimestre dopo tre anni positivi, ecco, il giorno dopo, quello rosso per l'aumento della disoccupazione. E, intanto, Bruxelles, prima di sanzionarci

    – di Giancarlo Mazzuca

    La manovra e le contraddizioni del governo bicefalo

    Lui era un abitante del profondo Nord d'Europa e con l'Italia ha avuto poco a che fare, ma c'è una frase di Soren Kierkegaard che fotografa benissimo la rotta a zig-zag sulla manovra del bastimento tricolore. Scriveva il filosofo danese: «La nave è ormai in preda al cuoco di bordo e ciò che

    – di Giancarlo Mazzuca