Ultime notizie:

Giancarlo Giudici

    Pmi, dalla finanza «alternativa» arrivano risorse per 1,2 miliardi

    Nel complesso, come rileva il direttore scientifico della ricerca del Politecnico, Giancarlo Giudici, siamo in presenza di «un mercato che sta profondamente cambiando, dove il gap persistente e non piccolo con gli altri Paesi europei comparabili dimostra che esiste spazio per la crescita e per nuovi attori».

    – di Maximilian Cellino

    Cresce in Italia la finanza alternativa: più supporto a non quotate e Pmi

    «I dati mostrano un mercato in forte crescita - afferma Giancarlo Giudici, direttore scientifico dell’Osservatorio crowdinvesting del Politecnico di Milano – grazie a politiche favorevoli, come l’estensione dell'equity crowdfunding a tutte le Pmi e l'applicazione della ritenuta sostitutiva del 26% ai proventi per il lending crowdfunding, all'apertura del crowdinvesting a nuove aree di business, come quella del real estate, e in generale alla progressiva maturazione del mercato.

    – di Mara Monti

    In Borsa vincono i buoni: le «azioni responsabili» guadagnano di più

    A essere buoni ci si guadagna. Le "azioni buone e responsabili", quelle che sfoggiano i migliori rating sotto il profilo ambientale, sociale o di governance, vengono premiate dal mercato più delle altre. Lo rivela il primo studio europeo sulla correlazione tra rating ESG (environment, social,

    – di Enrico Marro

    Al Sud aumentano le emissioni di mini-bond

    «E' necessario far crescere le piccole imprese e la finanza innovativa può essere molto utile in questo senso», così la pensa Carlo Robiglio, presidente della Piccola Industria di Confindustria, ha detto il leader delle pmi italiane che ha partecipato ieri al seminario "Finanza innovativa per la

    – di Vera Viola

    Al Sud aumentano le emissioni di mini-bond

    «E' necessario far crescere le piccole imprese e la finanza innovativa può essere molto utile in questo senso», così la pensa Carlo Robiglio, presidente della Piccola Industria di Confindustria. «I minibond, il programma Elite di Borsa italiana e altri strumenti alternativi al credito bancario

    – di Vera Viola

    Criptovalute, la Svizzera stringe le maglie sulle Ico. «Rischi di riciclaggio»

    Prima a livello mondiale, la Svizzera stringe le maglie sulle Initial coin offering (Ico) . Venerdì scorso, 16 febbraio, la Finma (l'Autorità federale elvetica di vigilanza sui mercati finanziari) ha pubblicato la «Guida pratica per il trattamento delle richieste inerenti all'assoggettamento in

    – di Nicola Borzi

    La nuova «primavera» dei mini-bond e un futuro ancora da costruire con i Pir

    Mai dare per morti e sepolti i mini-bond: nati sotto i migliori auspici, ma decollati fra mille difficoltà e lo scetticismo generale, gli strumenti obbligazionari creati con l'intento di facilitare l'accesso ai finanziamenti alle piccole e medie imprese italiane sembrano aver trovato finalmente la

    – di Maximilian Cellino

    Un miliardo dalle fonti extra-bancarie

    Un miliardo, euro più euro meno. A tanto ammontano le erogazioni di denaro ottenute attraverso strumenti di finanza innovativa e andate a beneficio delle piccole e medie imprese italiane nel 2017 appena concluso. Un ammontare che forse potrà far sorridere al cospetto dei fondi che le aziende

    – Maximilian Cellino

    L'equity crowdfunding raggiunge quota 18 milioni di euro. In Italia 21 portali autorizzati

    Avanzano timidamente le imprese che scommettono sull'equity crowdfunding: si tratta di startup e pmi innovative che provano a misurare l'interesse di potenziali investitori. Tentando di fatto la scalata verso mercati internazionali. Una partenza in sordina quattro anni fa che oggi lascia però intravedere i primi numeri con segno positivo: a scattare la fotografia è l'Osservatorio Crowdinvesting del Politecnico di Milano, che registra quasi 18 milioni di euro di capitale di rischio raccolto dal...

    – Infodata

    Credito non bancario, 35 miliardi alle imprese

    L'Italia post-crisi si scopre meno «bancocentrica». Un po' per la grande gelata del credito bancario che ha costretto le aziende a cercare alternative e un po' per la nascita di mercati nuovi come quello dei minibond o dei Pir, le aziende sono oggi un po' meno dipendenti dal sistema bancario

    – di Monica D'Ascenzo e Morya Longo

1-10 di 17 risultati