Ultime notizie:

Gershom Scholem

    Uomo diventa lupo

    Quando, dopo aver discusso del concetto di archetipo in Jung, un'amica mi ha consigliato di leggere Uomo diventa lupo (trad. Raul Montanari, Adelphi, ?26) di Robert Eisler, ho insipidamente pensato di trovare scritti sulla ferocia, a partire dalla famigerata espressione latina "homo homini lupus". Quando mi sono trovato in mano il volume - un saggio di oltre 400 pagine - mi sono accorto invece di avere davanti un corpus raro. Il saggio di Eisler si configura infatti come estensione, pletora, un...

    – Mauro Garofalo

    Benjamin e Scholem, tensioni a confronto

    E' in libreria "Archivio e camera oscura. Carteggio 1932-1940, Walter Benjamin e Gershom Scholem" a cura di Saverio Campanini per i tipi di Adelphi

    – di David Bidussa

    Walter Benjamin e i confini di arte e violenza

    Non deve stupire il successo che il filosofo, saggista e critico Walter Benjamin (morto nel 1940 a 48 anni) sta avendo ai nostri giorni. Le sue opere sono apprezzate da opposte tendenze e, d'altra parte, nel suo pensiero confluiscono la mistica ebraica (amico di Gershom Scholem, teologo e semitista

    – di Armando Torno

    Capire Giona con Scholem

    Immaginate una città in cui tutte le luci si spengono alle otto e mezzo di sera. In giro per le strade non rimane anima viva, eccezion fatta per gli stranieri. Poiché è tempo di guerra, e la Svizzera neutrale è un buon posto per sfuggire a eserciti e battaglie, di forestieri a Berna ce ne sono

    – di Giulio Busi

    L'America e il suo demone

    Il canone americano è il titolo dell'ultimo volume di Harold Bloom, appena uscito da Rizzoli e accompagnato - da noi, così come in America e Gran Bretagna - da uno sciame di commenti e interviste di gente che, salvo qualche eccezione, deve aver pensato bastasse scorrere l'indice e poche pagine per

    – Luigi Sampietro

    Palcoscenico del Novecento

    Alcune città cominciano sulla terra, e non si sa bene dove finiscano. Gerusalemme, per esempio, si estende di sicuro in alto. In alto quanto? Almeno fin oltre

    – Giulio Busi

    Il rifiuto dopo il lager: il documentario di Lanzmann e il film di Faenza

    Dal 26 gennaio nelle sale "L'ultimo degli ingiusti", il documentario del regista di "Shoah". Da giovedì è nelle sale "Anita B.": è importante portarci i ragazzi   "La prima volta che compaio davanti a una telecamera? No". Risponde sardonico, tutt'altro che conciliante, Benjamin Murmelstein a Claude Lanzmann. Rabbino di Vienna ai tempi dell'Olocausto e ultimo capo del Consiglio ebraico di Theresienstadt, il "ghetto modello" creato nel 1941 da Adolf Eichmann, Murmelstein in L'ultimo degli ingiusti...

    – Cristina Battocletti

    L'antisemita e l'arciebreo

    Il carteggio inedito tra Carl Schmitt e Jacob Taubes, separati dalla storia e uniti in un dialogo quasi impossibile che trascende da giudizi di responsabilità

    – Giulio Busi

1-10 di 12 risultati