Ultime notizie:

George Best

    Quella panchina che indica l'Europa

    Da giocatore, Roberto Mancini scompaginava le difese con un solo, secco tocco. Ora che guida gli Azzurri, guarda al talento e chiede tenacia

    – di Maria Luisa Colledani

    Cassano lascia: addio al campione più grande (che avremmo potuto avere)

    «Stavolta è finita per davvero». A 36 anni e tre mesi lascia il calcio per sempre Antonio Cassano, il maggior talento che l'Italia abbia avuto negli anni del dopo Roby Baggio. Chissà in quanti, leggendo queste poche righe, staranno saltando sulla sedia: sì, ma Totti? E Del Piero? Eggià: nomini

    – di Francesco Prisco

    Marcus Rashford, il re del debutto

    L'esordio con la prima squadra, e ancor di più con la propria Nazionale, è sempre lo scoglio più duro da superare per un giovane calciatore alla ricerca dell'affermazione. Il tremore nelle gambe e l'insicurezza, però, sicuramente non hanno colpito Marcus Rashford che, alla prima con il Manchester

    – a cura di Datasport

    Mondonico, l'allenatore che portò la classe operaia (del calcio) in paradiso

    Pragmatismo prima di tutto. Poi il «genio» che deve essere premiato sempre, anche quando si porta dietro la sua bella dose di sregolatezza. E quella caparbietà implacabile, quel «non è finita finché non è finita» che faceva di lui una specie di eroe romanzesco, quasi un Masaniello padano, la classe

    – di Francesco Prisco

    Coppa Italia: Lazio-Fiorentina, precedenti e curiosità. La finale del 1958

    Tra pochi minuti Lazio e Fiorentina scenderanno in campo per i quarti di finale di Tim Cup. I precedenti nella Coppa Italia sono 10 divisi quasi equamente: 5 vittorie per la Lazio, 4 per la Fiorentina ed un pareggio. Le ultime tre partite di Coppa tra le due squadre sono state proprio ai quarti di

    – a cura di Datasport

    Nazionale: l'Italia e l'esclusione in Svezia '58

    Se pensiamo alla Svezia calcistica, cosa ci viene in mente? Di sicuro il "biscotto" che i lamentoni paventano tra la Danimarca e la squadra scandinava ai danni della nostra nazionale agli Europei del 2004. Si potrebbe pensare a Re Zlatan e alle sue giocate dall'alto della sua imponenza. Eppure, c'è

    – a cura di Datasport

    Nostalgia per i numeri 10, artisti di un calcio in via d'estinzione

    Rivera non c'è da un pezzo, El Pibe Maradona pure. Baggio e Del Piero smarcavano di fino che sembra appena ieri, e ora che anche Francesco Totti smette, che ne sarà dei numeri 10 di professione, gamba e magia? Torneranno mai gli artisti della "trequarti", i poeti (semi) estinti di questo calcio

    – di Giulio Peroni

1-10 di 35 risultati