Aziende

Gazprom

Gazprom è una delle più grandi aziende del mondo dell'energia. É una società russa di energia e incentrata su esplorazione geologica, produzione, trasporto, stoccaggio, trasformazione e commercializzazione di gas e di altri idrocarburi, nonché di energia elettrica, di calore e distribuzione di energia.

Con il 50,002%, la Russia possiede la quota di controllo di Gazprom. Gazprom controlla il sistema di trasporto del gas più grande del mondo, con condotte di 171 mila chilometri. Nel mondo la società gestisce 165 imprese di distribuzione, 445,3 mila chilometri di gasdotti e il trasporto di 164,3 miliardi di metri cubi di gas naturale. Gazprom è il solo fornitore di Bosnia-Erzegovina, Estonia, Finlandia, Macedonia, Lettonia, Lituania, Moldavia e Slovacchia, oltre a fornire il 97% del gas della Bulgaria, 89% dell'Ungheria, l'86% della Polonia, quasi i tre quarti di quello della Repubblica Ceca, il 67% della Turchia, il 65% dell'Austria, circa il 40% della Romania, il 36% della Germania, il 27% dell'Italia e il 25% della Francia. Gazprom inoltre controlla società bancarie, di assicurazioni, mediatiche, di costruzioni, agricole e la squadra di calcio dello Fc Zenit San Pietroburgo.

L’azienda è nata nel 1989, quando il Presidente russo Mikhail Gorbačëv ha unito i ministeri del petrolio e del gas come parte delle sue riforme economiche, nominando Gazprom ente responsabile per la produzione, la distribuzione e la vendita di gas.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Gazprom | Mikhail Gorbacëv | Russia | Italia | Zenith |

Ultime notizie su Gazprom

    La Cina respinge anche il gas via pipeline

    L'unica smentita alle voci di forza maggiore è arrivata da Gazprom, che ha inaugurato solo lo scorso dicembre il suo primo gasdotto verso la Cina, il Power of Siberia: «Non abbiamo ricevuto alcuna notifica e le consegne procedono regolarmente», ha assicurato la società russa.

    – di Sissi Bellomo

    Usa a tenaglia sui gasdotti: stop a Gazprom, aiuti (e armi) per EastMed

    Accanto alle sanzioni contro i nuovi gasdotti russi, NordStream2 e TurkStream, gli Stati Uniti hanno varato anche misure per favorire lo sviluppo di un hub del gas nel Mediterraneo orientale, compresa la fine dell'embargo sulle armi a Cipro. Il primo effetto è stato accelerare l'EastMed: il 2 gennaio Israele, Grecia e la stessa Cipro firmeranno gli accordi intergovernativi

    – di Sissi Bellomo

    Un colpo da guerra fredda alla Germania di Merkel

    La Germania ha reagito con rabbia al blocco dei lavori di Nord Stream dopo che Trump ha firmato il decreto che impone sanzioni alle imprese impegnate nella realizzazione del gasdotto. E' solo l'ultima di una lunga serie di azioni da parte della Casa Bianca che mirano a destabilizzare quello che per anni è stato il suo storico e più importante alleato in Europa

    – di Attilio Geroni

    NordStream 2 fermo per sanzioni Usa. La Germania: grave interferenza

    La società che posa i tubi del gasdotto Russia-Germania ha sospeso i lavori per il rischio di sanzioni, proprio mentre Mosca e Kiev si accordavano sul transito del gas russo in Ucraina. E ora gli Usa rischiano una crisi diplomatica con gli alleati europei. Il ministro delle Finanze tedesco Olaf Sholz ha rilasciato dichiarazioni molto dure

    – di Sissi Bellomo

    Prezzi del gas mai così bassi in Europa a dicembre

    La svolta nelle trattative Russia-Ucraina per il transito del gas ha spazzato via il timore di difficoltà di approvvigionamento dal 1° gennaio. Sul mercato pesa anche l'eccesso di offerta, con spedizioni record di Gnl dagli Stati Uniti. Il prezzo del combustibile è ora sceso sotto 13 euro per Megawattora al Ttf, il minimo storico per il mese di dicembre

    – di Sissi Bellomo

1-10 di 1135 risultati