Aziende

Gazprom

Gazprom è una delle più grandi aziende del mondo dell'energia. É una società russa di energia e incentrata su esplorazione geologica, produzione, trasporto, stoccaggio, trasformazione e commercializzazione di gas e di altri idrocarburi, nonché di energia elettrica, di calore e distribuzione di energia.

Con il 50,002%, la Russia possiede la quota di controllo di Gazprom. Gazprom controlla il sistema di trasporto del gas più grande del mondo, con condotte di 171 mila chilometri. Nel mondo la società gestisce 165 imprese di distribuzione, 445,3 mila chilometri di gasdotti e il trasporto di 164,3 miliardi di metri cubi di gas naturale. Gazprom è il solo fornitore di Bosnia-Erzegovina, Estonia, Finlandia, Macedonia, Lettonia, Lituania, Moldavia e Slovacchia, oltre a fornire il 97% del gas della Bulgaria, 89% dell'Ungheria, l'86% della Polonia, quasi i tre quarti di quello della Repubblica Ceca, il 67% della Turchia, il 65% dell'Austria, circa il 40% della Romania, il 36% della Germania, il 27% dell'Italia e il 25% della Francia. Gazprom inoltre controlla società bancarie, di assicurazioni, mediatiche, di costruzioni, agricole e la squadra di calcio dello Fc Zenit San Pietroburgo.

L’azienda è nata nel 1989, quando il Presidente russo Mikhail Gorbačëv ha unito i ministeri del petrolio e del gas come parte delle sue riforme economiche, nominando Gazprom ente responsabile per la produzione, la distribuzione e la vendita di gas.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Gazprom | Mikhail Gorbacëv | Russia | Italia | Zenith |

Ultime notizie su Gazprom

    Elio, l'«altro» gas per cui dovremo dipendere dalla Russia

    Da anni l'elio scarseggia. Ed è un problema serio, perché non serve solo per far volare i palloncini: il gas è prezioso e insostituibile negli ospedali, nei laboratori di ricerca e in numerose applicazioni hi-tech. L'offerta dagli Stati Uniti, fornitore dominante da un secolo, è in declino. E nel futuro solo la Russia e il Qatar potrebbero colmare le carenze

    – di Sissi Bellomo

    Nord Stream 2, la Polonia punisce i francesi di Engie con una maxi-multa

    L'Antitrust di Varsavia ha comminato una multa di 40 milioni di euro a Engie, colpevole di non aver collaborato nelle indagini sui finanziamenti al gasdotto Russia-Germania. Nel mirino dei polacchi anche le altre società europee coinvolte nel progetto di Gazprom

    – di Sissi Bellomo

    Nord Stream 2 al traguardo, tagliata fuori la rotta ucraina del gas

    Con il via libera della Danimarca cade l'ultimo grosso ostacolo al completamento del controverso gasdotto russo-tedesco, in grado di raddoppiare le forniture di gas russo all'Europa. Rischia di diventare così irrilevante il transito attraverso l'Ucraina: proprio nel momento in cui Mosca e Kiev compiono i primi passi alla ricerca di una soluzione nel Donbass

    – di Antonella Scott

    A Gazprom l'ultimo permesso per NordStream2. Schiaffo danese agli Usa

    Per il gasdotto sotto il Mar Baltico i russi hanno ottenuto via libera anche dalla Danimarca, l'unico Paese che non aveva finora concesso l'autorizzazione. Il sì - che sfida l'opposizione degli Stati Uniti al progetto - è arrivato mentre le trattative con l'Ucraina sul contratto di transito del gas russo (in scadenza a fine anno) sono ancora in alto mare. A questo punto Mosca nel giro di «qualche mese» sarà in grado di rifornire l' Europa facendo a meno di Kiev

    – di Sissi Bellomo

    manovra/2. tre nuove tasse sul gas. (e pure sulla luce).

    la manovra di bilancio ti farà pagare di più il gas, ti farà pagare il gas estratto in italia più del gas importato via metanodotto, farà pagare di più il gas usato per produrre corrente elettrica, e così costerà di più anche la luce. in particolare viene tolta l'esenzione sulle royalty per i piccoli giacimenti. troppo piccoli per essere competitivi, godono di questo sconto fiscale per invogliarne lo sfruttamento. da domani questo sconticino sparirà e il gas dei giacimenti minori nazionali c...

    – Jacopo Giliberto

    Il fondo italo-russo Mir Capital pronto ad entrare in Cioccolatitaliani

    E' alle battute finali l'ingresso del fondo Mir Capital nel gruppo familiare che controlla la catena di gelati e pasticceria, Cioccolatitaliani. L'ingresso del private equity avverà tramite un aumento di capitale dedicato, che apporterà all'azienda le risorse per la crescita, anche internazionale. Il marchio Cioccolatitaliani fa capo al gruppo Gesa: a propria volta controllato dalla famiglia Ferrieri, che circa 10 anni fa ha costituito la catena di gelaterie. La società, che vanta un fatturato di...

    – Carlo Festa

    Clima, ecco le 20 aziende che producono un terzo delle emissioni mondiali

    Il 35% di tutte le emissioni di anidride carbonica e metano dal 1965 al 2017 è stato prodotto da 20 colossi del settore petrolchimico. In testa Saudi Armaco (il 4,38% del totale), la multinazionale statunitense Chevron (il 3,2% del totale) e la russa Gazprom (3,19%). Lo rivela un'indagine del Climate accountability institute rilanciata dal Guardian

    – di Alb.Ma.

1-10 di 1121 risultati