Aziende

Gazprom

Gazprom è una delle più grandi aziende del mondo dell'energia. É una società russa di energia e incentrata su esplorazione geologica, produzione, trasporto, stoccaggio, trasformazione e commercializzazione di gas e di altri idrocarburi, nonché di energia elettrica, di calore e distribuzione di energia.

Con il 50,002%, la Russia possiede la quota di controllo di Gazprom. Gazprom controlla il sistema di trasporto del gas più grande del mondo, con condotte di 171 mila chilometri. Nel mondo la società gestisce 165 imprese di distribuzione, 445,3 mila chilometri di gasdotti e il trasporto di 164,3 miliardi di metri cubi di gas naturale. Gazprom è il solo fornitore di Bosnia-Erzegovina, Estonia, Finlandia, Macedonia, Lettonia, Lituania, Moldavia e Slovacchia, oltre a fornire il 97% del gas della Bulgaria, 89% dell'Ungheria, l'86% della Polonia, quasi i tre quarti di quello della Repubblica Ceca, il 67% della Turchia, il 65% dell'Austria, circa il 40% della Romania, il 36% della Germania, il 27% dell'Italia e il 25% della Francia. Gazprom inoltre controlla società bancarie, di assicurazioni, mediatiche, di costruzioni, agricole e la squadra di calcio dello Fc Zenit San Pietroburgo.

L’azienda è nata nel 1989, quando il Presidente russo Mikhail Gorbačëv ha unito i ministeri del petrolio e del gas come parte delle sue riforme economiche, nominando Gazprom ente responsabile per la produzione, la distribuzione e la vendita di gas.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Gazprom | Mikhail Gorbacëv | Russia | Italia | Zenith |

Ultime notizie su Gazprom

    Alluminio, Rusal guadagna un nuovo rinvio delle sanzioni Usa

    Pochi giorni fa Bob Dudley, ceo della compagnia britannica Bp (che ha una quota in Rosneft) ha messo in guardia gli Usa dall’utilizzare gli stessi metodi nel settore degli idrocarburi: «Sanzioni contro Rosneft, Lukoil o Gazprom, simili a quelle di Rusal, porterebbero alla virtuale chiusura dell’intero sistema energetico europeo».

    – di Sissi Bellomo

    Calcio, al via la Champions più ricca di sempre: ecco a chi andranno i premi

    La Champions League 2018/19 sarà il più elitario e ricco torneo continentale mai disputato. La riforma varata dalla Uefa allargando da questa stagione i posti assicurati nei gironi iniziali alle squadre delle quattro principali Leghe (Spagna, Inghilterra, Italia e Germania) ha fatto aumentare i

    – di Marco Bellinazzo

    La CO2 a prezzi record non riesce ancora a scalzare il carbone in Europa

    I rialzi del petrolio, con il Wti che ieri è tornato a superare 70 $/ barile e il Brent sopra 77 $, preparano intanto il terreno per un rincaro del gas anche nei contratti di fornitura indicizzati, sempre meno frequenti, ma comunque tuttora largamente impiegati dai russi (per ora Gazprom resta molto competitiva e le sue esportazioni verso Ue e Turchia continuano a crescere: +5,6% nei primi 8 mesi dell’anno, ha segnalato ieri il ceo Alexei Miller, a 133,3 miliardi di mc).

    – di Sissi Bellomo

    Usa-Russia, prove d'intesa anche su petrolio e gas

    ...che oppongono Gazprom e Naftogaz. La compagnia ucraina, che a marzo ha ottenuto una prima vittoria in arbitrato, sta tentando azioni di sequestro sui beni della società russa per ottenere un risarcimento di 2,6 miliardi di dollari, contro il quale Gazprom ha presentato appello.

    – di Sissi Bellomo

    La torre dei segreti: i soldi russi dietro al grattacielo di Trump

    Aveva adottato una politica di espansione aggressiva nell'ex Unione Sovietica, finendo a volte invischiata nelle lotte di potere regionali, come quando era uscito fuori che la banca d'affari del gruppo, nel 2006, aveva rappresentato gli interessi occulti di un oligarca ucraino in un accordo poco trasparente con la russa Gazprom nel settore del gas.

    – di Tom Burgis

    Su petrolio e sanzioni ora Trump cerca un asse anche con Mosca

    Nella grande partita (sempre più politica) in corso sullo scacchiere energetico mondiale, Donald Trump sta probabilmente cercando di costruire un asse anche con la Russia. Un'alleanza tra Washington e Mosca - non certo a 360 gradi, ma limitata a un ambito ristretto - non sembra più una fantasia,

    – di Sissi Bellomo

    Alla Cina anche il primato nell'import di gas: superato il Giappone

    La Cina ha conquistato il primato mondiale nelle importazioni di gas, con 34,9 milioni di tonnellate nei primi cinque mesi di quest'anno, contro 34,5 milioni acquistati dal Giappone (che aveva già superato occasionalmente in qualche mese del 2017).

    – di Sissi Bellomo

    Snam valuta i green bond per investimenti sostenibili

    La premessa è la sempre maggiore attenzione per la sostenibilità ambientale e sociale. Ecco perché, forse già entro fine anno, Snam si prepara a ricorrere a strumenti di "sustainable funding". Ad annunciarlo è l'ad, Marco Alverà, volato a Washington per la ventisettesima edizione della World Gas

    – di Celestina Dominelli

1-10 di 1074 risultati