Aziende

Gazprom

Gazprom è una delle più grandi aziende del mondo dell'energia. É una società russa di energia e incentrata su esplorazione geologica, produzione, trasporto, stoccaggio, trasformazione e commercializzazione di gas e di altri idrocarburi, nonché di energia elettrica, di calore e distribuzione di energia.

Con il 50,002%, la Russia possiede la quota di controllo di Gazprom. Gazprom controlla il sistema di trasporto del gas più grande del mondo, con condotte di 171 mila chilometri. Nel mondo la società gestisce 165 imprese di distribuzione, 445,3 mila chilometri di gasdotti e il trasporto di 164,3 miliardi di metri cubi di gas naturale. Gazprom è il solo fornitore di Bosnia-Erzegovina, Estonia, Finlandia, Macedonia, Lettonia, Lituania, Moldavia e Slovacchia, oltre a fornire il 97% del gas della Bulgaria, 89% dell'Ungheria, l'86% della Polonia, quasi i tre quarti di quello della Repubblica Ceca, il 67% della Turchia, il 65% dell'Austria, circa il 40% della Romania, il 36% della Germania, il 27% dell'Italia e il 25% della Francia. Gazprom inoltre controlla società bancarie, di assicurazioni, mediatiche, di costruzioni, agricole e la squadra di calcio dello Fc Zenit San Pietroburgo.

L’azienda è nata nel 1989, quando il Presidente russo Mikhail Gorbačëv ha unito i ministeri del petrolio e del gas come parte delle sue riforme economiche, nominando Gazprom ente responsabile per la produzione, la distribuzione e la vendita di gas.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Gazprom | Mikhail Gorbacëv | Russia | Italia | Zenith |

Ultime notizie su Gazprom

    Gasdotti, Snam punta a sbarcare negli Stati Uniti

    Mentre il gas americano raggiunge sempre più spesso l'Europa, il primo operatore di gasdotti del Vecchio continente - Snam Rete Gas - punta a sbarcare negli Stati Uniti

    – di Sissi Bellomo

    Russia alla riscossa nel gas liquefatto: via libera ad Arctic Lng-2

    Il campione russo del gas liquefatto, Novatek, ha dato via libera alla costruzione di Arctic Lng-2: un nuovo maxi-impianto dal costo di 21 miliardi di dollari e da quasi 20 milioni di tonnellate l'anno (mmtpa) di capacità che accelera la corsa di Mosca verso il traguardo di diventare un gigante

    – di Sissi Bellomo

    Il gas russo ora arretra in Europa (ma per gli Usa è una vittoria di Pirro)

    Il gas russo comincia a perdere terreno in Europa, scalzato dalla crescente disponibilità di Gnl: metaniere cariche di gas liquido ceduto a prezzi stracciati, che sempre più spesso sbarcano sulle coste del Vecchio continente anziché in Asia e che ben prima dell'avvio della stagione invernale hanno

    – di Sissi Bellomo

    La carica dei quarantenni di Zelenskiy, così riparte l'Ucraina

    Per insegnar loro il mestiere di deputato, li hanno mandati a un campo estivo nei Carpazi. Dodici ore di lezioni al giorno per i 254 debuttanti che da giovedì siedono nei banchi della Verkhovna Rada, il Parlamento unicamerale ucraino che per la prima volta dall'indipendenza del 1991 ha un partito

    – di Antonella Scott

    Divieto di tortura: Mosca condannata per il caso dell'avvocato Magnitsky

    La Corte europea dei diritti dell'Uomo condanna Mosca per i trattamenti inumani e degradanti e per l'iniquo processo postumo al quale è stato sottoposto l'avvocato Sergei Magnitsky. Morto in prigione nel 2009, ufficialmente per arresto cardiaco, ma in realtà in circostanze mai chiarite. Magnitsky

    – di Patrizia Maciocchi

    Perchè l'Europa rischia di soccombere nella guerra dei dazi Usa-Cina

    L'Europa rischia di essere il grande perdente nelle tensioni commerciali fra Usa e Cina che adesso scuotono anche i mercati finanziari globali. La svalutazione del renminbi sulla soglia dei 7 dollari è solo l'ultima contromossa di Pechino alla minacciosa politica tariffaria di Trump. I tre

    – di Adriana Castagnoli

    Russiagate, la strategia dei tre indagati: tacere con i pm

    Una strategia condivisa: tacere con i pm. Anche l'avvocato Gianluca Meranda non ha risposto alle domande dei magistrati della Procura di Milano. Intanto emergono nuovi documenti sulla presunta compravendita di petrolio, che avrebbe creato una plusvalenza pari a 65 milioni di euro, il valore di un ipotizzato finanziamento alla Lega

    – di Ivan Cimmarusti

1-10 di 1111 risultati