Aziende

Gas Plus

Gruppo presente in diversi settori del mercato dell’energia, dalla fornitura di gas a case ed aziende alla perforazione e produzione di idrocarburi in Italia e all’estero, Gas Plus viene fondata nel 1960 ed è quotata a Piazza Affari dal 2006. Nata come società di distribuzione e vendita di gas naturale in Lombardia ed Emilia Romagna, oggi Gas Plus è diventata il quarto produttore nazionale di gas naturale grazie a un 1 miliardo di metri cubi venduti all’anno. Attraverso l’acquisizione dell’up-stream, Gas Plus ha creato in azienda una forte integrazione verticale, raggiungendo significative sinergie in tutta la catena del valore del gas metano: oggi il gruppo ricerca ed estrae il gas, lo trasporta e lo distribuisce. Dopo la liberalizzazione del mercato del gas, iniziata a gennaio 2003, Gas Plus è cresciuta ancora e oggi ha progetti importanti di E&P (Esplorazione e Produzione), in Italia e all’estero, di stoccaggio di gas, di importazione di gas dall’estero e di allargamento della rete di vendita e di distribuzione, anche attraverso progetti di partnership. Gas Plus si propone infatti sul mercato degli idrocarburi, non solo come fornitore di metano alle migliori condizioni, ma anche come gestore di servizi personalizzati e adeguati alle esigenze dei clienti corporate. Attraverso il sito internet il gruppo offre gratuitamente ai clienti servizi online che permettono di avere un costante monitoring dei propri consumi. Da un punto di vista quantitativo, Gas Plus detiene 38 concessioni distribuite su tutto il territorio italiano, commercializza all’ingrosso oltre 600 milioni di metri cubi di gas all’anno, gestisce circa 1.500km di rete di distribuzione localizzati in 39 comuni e serve oltre 100mila clienti finali, anche grazie all’organico formato da circa 170 dipendenti.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Prodotti e servizi | Gas plus | Borsa di Milano | Italia |

Ultime notizie su Gas Plus

    Emilia-Romagna, dai soldi del petrolio maxi-sconti per il treno

    Gas Plus ... Il giacimento di Novi è conosciuto agli esperti perché è quel “Laboratorio Cavone” messo dalla compagnia Gas Plus a disposizione dei ministero dello Sviluppo economico e dell’Ambiente nel quale i geologi, i sismologi e gli altri scienziati hanno potuto dimostrare che non c’è alcuna correlazione tra l’estrazione di petrolio e i terremoti che nella primavera 2012 devastarono l’Emilia e, in misura minore, Lombardia e Veneto.

    – di Jacopo Giliberto

    Petrolio, l'Italia aumenta i consumi. Si cercano nuovi giacimenti

    Viene dall'Azerbaigian la quota maggiore della benzina e del gasolio che bruciamo nei nostri motori. Nei primi tre mesi di quest'anno quasi un quinto del petrolio importato dall'Italia viene dall'Azerbaigian, con il 19% delle importazioni e 2,9 milioni di tonnellate (+14%). Nella graduatoria dei

    – di Jacopo Giliberto

    Marchionne, De Benedetti, Agnelli, Zegna e gli altri. I guadagni (e le perdite) dei 15 italiani più ricchi della Svizzera. Con qualche sorpresa

    Marchionne, De Benedetti, Agnelli, Zegna, Bonomi, Malacalza, Fossati. E poi Gucci, Trussardi, Perfetti (quelli della "gomma del ponte"). Il club dei miliardari e dei milionari italiani tra le montagne della Svizzera vede molte conferme ma anche qualche sorpresa. Come fare soldi? Si chiedono in tanti. Ecco le storie di chi ci è riuscito. L'elenco lo hanno stilato, come ogni anno, i magazine Bilan e Bilanz, il primo di clingua francese e attento alla piazza ginevrina, il secondo di idioma tedesco ...

    – Angelo Mincuzzi

    Energia. Ora sindaci e Regioni facciano scelte coraggiose

    La Strategia energetica nazionale in via di consultazione fra i cittadini dice che per rafforzare l'impegno per la decarbonizzazione bisogna «azzerare l'utilizzo del carbone nel settore elettrico al massimo entro il 2030» (così firmano con il plauso universale i ministri Carlo Calenda e Gian Luca

    – di Jacopo Giliberto

    Oil&Gas strangolato dai nimby

    Il divieto di sfruttare il giacimento Ombrina Mare potrebbe essere pagato 2,6 euro da ciascuno dei 60 milioni di italiani se fosse confermata l'ipotesi di un danno da 160 milioni di euro per la compagnia inglese Rockhopper, la quale ha aperto un arbitrato internazionale ad Amsterdam contro lo Stato

    – di Jacopo Giliberto

    Da Agnelli a Zegna, i 13 italiani più ricchi della Svizzera (passando per Bonomi e Marchionne)

    Xavier Oberson, avvocato e docente all'Università di Ginevra li definisce senza nessuna parafrasi i «nuovi nomadi». E non si tratta di tuareg, di rom, sinti o zingari, comunque li si voglia chiamare. No, per Oberson i nuovi migranti sono i "nomadi fiscali", i milionari e i miliardari che decidono di cambiare luogo di residenza in funzione dei vantaggi che il paese di accoglienza è in grado di garantire. Vantaggi fiscali, naturalmente. In una parola, meno tasse. Un modello per chi si domanda come...

    – Angelo Mincuzzi

1-10 di 38 risultati