Ultime notizie:

Garr

    Digitale in classe, la rete Garr lancia una sfida tra gli istituti superiori

    Realizzare oggetti multimediali digitali innovativi per la scuola: è questa la sfida in cui dovranno cimentarsi gli studenti delle scuole superiori italiane che parteciperanno al concorso lanciato da Garr, la rete italiana a banda ultralarga dedicata all'istruzione e allaricerca, nell'ambito del

    – di Al. Tr.

    La rivoluzione dei big data passa da Bologna

    Il treno dei big data ha acceso i motori sotto le due torri. E' infatti a Bologna che la concentrazione di infrastrutture di calcolo, investimenti, capacità scientifiche e competenze è stata messa a sistema con il tessuto produttivo e le energie della società civile per creare un polo nazionale

    – di Guido Romeo

    Una rete 5 volte più veloce con la tecnologia aliena

    "Internet è ora una salsa che mettiamo su ogni cosa. Ma ci sono cose per cui quella salsa è indigesta. La soluzione è una tecnologia che permette di far viaggiare i dati senza necessità di internet. Noi l'abbiamo realizzata". Massimo Carboni, chief technical officer del Garr - la rete italiana della ricerca scientifica - dopo un po' di metafore esplicative riesce a tradurre in parole umana quello che "senza dubbio è un discorso tecnico, molto tecnico". Si tratta della tecnologia delle "lambda ...

    – Alessandro Longo

    Bologna sarà il data center europeo per la ricerca sul clima

    Bologna ha battuto la concorrenza di tre città inglesi, di Lussemburgo, della finlandese Espoo e dell'islandese Akureyri e sarà la sede del data center del centro meteo europeo (Ecmwf), organizzazione intergovernativa di 34 Paesi che fornisce previsioni meteorologiche e climatiche a medio termine,

    – di Ilaria Vesentini

    Il Governo Renzi candida Bologna ad hub europeo della ricerca sul clima

    «L'Italia si è ufficialmente candidata per portare a Bologna il "data center" del Centro europeo per le previsioni meteorologiche. Siamo molto determinati e convinti di ottenere questo risultato, che porterà una fortissima ricaduta in termini di attrattiva scientifica, ma anche a livello produttivo

    – di Ilaria Vesentini

    Anche l'Università italiana prova a diventare digitale

    Dal 21 di aprile sono online i primi Moocs del Consorzio Eduopen, piattaforma di progettazione ed erogazione creata da 14 atenei pubblici italiani (tra i quali Reggio Emilia, Venezia Milano-Bicocca, Parma, Bari, Bolzano, Ferrara, Genova, Catania e il politecnico di Ancona). Il Consorzio nasce per

    – Paolo Ferri

1-10 di 28 risultati