Ultime notizie:

Gaetano Riina

    Così la mafia ha messo le mani su ciò che mangiamo

    Giuseppe Antoci aveva ricevuto minacce più di una volta. «Finirai con la gola tagliata» avevano scritto su un biglietto, mettendo insieme singole lettere tagliate a caso da giornali e riviste.Nel maggio 2016 si sono fatti vivi. Antoci, all'epoca presidente del Parco Nazionale dei Nebrodi, area

    – di Hannah Roberts

    Franco Roberti (Dna) in memoria di Paolo Borsellino: «La sua nomina in Dna avrebbe costituito la pietra tombale sulla "trattativa" Stato-Mafia»

    Come sa chi ben mi conosce (pochissimi perché sono un orso selvatico) amo così visceralmente il mio mestiere da restare sempre e comunque lontano dalle passerelle dove si accomodano i "giornalisti di Stato" e i "giornalisti amici" delle Istituzioni (recentemente abbiamo avuto un'altra splendida esibizione post processo "Mondo di mezzo").  Io, al massimo, posso essere un "amico giornalista". La differenza, capirete, è abissale. A mio e, amati lettori di questo umile e umido blog, a vostro vantagg...

    – Roberto Galullo

    Mercati ortofrutticoli: colpo all'asse Cosa Nostra-Casalesi

    I mercati ortofrutticoli sono una miniera d'oro per le mafie e, quando si mettono insieme, ancor di più.L'ennesima conferma viene da Trapani - regno del boss misteriosamente latitante da 23 anni Matteo Messina Denaro - dove la Direzione investigativa antimafia (Dia) guidata dal colonnello Rocco

    – di Roberto Galullo

    Casalesi Spa/ Raffaele Cantone: "La famiglia Zagaria è il general contractor della camorra casertana"

    Questo mio articolo è stato pubblicato oggi sul Sole-24 Ore, lo ripropongo per i lettori del blog. Sull'home page del Sole online trovate anche un profilo che ho tracciato su Michele Zagaria e sugli scenari interni alla camorra casertana dopo il suo arresto.  "C'è da fare un ponte, un'autostrada, una ferrovia? Non c'è problema. Ci pensiamo noi". Con questa frase a effetto - riferibile a Pasquale Zagaria, fratello di Michele, nel corso di un incontro a Roma nel 2003 con un consulente dell'allora ...

    – Roberto Galullo

    Vicini di mafia/ Mercato di Fondi conteso: non dal libero mercato ma dai boss Schiavone e Zagaria

    Cari amici di blog nel mio ultimo libro "Vicini di mafia - Storie di società ed economie criminali della porta accanto" che fino al 15 dicembre potrete acquistare in edicola con il Sole-24 Ore al prezzo di 12,90 euro oppure su www.shopping24.ilsole24ore.com, un ampio capitolo è dedicato a Roma e un altro ampio capitolo è dedicato al Lazio (vi invito all'acquisto perché ne scoprirete di ogni colore sulle mafie nella Capitale e dintorni). In provincia di Latina, in particolare, la situazione appar...

    – Roberto Galullo

    La famiglia Tripodo da Bovalino a Fondi e il lasciapassare della 'ndrangheta ai traffici tra Casalesi e Cosa nostra

    AUTOPUBBLICITA' PRIMA DEL PEZZO: fino al 15 dicembre potrete acquistare in edicola con il Sole-24 Ore al prezzo di 12,90 euro il mio libro: "Vicini di mafia - Storie di società ed economie criminali della porta accanto".   Potevano mancare le cosche di 'ndrangheta nei traffici tra Casalesi e Cosa nostra sulle rotte centromeridionali dei mercati ortofrutticoli dietro le quali - oltre ai pingui proventi di questa attività - secondo la Dda di Napoli si celavano floridissimi traffici di armi e drog...

    – Roberto Galullo

    Cose dell'altro mondo: il fratello di Totò Riina indagato per concorso esterno in associazione camorristica!

    AUTOPUBBLICITA' PRIMA DEL PEZZO: fino al 15 dicembre potrete acquistare in edicola con il Sole-24 Ore al prezzo di 12,90 euro il mio libro: "Vicini di mafia - Storie di società ed economie criminali della porta accanto". In questi giorni ho letto l'ordinanza con la quale il 31 ottobre il gip Pasqualina Paola Laviano ha disposto l'arresto di nove persone su richiesta dei pm Cesare Sirignano, Francesco Curcio e Ivana Fulco della Direzione distrettuale antimafia di Napoli. Tra gli arrestati o tra ...

    – Roberto Galullo

1-10 di 12 risultati