Ultime notizie:

Fulvio Irace

    Benvenuti a «Pianopolis»

    Nel 2012 lo skyline di Londra si è arricchito della silhouette dello Shard, l'iconico grattacielo a punta che reinterpreta la città a guglie di Cristopher Wren. Una guglia laica, alta più di 300 metri, nell'area rigenerata di London Bridge. Una vera e propria città verticale che ha diviso a lungo

    – di Fulvio Irace

    Renzo Piano ha esaltato la «Justice»

    Si tratta dell'edificio pubblico più lontano dal centro di Parigi, ma visibile da ogni parte della città. Il punto d'osservazione migliore rimane però la terrazza del Beaubourg che offre lo spettacolo del suo skyline a gradoni: un telescopio d'argento che entra in sintonia con la cupola dorata

    – di Fulvio Irace

    Royal Academy allargata

    Royal Wedding or Royal Academy? Mai come ieri la Gran Bretagna s'è trovata al centro di un'incruenta, ma insolita battaglia tra due istituzioni reali: il Royal Wedding di Harry & Meghan e il 250° compleanno della Royal Academy of Arts. Il nuovo che sa di passato, insomma, o il passato che si veste

    – di Fulvio Irace

    Museo Prada puntato verso il cielo

    Nel boom dei grattacieli degli anni '80, il più famoso developer americano Gerard Hines formulò la sua teoria sull'arte di costruire in altezza: «una forte presenza nello skyline ha grandi effetti sui valori del mercato».

    – di Fulvio Irace

    Un Teatro per l'architettura

    Che dietro ogni architettura si muovono capitali è noto; non altrettanto noto è che dietro ogni buona architettura si muovono idee e passioni. Nel 1927, su sollecitazione di Erwin Piscator, Gropius lavorava sull'idea del «teatro totale» proponendo una rivoluzionaria dinamica dei rapporti tra

    – di Fulvio Irace

    Architettura fascista: stile che supera qualsiasi ideologia

    «Perché così tanti monumenti fascisti sono ancora in piedi in Italia?» è il titolo dell'articolo pubblicato recentemente sul sito del magazine del «New Yorker», a firma di Ruth Ben-Ghiat, docente di Storia e Studi italiani presso la New York University. Il «New Yorker» è stupito che in Italia siano

    – di Redazione Domenica

    Demoliamo i monumenti fascisti per creare lavoro: se ascoltassimo il New Yorker...

    «Perché così tanti monumenti fascisti sono ancora in piedi in Italia?» è il titolo dell'articolo pubblicato sul sito del magazine del «New Yorker», a firma di Ruth Ben-Ghiat, docente di Storia e Studi italiani presso la New York University. Il New Yorker è stupito che in Italia siano rimasti e

    – di Emilio Gentile

    Il populismo giornalistico che ignora i capolavori dell'architettura fascista

    «Perché così tanti monumenti fascisti sono ancora in piedi in Italia?» è il titolo dell'articolo pubblicato sul sito del magazine del «New Yorker», a firma di Ruth Ben-Ghiat, docente di Storia e Studi italiani presso la New York University. Il New Yorker è stupito che in Italia siano rimasti e

    – di Fulvio Irace

1-10 di 138 risultati