Ultime notizie:

FTSE

    Stipendi: da Eni, Enel alla Juventus, la top ten delle società in Italia che pagano di più il Ceo

    Lo «stipendio» medio di un amministratore delegato di una società quotata al Ftse Mib è di 1,2 milioni di euro l'anno. ... Se si valuta considera, invece, il segmento si nota un incremento dello stipendio fino a superare il milione e 200mila euro per le società quotate al FTSE Mib, rispetto ai 748mila delle Mid cap, ai 375.501 euro delle Small Cap e i 451mila del segmento Star.

    – di Francesca Barbieri

    Quel «profumo d'intesa» che ha eccitato le Borse mondiali

    Potremmo ciamarlo «profumo d'intesa». Perché sono bastati l'odore di un accordo (pur minimo) tra Stati Uniti e Cina e la riapertura dei negoziati su Brexit per far volare i listini. Ecco i rialzi della settimana.

    – di Morya Longo

    Wall Street chiude in rialzo dell'1,1% sull'intesa Usa-Cina

    L'accelerata di industriali, banche e auto ha così messo le ali ai principali indici continentali: a Piazza Affari il FTSE MIB ha chiuso a +1,03%, Parigi a +1,27%, Francoforte a +0,58%, Madrid a +1,2% circa e Londra a +0,28%, più lenta a causa dei timori sulla Brexit.

    – di Andrea Fontana e Stefania Arcudi

    Le aperture di Trump sulla Cina riaccendono le Borse. A Piazza Affari (+1%) corre Unicredit

    Il presidente Usa ha detto che incontrerà venerdì il vicepremier cinese, smentendo indiscrezioni su una rottura dei negoziati. In Europa gli acquisti si sono concentrati su banche, auto, industriali. Acquisti anche sui titoli del lusso dopo i dati di ieri del colosso francese Lvmh. Petrolio in rialzo dopo il report Opec. Spread chiude in rialzo di un punto a 154

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

    Le Borse puntano sui negoziati Usa-Cina, a Piazza Affari svetta Tim

    I listini avanzano in attesa del nuovo ciclo di trattative commerciali tra Washington e Pechino, previsto domani a Washington. A Piazza Affari (+0,6%) occhi puntati sulle banche e sul gruppo tlc per possibili operazioni straordinarie. Realizzi sulle utility

    – di Eleonora Micheli e Cheo Condina

    Borse Ue in rosso con Brexit e timori dazi, a Piazza Affari flop Diasorin

    I listini continentali sono via via peggiorati dopo un avvio sulla parità, penalizzati anche dalla Borsa americana. Le trattative tra Washington e Pechino ripartiranno a giorni e l'esito è tutt'altro che scontato, mentre appare sempre più improbabile un accordo per l'uscita del Regno Unito dalla Ue. A Londra male il titolo Lse dopo il ritiro dell'offerta della Borsa di Hong Kong. Petrolio in calo, spread chiude in leggero rialzo a 154 punti

    – di P. Paronetto e S. Arcudi

    Europa rialza la testa e chiude positiva, venti di guerra favoriscono petrolio

    Dopo un avvio in salita, i mercati hanno trovato la strada dei rialzi nonostante lo scetticismo che sembra prevalere in attesa del nuovo round negoziale Usa-Cina in programma giovedì per cercare di risolvere le dispute commerciali e nonostante le notizie che giungono dal Medio Oriente dove la Turchia appare decisa a invadere il nord della Siria con il via libera della Casa Bianca.

    – di Andrea Fontana e Corrado Poggi

    Guerre commerciali, Brexit e dati economici frenano le Borse

    Il dato sul lavoro americano ha mostrato il tasso di disoccupazione sceso al minimo degli ultimi 50 anni, dando slancio alle Borse nell'ultima seduta della settimana. Salgono le attese sul taglio dei tassi di interesse alla prossima riunione della Fed

    – di Mara Monti

1-10 di 4741 risultati