Persone

François Hollande


François Hollande è nato il 12 agosto del 1954 a Rouen (Francia) ed è un politico francese, attuale Presidente della Repubblica francese.

Hollande, dopo aver frequentato il liceo Pasteur presso Neuilly-sur-Seine (comune vicino a Parigi) ha conseguito la laurea in Giurisprudenza presso l'università di Parigi, quindi si è diplomato presso le Sciences Po (Institut d'études politiques de Paris) e presso l'HEC (Ecole des Hautes Etudes Commerciales) ottenendo in seguito l'ammissione ed il diploma presso la prestigiosa (ENA) "École nationale d'administration".

Nel 1979 ha aderito al Partito Socialista.

Tra il 1983 ed il 1989 è stato consigliere comunale di Ussel.

Dal 1989 al 1995 è stato vicesindaco di Tulle.

Tra il 2001 ed il 2008 è stato sindaco di Tulle.

Nel 1988, sotto la presidenza Mitterrand, è stato nominato segretario della commissione delle finanze e della programmazione e relatore del bilancio della difesa.

Tra il 1988 ed il 1993 è stato membro, in qualità di deputato, dell'Assemblea nazionale francese.

Tra il 1997 ed il 2008 François Hollande ha assunto la guida del Partito Socialista francese in qualità di primo Segretario.

il 31 marzo del 2011 ha annunciato la sua candidatura alle primarie del Partito socialista, in vista delle elezioni presidenziali dell'aprile-maggio 2012.

Nel 2011, vinte le primarie, Hollande diventa il candidato ufficiale del Partito Socialista alle elezioni presidenziali dell'aprile-maggio 2012.

Il 6 maggio del 2012, con l'appoggio del Partito Radicale di Sinistra, del Movimento Repubblicano e Cittadino e del Movimento unitario progressista, viene eletto al secondo turno alla presidenza delle Repubblica francese contro il presidente uscente Sarkozy.

Il 15 maggio del 2012 diventa ufficialmente il nuovo inquilino del Palazzo dell'Eliseo, succedendo a Nicolas Sarkozy.

La sua popolarità politica, dopo aver subito un sensibile arretramento nel primo semestre del 2013, ha registrato un netto recupero nel gennaio del 2015, in seguito alla fermezza dimostrata nella gestione degli eventi successivi agli attentati terroristi jihadisti di Parigi del 7 ed 8 genniao 2015.

François Hollande è stato insignito di numerose onorificienze sia francesi che straniere ed è padre di quattro figli (Julien, Thomas, Flora e Clémence) avuti dall'ex moglie Ségolène Royal (attuale Ministro francese dell'ecologia, dello sviluppo sostenibile e dell'energia nel governo di Manuel Valls).

Ultimo aggiornamento 22 novembre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Partito Socialista | Francia | Ségolène Royal | Eliseo | Manuel Valls | Ecole Nationale d'Administration | Partito Radicale | École | Nicolas Sarkozy | François Hollande |

Ultime notizie su François Hollande

    Macron perde pezzi: via anche il portavoce

    L’ultimo sondaggio porta il consenso per il suo operato al 31%, un punto percentuale in meno di quello che ottenne François Hollande nella stessa fase del suo mandato e, soprattutto, dieci punti in meno rispetto a luglio. ... Se però, come nel caso di Hollande, il presidente non riuscisse a risalire la china, quella parte della Francia che non si riconosce nel populismo del Front National, ora inseguito anche dai Républicains di Laurent Wasquiez dovrà trovare un altro cavallo di razza, più...

    – di Riccardo Sorrentino

    Il debito greco, una lunga storia di errori

    Dopo otto anni di assistenza finanziaria - che hanno comportato enormi sacrifici per il popolo greco - l'Eurogruppo il 21 giugno 2018 ha dato il via libera alle misure utili per consentire ad Atene di concludere positivamente il terzo programma di aiuti. Il che significa che Atene dal 20 agosto

    – di Vittorio Da Rold

    Il debito greco, una lunga storia di errori lastricata di lacrime e sangue

    Dopo otto anni di assistenza finanziaria - che hanno comportato enormi sacrifici per il popolo greco - l'Eurogruppo il 21 giugno 2018 ha dato il via libera alle misure utili per consentire ad Atene di concludere positivamente il terzo programma di aiuti. Il che significa che Atene dal 20 agosto 2018 potrà finanziarsi da sola e aprire un nuovo capitolo. La tappa è un passo storico per la zona euro, la fine della crisi dei debiti sovrani. Ma quanti errori è costato questo traguardo lastricato di l...

    – Vittorio Da Rold

    Libia, l'attivismo diplomatico di Macron che rischia di spiazzare l'Italia

    La sfida diplomatica che si sta giocando sulla Libia somiglia a una partita a scacchi. Un vincitore ancora non c'è. Ma uno dei due giocatori, l'Italia, sta perdendo pezzi importanti. Se c'è un Paese che negli ultimi mesi si è distinto per il suo dinamismo questa è la Francia.

    – di Roberto Bongiorni

    Ora è Parigi l'anello forte della politica estera europea

    Fare grande la Francia, encore. Emmanuel Macron non può dirlo: Donald Trump, in un certo senso gli ha rubato lo slogan e gli ha dato una connotazione che al presidente francese probabilmente non piace. «Make our planet great again» è, piuttosto, la parafrasi adottata all'Eliseo, nella quale la

    – di Riccardo Sorrentino

    Scioperi in Francia, la prova più dura per le riforme di Macron

    Ferrovieri, ma anche piloti, netturbini e addetti del settore energetico: tutti in agitazione da lunedì sera a domani mattina in Francia. Il colpo più duro è stato quello inferto dai macchinisti dei treni: ieri solo in due su dieci si sono presentati al lavoro, permettendo a un solo Tgv (i treni ad

    – di Gianluca Di Donfrancesco

    Soldi da Gheddafi, tutte le tappe che hanno portato al fermo di Sarkozy

    L'accusa è grave. Sul piano penale come su quello politico. Il fermo di Nicolas Sarkozy, per quanto non sia stata ancora trasformato in una incriminazione, conferma che le accuse rivolte all'ex presidente neogollista potrebbero avere qualche sostegno nelle prove raccolte dagli inquirenti. Sarkozy,

    – di Riccardo Sorrentino

    Finanziamenti dalla Libia, Sarkozy indagato in «libertà condizionata»

    L'ex presidente della Repubblica francese Nicolas Sarkozy è stato iscritto nel registro degli indagati nell'inchiesta sui presunti finanziamenti libici alla sua campagna presidenziale del 2007. Lo scrive Le Monde sul suo sito. «Sarkò» è stato posto «sotto controllo giudiziario'», una misura

1-10 di 1480 risultati