Le nostre Firme

Franco Debenedetti

Franco Debenedetti (Torino, 7 gennaio 1933) è un imprenditore e politico italiano.

Dopo la laurea in ingegneria al Politecnico di Torino nel 1956 inizia a lavorare nell'azienda di famiglia (Compagnia Italiana Tubi Metallici Flessibili, Gilardini, CIR),nel 1978 assume la carica di amministratore delegato e presidente delegato all'Olivetti dove lavora fino al 1992.

Viene eletto senatore della Repubblica nel 1994 e confermato nel 1996 e 2001.

Scrive come come editorialista oer Il Sole 24 Ore, La Stampa, Corriere della Sera.

Altri incarichi:
Consigliere di amministrazione di CIR (dal 1976)
Cofide (dal 1976 al 2013)
Fondazione Rodolfo Debenedetti (dal 1998)
Piaggio & C. S.p.A. (dal 2006 al 2015)
Iride S.p.A. (dal 2006 al 2010)
Banca Popolare di Milano (dal 2009 al 2011)
ISPI (dal 2010)
Premuda (dal 2011 al 2014)
Presidente di CMEX (China Milan Equity Exchange) dal 2007 al 2014
Presidente dell'Istituto Brunoleoni dal 2013 ad oggi

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultimi articoli di Franco Debenedetti

    I veri nemici del liberalismo sono tra noi

    «Il liberalismo è obsoleto» ha detto Vladimir Putin nell'intervista al Financial Times del 26 giugno. Vero o non vero, la corte del Cremlino non è qualificata per emettere simili verdetti.

    – di Franco Debenedetti

    La Scala, i manager e i metodi per selezionarli

    Come si sceglie il sovrintendente di una grande istituzione culturale? La Scala è un elemento portante della Milano che mai come oggi sa attrarre intelligenze e capitali; la qualità del suo prodotto e il buon funzionamento della sua organizzazione contribuiscono all'immagine positiva dell'Italia.

    – di Franco Debenedetti

    L'eccesso di solidarietà che nuoce alla Ue

    Tutte le formazioni politiche che si presenteranno alle elezioni di maggio hanno «Europa» nel loro programma. I seguaci di Emma Bonino l'hanno perfino nel nome, "Più Europa", secco, senza condizionali. Gli altri invece vogliono l'Europa sì, «ma un'Europa diversa», differenziando, secondo la propria

    – di Franco Debenedetti

    Più concorrenza per più integrazione Ue

    Dare al Consiglio europeo il potere discrezionale di disattendere le decisioni della Commissione: la proposta del ministro delle Finanze francese Bruno Le Maire parve dettata da risentimento per lesa maestà. Come osava la Commissione europea bocciare il progetto, sponsorizzato dai rispettivi

    – di Franco Debenedetti

    Alstom-Siemens e il nodo concorrenza

    «La politica industriale è di nuovo in voga»: così Justus Haucap, professore di Economia ed esperto di concorrenza all'Università di Düsseldorf, inizia sul quotidiano tedesco Die Welt la sua analisi della proposta della francese Alstom e della tedesca Siemens di fondere le loro attività

    – di Franco Debenedetti

    Tlc, chi paga il prezzo di scelte strategiche

    E' naturale che molte disposizioni del nuovo Codice europeo delle comunicazioni elettroniche tendano, come scrive Franco Bassanini (Il Sole 24 Ore del 21 dicembre 2018), «a favorire investimenti nelle infrastrutture di tlc di ultima generazione». Però esso preserva il principio della neutralità

    – di Franco Debenedetti

    Telecom e la lunga lotta per la rete fissa

    Una "proxy fight" quale da noi si vedono poche, aiutata da un provvidenziale intervento dello Stato, quali da noi se ne vedono molti, spodesta l'azionista di maggioranza relativa; ma nomina amministratore delegato la stessa persona che questi aveva designato. Che però, dopo?.mesi, non gode più del

    – di Franco Debenedetti

    Chi ignora i tassi sul debito lo fa a nostro rischio

    La rischiosità di un debito, pubblico o privato che sia, è data dalla probabilità che il debitore paghi regolarmente gli interessi e, alla scadenza, rimborsi il capitale, o con mezzi propri, o, come è sempre il caso se il debito è pubblico, rifinanziandosi sul mercato. Per avere un metro con cui

    – di Franco Debenedetti

    Interessi nazionali, sviluppo e concorrenza

    Come non è lo Stato ad avere ricchezze proprie ma sono i cittadini a possederle, così non è lo Stato ad avere interessi propri ma le strutture che essi creano per gestirle, tipicamente le aziende.

    – di Franco Debenedetti

1-10 di 228 risultati