Le nostre Firme

Franco Debenedetti

Franco Debenedetti (Torino, 7 gennaio 1933) è un imprenditore e politico italiano.

Dopo la laurea in ingegneria al Politecnico di Torino nel 1956 inizia a lavorare nell'azienda di famiglia (Compagnia Italiana Tubi Metallici Flessibili, Gilardini, CIR),nel 1978 assume la carica di amministratore delegato e presidente delegato all'Olivetti dove lavora fino al 1992.

Viene eletto senatore della Repubblica nel 1994 e confermato nel 1996 e 2001.

Scrive come come editorialista oer Il Sole 24 Ore, La Stampa, Corriere della Sera.

Altri incarichi:
Consigliere di amministrazione di CIR (dal 1976)
Cofide (dal 1976 al 2013)
Fondazione Rodolfo Debenedetti (dal 1998)
Piaggio & C. S.p.A. (dal 2006 al 2015)
Iride S.p.A. (dal 2006 al 2010)
Banca Popolare di Milano (dal 2009 al 2011)
ISPI (dal 2010)
Premuda (dal 2011 al 2014)
Presidente di CMEX (China Milan Equity Exchange) dal 2007 al 2014
Presidente dell'Istituto Brunoleoni dal 2013 ad oggi

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultimi articoli di Franco Debenedetti

    Disastro di Genova, servono garanzie non parole fuori luogo

    E' stato un disastro tremendo, fa angoscia pensare agli ultimi terrificanti istanti delle vittime. La mente va ad altre sciagure, terremoti, slavine, crolli di scuole. Ma non è indignandosi, o minacciando, o parlando a vanvera che si commemorano degnamente i morti, che si consolano i parenti, che si

    – di Franco Debenedetti

    L'inflazione e quei legami pericolosi, da Hitler a Chavez

    Un milione per cento è l'inflazione annuale prevista per il Venezuela: è come se con i 10mila euro con cui oggi si acquista un'utilitaria, tra un anno si potesse comprare solo un espresso. Sarà perché ricordo i racconti di chi frequentò la Germania durante la Repubblica di Weimar, o quelli di chi,

    – di Franco Debenedetti

    Google, l'antitrust e le ragioni del mercato

    E' per l'entità della multa che il caso Google-Android è eccezionale e prende i titoli: in realtà è solo l'ultimo di una serie. Questa inizia, Mario Monti commissario alla concorrenza, con il caso Microsoft-Media Player, esso pure bundling di un'applicazione con un sistema operativo; segue la

    – di Franco Debenedetti

    Merito e mercato per combattere il populismo

    L'autodafé per il mancato autodafé, a questo si è finora sostanzialmente ridotto il dibattito nella sinistra: non essere andati alle cause delle sconfitte, del 4 marzo, e prima del 4 dicembre, e prima ancora della rottura del patto che ne fu la causa; non averne tratto le conseguenze nella

    – di Franco Debenedetti

    Il valore dei dati? Un individuo diverso dall'altro

    «Per favore, sa indicarmi la strada per la Facoltà di Giurisprudenza?». La giovanetta a cui faccio la domanda, prima mi guarda tra il sorpreso e il diffidente, e poi: «In fondo a questa strada, giri a sinistra... saranno cinque minuti». Sono a Trento per il Festival dell'Economia, un susseguirsi

    – di Franco Debenedetti

    Sui Big Data la sfida è legittima ma va disinnescata

    «Apocalittici e integrati»: allora divisi sulla cultura di massa, oggi sulla rivoluzione digitale. Per questi, componente essenziale della nostra vita; per quelli, minaccia al funzionamento del sistema capitalistico e delle democrazie. Più che vedere se gli "apocalittici" hanno abbiano ragione o

    – di Franco Debenedetti

    Il bivio di Cassa depositi e prestiti tra Elliott e Bolloré

    Che posizione prenderà all'assemblea Tim di oggi la Cassa depositi e prestiti? Il suo acquisto di un 5% circa di Tim è stato un fatto unico nella storia di un Paese che pure, quanto a interventi dello Stato nell'economia, non se ne è fatta mancare nessuna. Però non era mai accaduto che intervenisse

    – di Franco Debenedetti

    La rete unica e i nuovi intrecci azionari

    «Lo Stato non sta prendendo il controllo di Tim. Riteniamo che una rete unica separata e neutrale corrisponda all'interesse generale. Pensiamo che un modello public company sia preferibile ad un controllo che ha mostrato limiti». E' perentorio, secco, sintetico il tweet di Carlo Calenda. Con

    – di Franco Debenedetti

    Tim: le scelte della Cdp e il ritorno dello Stato

    Quello che più colpisce sono i tempi: Cdp ha palesato il suo orientamento a rilevare fino al 5% di Tim mentre è in atto una contesa per la governance tra Vivendi, che ne detiene il 24%, e il fondo attivista Elliott, che sarebbe prossimo al 10%. L'intervento dello Stato altera evidentemente il

    – di Franco Debenedetti

1-10 di 219 risultati