Franco Debenedetti (Torino, 7 gennaio 1933) è un imprenditore e politico italiano.

Dopo la laurea in ingegneria al Politecnico di Torino nel 1956 inizia a lavorare nell'azienda di famiglia (Compagnia Italiana Tubi Metallici Flessibili, Gilardini, CIR),nel 1978 assume la carica di amministratore delegato e presidente delegato all'Olivetti dove lavora fino al 1992.

Viene eletto senatore della Repubblica nel 1994 e confermato nel 1996 e 2001.

Scrive come come editorialista oer Il Sole 24 Ore, La Stampa, Corriere della Sera.

Altri incarichi:
Consigliere di amministrazione di CIR (dal 1976)
Cofide (dal 1976 al 2013)
Fondazione Rodolfo Debenedetti (dal 1998)
Piaggio & C. S.p.A. (dal 2006 al 2015)
Iride S.p.A. (dal 2006 al 2010)
Banca Popolare di Milano (dal 2009 al 2011)
ISPI (dal 2010)
Premuda (dal 2011 al 2014)
Presidente di CMEX (China Milan Equity Exchange) dal 2007 al 2014
Presidente dell'Istituto Brunoleoni dal 2013 ad oggi

Ultimo aggiornamento: 09 febbraio 2022
  • 10 novembre 2021
    Quella presunzione di dipendenza che ci isola in Europa

    Commenti

    Quella presunzione di dipendenza che ci isola in Europa

    «Salvo prova contraria, si presume la dipendenza economica nel caso in cui un’impresa utilizzi i servizi di intermediazione forniti da una piattaforma digitale che ha un ruolo determinante per raggiungere utenti finali o fornitori, anche in termini di effetti di rete o di disponibilità dei dati».

  • 08 giugno 2021
    La battaglia tra Stati che si nasconde dietro la global tax

    Commenti

    La battaglia tra Stati che si nasconde dietro la global tax

    Penso risalga a dopo la Seconda guerra mondiale la norma fiscale che consente alle multinazionali Usa di detenere gli utili maturati all’estero in sospensione di imposta in un Paese che accetti di farlo: il parcheggio in un paradiso. Allora il sistema era funzionale a incentivare l’espansione

  • 17 maggio 2021
    La dolce droga statalista rischia di soggiogare i maestri della resilienza

    Commenti

    La dolce droga statalista rischia di soggiogare i maestri della resilienza

    «Il ritorno dello Stato» è quest’anno il titolo del Festival dell’Economia di Trento. Per il suo direttore scientifico Tito Boeri l’uscita dall’emergenza è l’occasione «per analizzare cosa è accaduto in un anno che ha visto lo Stato esercitare un ruolo primario nella vita dei cittadini». Una

  • 31 marzo 2021
    Il duplice errore dell’acquisto di Aspi da Cdp

    Commenti

    Il duplice errore dell’acquisto di Aspi da Cdp

    C’è voluto del tempo per smaltire, almeno in parte, il populismo, cresciuto parossistico sulla tragedia del crollo del ponte di Genova. Alcune criticità sono diventate evidenti e rimediabili: ad esempio quella dei margini molto elevati che le precedenti concessioni lasciavano al concessionario, in

  • 18 marzo 2021
    Gli attacchi a Danone, la lezione di Henry Ford e l’etica del profitto

    Commenti

    Gli attacchi a Danone, la lezione di Henry Ford e l’etica del profitto

    Gli attacchi a un’azienda quotata da parte dei fondi attivisti sono sempre interessanti, a volte eccitanti: per gli azionisti, perché nell’aspettativa di successo il corso del titolo in Borsa sale, e per il pubblico in generale, perché a essere messe alla prova sono strategie e assetti di comando

  • 14 marzo 2021
    Franco Debenedetti e la difesa dal capitalismo

    RadioProgramma

    Franco Debenedetti e la difesa dal capitalismo

    Anche se ha generato crisi economiche e disuguaglianze sociali......

  • 27 dicembre 2019
    L’eredità dell’Iri e le competenze smarrite

    Commenti

    L’eredità dell’Iri e le competenze smarrite

    Quando un uomo come Pellegrino Capaldo indica nella mano pubblica il soggetto che può integrare e, almeno nelle infrastrutture, surrogare la mano privata, è certo saggio richiamare la disciplina di mercato, affinché la nostalgia dell'Iri non deragli nella riedizione della Gepi, la Società per le

  • 24 dicembre 2019
    L’eredità dell’Iri e le competenze smarrite

    24Plus

    24+ L’eredità dell’Iri e le competenze smarrite

    Quando un uomo come Pellegrino Capaldo indica nella mano pubblica il soggetto che può integrare e, almeno nelle infrastrutture, surrogare la mano privata, è certo saggio richiamare la disciplina di mercato, affinché la nostalgia dell’Iri non deragli nella riedizione della Gepi, la Società per le

  • 21 dicembre 2019
    Tentazione Iri, quella pericolosa voglia di partecipazioni statali

    24Plus

    24+ Tentazione Iri, quella pericolosa voglia di partecipazioni statali

    Alitalia, PopBari, Taranto e Pil: tutte le ragioni per diffidare di richieste di nuove Iri. È tutto già successo, ma sembra che nessuno, soprattutto al Mise, se ne ricordi

  • 28 agosto 2019
    La svolta etica all’esame dell’economia della conoscenza

    Commenti

    La svolta etica all’esame dell’economia della conoscenza

    È decisivo capire lo sfondo nel quale s’inserisce il documento americano

  • 31 luglio 2019
    Libra, la privacy e la promessa di servizi finanziari a basso costo

    Commenti

    Libra, la privacy e la promessa di servizi finanziari a basso costo

    Le molte e varie critiche che suscita il progetto Libra hanno tutte una preoccupazione in comune: che i dati sui movimenti finanziari possano essere uniti ai dati che già raccolgono i Big five – Apple, Alphabet (Google), Microsoft, Facebook e Amazon – consentendo una profilatura ancora più completa

  • 05 luglio 2019
    I veri nemici del liberalismo sono tra noi

    Commenti

    I veri nemici del liberalismo sono tra noi

    «Il liberalismo è obsoleto» ha detto Vladimir Putin nell’intervista al Financial Times del 26 giugno. Vero o non vero, la corte del Cremlino non è qualificata per emettere simili verdetti.

  • 26 giugno 2019
    La Scala, i manager e i metodi per selezionarli

    Commenti

    La Scala, i manager e i metodi per selezionarli

    Come si sceglie il sovrintendente di una grande istituzione culturale? La Scala è un elemento portante della Milano che mai come oggi sa attrarre intelligenze e capitali; la qualità del suo prodotto e il buon funzionamento della sua organizzazione contribuiscono all’immagine positiva dell’Italia.

  • 16 aprile 2019
    L’eccesso di  solidarietà che nuoce alla Ue

    Commenti e Idee

    L’eccesso di solidarietà che nuoce alla Ue

    Tutte le formazioni politiche che si presenteranno alle elezioni di maggio hanno «Europa» nel loro programma. I seguaci di Emma Bonino l’hanno perfino nel nome, “Più Europa”, secco, senza condizionali. Gli altri invece vogliono l’Europa sì, «ma un’Europa diversa», differenziando, secondo la propria

  • 27 febbraio 2019
    Più concorrenza per più integrazione Ue

    Commenti e Idee

    Più concorrenza per più integrazione Ue

    Dare al Consiglio europeo il potere discrezionale di disattendere le decisioni della Commissione: la proposta del ministro delle Finanze francese Bruno Le Maire parve dettata da risentimento per lesa maestà. Come osava la Commissione europea bocciare il progetto, sponsorizzato dai rispettivi

  • 07 febbraio 2019
    Alstom-Siemens e il nodo concorrenza

    Finanza e Mercati

    Alstom-Siemens e il nodo concorrenza

    «La politica industriale è di nuovo in voga»: così Justus Haucap, professore di Economia ed esperto di concorrenza all’Università di Düsseldorf, inizia sul quotidiano tedesco Die Welt la sua analisi della proposta della francese Alstom e della tedesca Siemens di fondere le loro attività

  • 27 dicembre 2018
    Tlc, chi paga il prezzo di scelte strategiche

    Notizie

    Tlc, chi paga il prezzo di scelte strategiche

    È naturale che molte disposizioni del nuovo Codice europeo delle comunicazioni elettroniche tendano, come scrive Franco Bassanini (Il Sole 24 Ore del 21 dicembre 2018), «a favorire investimenti nelle infrastrutture di tlc di ultima generazione». Però esso preserva il principio della neutralità

  • 19 novembre 2018
    Scontro su Tim

    RadioProgramma

    Scontro su Tim

    Il punto sulla lotta in corso su Tim. ...

  • 14 novembre 2018
    Telecom e la lunga lotta per la rete fissa

    Impresa e Territori

    Telecom e la lunga lotta per la rete fissa

    Una “proxy fight” quale da noi si vedono poche, aiutata da un provvidenziale intervento dello Stato, quali da noi se ne vedono molti, spodesta l'azionista di maggioranza relativa; ma nomina amministratore delegato la stessa persona che questi aveva designato. Che però, dopo….mesi, non gode più del

  • 04 novembre 2018
    Chi ignora i tassi sul debito lo fa a nostro rischio

    Commenti e Idee

    Chi ignora i tassi sul debito lo fa a nostro rischio

    La rischiosità di un debito, pubblico o privato che sia, è data dalla probabilità che il debitore paghi regolarmente gli interessi e, alla scadenza, rimborsi il capitale, o con mezzi propri, o, come è sempre il caso se il debito è pubblico, rifinanziandosi sul mercato. Per avere un metro con cui