Persone

Francesco Rutelli

Francesco Rutelli è nato il 14 giugno del 1954 a Roma ed è un politico italiano che ha rivestito numerosi incarichi.

Ha conseguito la maturità classica presso il Liceo Classico statale Socrate di Roma e si è iscritto presso la Facoltà di Architettura dell'Università La Sapienza di Roma, senza però portare a termine gli studi.

Dal 1980 al 1981 è stato Segretario del Partito Radicale.

E' stato deputato alla Camera nella IX, X, XI, XIV e XV legislatura e Senatore della repubblica nella XVI legislatura.

Nel 1993 è stato Ministro dell'Ambiente del Governo Ciampi.

Tra il 1993 ed il 2001 è stato Sindaco di Roma.

Dal 2002 al 2007 è stato Presidente di Democrazia e Libertà - La Margherita.

Tra il 2008 ed il 2010 ha rivestito la carica di Presidente del COPASIR.

Dal 2006 al 2008 è stato, nel Governo Prodi, Vicepresidente del Consiglio e Ministro dei beni e delle attività culturali.

Dal 2009 è presidente di Alleanza per l'Italia.

Attualmente è cofondatore e presidente del Partito Democratico Europeo (PDE) presso il Parlamento europeo e Presidente della Fondazione Centro per un Futuro Sostenibile.

Francesco Rutelli inizia la sua carriera politica nei radicali, venendo eletto due volte in Parlamento e ricoprendo la carica di segretario regionale, per poi entrare nella segreteria nazionale.

Nel 1989 Rutelli lascia il partito radicale e promuove la nascita del partito dei Verdi Arcobaleno, con il quale ricopre l’incarico di Ministro per l’Ambiente sotto il governo Ciampi.
Dal 1993 al 2001 Francesco Rutelli è sindaco di Roma, per due mandati consecutivi. Sotto la sua amministrazione nel 2000, ha luogo a Roma l’anno del Giubileo, evento che contribuisce significativamente a rilanciare ll’immagine della città a livello internazionale.
Nel 2004 fonda con François Bayrou il Partito Democratico Europeo in seno al Parlamento Europeo, al quale era stato eletto nel 1999.

Nel 2006 ottiene l'incarico di vicepresidente del Consiglio e di Ministro per i Beni Culturali nel governo Prodi.
Nell’aprile 2008 si candida nuovamente alle elezioni comunali di Roma per succedere a Walter Veltroni, ma viene sconfitto dal concorrente Gianni Alemanno.
Il 27 ottobre del 2009, in seguito all’elezione di Pierluigi Bersani, Rutelli abbandona il Partito Democratico, per avvicinarsi alle posizioni di centro di Pierferdinando Casini e fonda il movimento Alleanza per l’Italia.

Il 19 gennaio del 2013 annuncia che non si candiderà alle elezioni politiche italiane del 2013.

Francesco Rutelli è sposato con la giornalista Barbara Palombelli, i due hanno quattro figli, di cui uno naturale Giorgio e tre adottivi, Francisco, Serena e Monica.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Francesco Rutelli | Pd | Roma | Barbara Palombelli | Pierluigi Bersani | Partito Radicale | Partito dei verdi | Libertà | Gianni Alemanno | La Margherita | Pierferdinando Casini | Università La Sapienza | Walter Veltroni | Alleanza | Governo Prodi | François Bayrou | COPASIR | Camera dei deputati |

Ultime notizie su Francesco Rutelli

    Le scissioni della sinistra al microscopio: chi è uscito, quanti voti ha preso e il futuro

    Matteo Renzi ha lasciato il Pd. Qualche settimana fa c'era stato l'addio di Carlo Calenda. quella dell'ex ministro dello Sviluppo economico è la sesta scissione in dodici anni. Il Pd, partito nato nel 2007 con l'obiettivo di unire l'anima post-comunista e quella cattolica della sinistra italiana, in dodici anni di storia è stato attraversato già da molte scissioni. Adesso è la volta dell'ex premier2 con motivazioni differenti. Qui l'articolo sul sole.com. Del resto a sinistra sono abituati. L...

    – Infodata

    Le scissioni della sinistra al microscopio: chi è uscito e quanti voti ha preso

    Matteo Renzi, come anticipato dal Sole 24 Ore del 14 settembre, ha deciso. «Se lo avessi fatto tra sei mesi tutti lo avrebbero letto come una minaccia al prosieguo della legislatura - spiega l'ex premier ed ex segretario del Pd -. Fatto ora che il governo sta partendo serve a fare chiarezza, in tutta sicurezza». Non è ancora una scissione ma poco ci manca. Qualche settimana fa c'era stato l'addio del ministro Calendo. quella di Calenda è la sesta scissione in dodici anni. Il Pd, partito nato n...

    – Luca Tremolada

    Nuovo partito di Renzi, ecco chi lo segue / Michele Anzaldi

    Deputato del Pd, è stato portavoce di Francesco Rutelli. Nel novembre 1987 ha fondato in Legambiente il "Telefono verde", uno strumento per dare risposte ai cittadini o per permettere di esporre problemi relativi all'ambiente e ai consumi

    Da Rutelli a Bersani, Pd consumato dalle scissioni

    Nato da una fusione (Margherita-Ds), in 12 anni di vita il partito ha subito molti addii. E nel 2017 Renzi scherzava: «Ulteriori scissioni non sono possibili perché abbiamo finito le sigle»

    – di Riccardo Ferrazza

    Responsabile Economia /Affari economici - Paolo Gentiloni

    L'ex presidente del Consiglio italiano Paolo Gentiloni ottiene gli Affari economici, la delega affidata nella Commissione Juncker a Pierre Moscovici, anche se ora il ruolo diventa quello di «Responsabile economia». Prima dell'incarico a Palazzo Chigi Gentiloni, esponente del Partito democratico, è

    L'addio di Calenda al Pd, sesta scissione in 12 anni

    Il Pd, partito nato nel 2007 con l'obiettivo di unire l'anima post-comunista e quella cattolica della sinistra italiana, in dodici anni di storia è stato attraversato già da molte scissioni. Sono sei con l'addio di Calenda

    – di Andrea Gagliardi e Andrea Marini

    Cinema, accordo produttori-autori. Sbloccati fondi per 50 milioni

    Sblocco di una dote di 50 milioni, e accordo "di filiera" fra produttori e autori del mondo del cinema e dell'audiovisivo. In base a questa intesa dai contributi cosiddetti "automatici" destinati alle imprese, una parte sarà girata dai produttori al mondo degli autori (soggettisti, sceneggiatori e

    – di Andrea Biondi

1-10 di 869 risultati