Ultime notizie:

Fondazione Olivetti

    Paolo Verri e il successo della Cultura, da Torino a Matera: «Ora tocca a Taranto»

    «Con la cultura non si mangia»: la frase infelice è rimasta appiccicata addosso a Giulio Tremonti da quando la pronunciò - era ministro dell'Economia nel 2010 - per giustificare i tagli dei fondi al ministero allora guidato da Sandro Bondi. Proprio in quella fase, in cui l'Italia era schiacciata

    – di Eliana Di Caro

    Fabbrica di vetro, così Ivrea sognò la modernità

    Lungo via Jervis, la principale strada di Ivrea, affaccia un edificio che Adriano Olivetti aveva commissionato verso la fine degli anni 30 a due architetti razionalisti, Luigi Figini e Gino Pollini, di origine veneta ma ormai stabilmente a Milano. L'edificio, che è composto di vetro, acciaio e

    – di Giuseppe Lupo

    L'idea di Olivetti e la riluttanza italiana

    Verso la fine degli anni Cinquanta, Adriano Olivetti studiò la possibilità di conferire all'assetto proprietario dell'azienda di famiglia la forma di una fondazione. Olivetti parlava esplicitamente di una "fondazione proprietaria", in cui far confluire le azioni in possesso dei suoi familiari. A

    – di Giuseppe Berta

    Formazione, la Luiss premiata in Usa dalla Wharton School

    La Luiss Guido Carli ha vinto il Bronze Award nella categoria Ethical Leadership ed è finita in short list con un secondo progetto nella categoria Nurturing Employability. I premi sono stati assegnati nell'ambito della conferenza ReimagineEducation organizzata dalla Wharton School dell'università

    – di Alessia Tripodi

    Mappare la geografia della psiche

    Dal 26 al 29 maggio si è svolto a Roma il XVIII Congresso della Società Psicoanalitica Italiana: «Le logiche del piacere, l'ambiguità del dolore». Il titolo fa pensare a una frase di Virginia Woolf: «La bellezza del mondo ha due tagli, uno di gioia l'altro d'angoscia, che ci dividono il cuore».

    – di Vittorio Lingiardi

    Il «grand commis» che amava le istituzioni

    Un impegno costante per le istituzioni e l'amministrazione, vissuto in prima persona attraverso gli incarichi ricoperti ma anche come avvocato amministrativista e autore di libri, con una produzione che spazia dai conti pubblici alle autonomie, dalle fondazioni bancarie al partenariato

    Non più e non ancora: riflessioni tra cultura, tecnologia e società

    Non possiamo risolvere i problemi usando lo stesso tipo di pensiero che abbiamo usato quando li abbiamo creati. Albert Einstein (1879 - 1955). La riflessione di Einstein si presta particolarmente bene al tempo presente, in cui non c'è più il sistema di certezze della modernità e non c'è ancora un nuovo sistema economico, sociale e culturale. Il fenomeno è evidente nel triangolo cultura-tecnologia-società. Quando cambiano realmente i modi di comunicare, cambia anche la società. E cambia anche la...

    – Gabriele Caramellino

    Eurobond per il capitale umano

    Fondamentale raccogliere risorse per gli investimenti intangibili - UNIONE A DUE VELOCITÁ - I Paesi Ue mediterranei più in crisi sono anche quelli che più devono rilanciare software, informazione e proprietà intellettuale

    – di Stefano Manzocchi

    Antropologie dell'interazione umana

    Se l'interattività è uno dei segni distintivi di questa epoca, allora non c'è dubbio che l'interazione dell'essere umano con il mondo sia un aspetto da approfondire. Il tema è interessante anche sul versante delle mutazioni antropologiche: come stanno cambiando le pratiche culturali e sociali di cui abbiamo fatto esperienza per molto tempo in modo tradizionale? Area certamente vasta, di cui però si possono fornire alcuni spunti. Ad esempio, il libro è un prodotto culturale classico che in questi...

    – Gabriele Caramellino

1-10 di 11 risultati