Ultime notizie:

Fondazione Ergo

    Viaggio nell'Italia che perde la partita delle lavatrici

    Nel 2002 l'Italia produceva 30 milioni di pezzi, ora è scesa a meno di 10. Ragioni strutturali. Costo del lavoro e bassa produttività delle fabbriche pari a 20 punti in meno di quelle ceche e 27 punti in meno di quelle spagnole

    – di Paolo Bricco

    Una malattia professionale costa 200 mila euro l'anno. Prevenirla molto meno.

    Secondo recenti stime del Centro Studi della Fondazione Ergo, mediamente fra costi assicurativi e previdenziali una malattia professionale costa all'Italia oltre 200 mila euro, un costo che complessivamente rappresenta circa lo 0,5% del Pil (considerate le quasi 50mila malattie professionali nel 207, la cifra totale sfiora i 10 miliardi di euro). Una notizia forse positiva per l'Italia che riguarda il 2017 viene dai dati Inail, secondo i quali si sarebbe registrata nell'ultimo anno un'inversione...

    – Cristina Da Rold

    Lettere sull'innovazione: lungimiranza politica cercasi

    In un quadro complesso come quello attuale, le Pmi italiane devono trovare una propria via per approcciare il modello della fabbrica digitale. Seguendo l'esempio delle aziende giapponesi nel dopoguerra, è necessario fare molto con poco e finanziare i passi successivi con i risultati ottenuti strada facendo. La ricetta italiana di Industry 4.0 potrebbe essere questa: approccio creativo al miglioramento dell'efficienza supportato da solidi processi (es. gestione scientifica del lavoro), un modello...

    – Luca De Biase

    Lungimiranza politica e investimenti in ricerca e istruzione

    In un quadro complesso come quello attuale, le Pmi italiane devono trovare una propria via per approcciare il modello della fabbrica digitale. Seguendo l'esempio delle aziende giapponesi nel dopoguerra, è necessario fare molto con poco e finanziare i passi successivi con i risultati ottenuti strada

    – di Luca De Biase

    Troppe inefficienze nelle fabbriche italiane

    IL PARAMETRO - Il calcolo dell'indice del costo per ora lavorata produttiva colloca l'Italia in posizione di svantaggio rispetto a Spagna e Germania

    – Paolo Bricco