Aziende

Finecobank

FinecoBank S.p.A. è la banca diretta multicanale del gruppo UniCredit di cui detiene il 35%.

Si è distinta per essere il primo broker in Italia per volumi intermediati sul mercato azionario e in Europa per numero di eseguiti.

Il modello di business di FinecoBank integra i servizi di una banca diretta con quelli di una rete di promotori finanziari.
E’ quotata nell'indice FTSE MIB della Borsa di Milano.

Al 30 settembre del 2016 FinecoBank presentava un Utile netto di 162, 4 milioni di euro, con ricavi pari a 420,7 milioni di euro.

Al 31 ottobre del 2016 la raccolta netta da inizio anno era pari a 3.938 milioni di euro, mentre il numero di clienti ammontava a 1.107.300, di cui 91.300 nuovi clienti soltanto nel 2016 .

Amministratore Delegato e Direttore Generale di FinecoBank è Alessandro Foti mentre la sede centrale della banca è a Milano in Via Marco D'Aviano n. 5.

Ultimo aggiornamento 11 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Dati di bilancio annuali | Banca diretta | Alessandro Foti | Italia | Borsa di Milano | Borsa Valori |

Ultime notizie su Finecobank

    Piazza Affari svetta in Europa a top da maggio 2018. Madrid giù con nuovo governo

    Le Borse europee hanno chiuso in territorio positivo una seduta tonica. Bene anche Wall Street, con l'S&P che aggiorna i massimi in attesa di notizie sulle trattative Usa-Cina e del discorso di Trump. Spread BTp-Bund chiude in calo a 155 punti base. A Piazza Affari, che da inizio anno segna un +29,8%, bene banche e titoli del risparmio, Mediobanca passa il test di mercato

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

    Listini ingessati tra Hong Kong e stallo Usa-Cina, Milano chiude a -0,19%

    Dopo le elezioni spagnole, che non danno certezza sulla formazione di un governo stabile, la Borsa di Madrid è riuscita ad azzerare le perdite sul finale. Parigi ha chiuso in positivi, più indietro Londra, dopo i dati sul Pil del terzo trimestre, che comunque hanno scongiurato il rischio recessione. Lo spread tra BTp e bund è salito fino a 160 punti base, per chiudere in area 159 pb

    – di Flavia Carletti

    Mediobanca, Unicredit dice addio. Del Vecchio compra altro 2,5%. Ecco cosa potrebbe succedere

    Leonardo Del Vecchio sale ulteriormente nel capitale di Mediobanca, avvicinandosi alla soglia del 10%. Secondo quanto riferisce Bloomberg, il patron di Luxottica, che aveva già in mano il 7,5% del capitale di Piazzetta Cuccia, avrebbe acquisito, tramite la holding Delfin, una ulteriore quota del 2,5% attraverso l'operazione di accelerated bookbuilding avviata ieri da Unicredit nell'ambito della cessione della sua intera quota dell'8,4% in Mediobanca. Per superare questa soglia del 10% il preside...

    – Carlo Festa

    Segnali di pace Usa-Cina spingono Borse. A Piazza Affari sprint Unicredit

    Piazze europee tutte positive, mentre Wall Street aggiorna i massimi. Prosegue la stagione delle trimestrali delle grandi società quotate. A Piazza Affari oltre a Unicredit, bene Generali. Bene il lusso sull'allentamento delle tensioni sui dazi. Spread in rialzo a 150 punti

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

    Finecobank tocca 11 euro, top da 6 mesi dopo i conti

    Massimi da sei mesi per Finecobank che tocca anche quota 11 euro nei primi scambi all'indomani della trimestrale e delle indicazioni fornite dal management sulla raccolta di ottobre. Il titolo è tra i migliori del FTSE MIB influenzato anche dalle parole del ceo Alessandro Foti che vede Finecobank

    – di Andrea Fontana

    Europa consolida i massimi. A Piazza Affari sprint di Diasorin

    Le Borse europee hanno chiuso le contrattazioni poco mosse dopo i massimi dei giorni scorsi. Segno più per Milano, Parigi e Francoforte, piatta Londra e debole Madrid. L'indice Eurostoxx 600 è da giorni sui massimi dal 2015 e vicinissimo al record storico. Trimestrali migliori delle previsioni e attesa per la firma dell'accordo Usa-Cina sul commercio sostengono i listini. In Germania sorpresa dagli ordini all'industria di settembre, migliori delle attese

    – di Flavia Carletti

    Schiarita dazi e Aramco elettrizzano le Borse, Piazza Affari al top da maggio '18

    Washington e Pechino hanno ribadito l'ottimismo per un primo pacchetto di accordi, con gli Stati Uniti pronti anche a riaprire i rapporti commerciali tra le aziende Usa e Huawei. Il Ftse Mib (+1,6%) oltre i 23 mila punti, si conferma l'indice migliore di giornata in Europa, con in testa Ferrari (+6,5%) dopo la trimestrale e l'accordo con Armani. Chiusura record anche per Wall Street

    – di Andrea Fontana e Enrico Miele

    Europa chiude positiva su Wall Street record, a Milano Tenaris +8,5%

    Il mercato Usa festeggia i dati sul mercato del lavoro migliori delle attese. A beneficiarne anche l'Europa, che oggi saluta l'insediamento di Christine Lagarde alla presidenza della Bce. A Milano tonfo di Cattolica dopo il defenestramento dell'amministratore delegato, Alberto Minali.

    – di Flavia Carletti

    Borse europee senza mordente, attesa per i dossier Brexit e Usa-Cina

    A Piazza Affari nessun impatto dal confronto tra governo e Ue sulla legge di bilancio dopo la lettera della Commissione europea e le parole di Moscovici. Nuovi massimi per Poste Italiane mentre perde terreno Buzzi. Sterlina ripiega dai massimi, spread chiude a 140 punti

    Ritrovato ottimismo su Usa-Cina spinge listini. A Piazza Affari ok risparmio gestito

    I «sostanziali progressi» evidenziati dal vicepremier cinese nel negoziato Usa-Cina hanno favorito il rialzo dei listini azionari, compresa Wall Street. Sotto osservazione le mosse del premier inglese per arrivare a un nuovo voto del Parlamento sull'accordo per l'uscita dall'Ue. A Milano bene industriali, banche e auto. Spread in leggero rialzo a 143 punti. BTp Italia: bene il primo giorno di collocamento, al retail circa 2 miliardi

    – di Andrea Fontana e Stefania Arcudi

1-10 di 281 risultati