Persone

Filippo Grandi

Filippo Grandi è nato nel 1957 a Milano ed è un diplomatico italiano.

E' stato nominato Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), assumerà l'incarico a partire dal 1º gennaio del 2016.

Dal 20 gennaio del 2010 al 29 marzo del 2014 è stato Commissario Generale dell' Agenzia delle Nazioni Unite per il Soccorso e l'Occupazione (UNRWA).

Grandi si è laureato in filosofia presso l'Università di Venezia e la Statale di Milano e si è perfezionato presso l'Università Gregoriana di Roma.

E' entrato nell'UNHR a partire dal 1988 ed ha servito diversi paesi, quali Sudan, Siria, Turchia ed Iraq.

Tra il 1996 ed il 1997 è stato Coordinatore del campo per l'UNHCR e delle Nazioni Unite e attività umanitarie nella Repubblica democratica del Congo.

Dal 1997 al 2001 ha lavorato presso l'Ufficio Esecutivo dell'UNHCR a Ginevra, prima come assistente speciale, poi per conto del capo di stato maggiore.

Dal 2001 al 2004 è stato Capo Missione all'Alto Commissariato per i Rifugiati (UNHCR).

Il 12 novembre del 2015 è stato nominato Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, succedendo nella carica al portoghese António Guterres. La sua nomina deve essere adesso confermata in sede di assemblea generale, la presa di possesso dell'incarico è prevista per il 1° genniao del 2016.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Governo | Alto commissariato delle nazioni unite per i rifugiati | Filippo Grandi | Onu | Rifugiato | Università Gregoriana | Milano |

Ultime notizie su Filippo Grandi

    Italia e Germania: sui migranti secondari accordo necessario più a Roma che a Berlino

    Senza contare che l’Italia ha anche in vista un contenzioso tutt’altro che agevole da gestire con l’Unhcr, l’Alto commissariato per i rifugiati guidato dall’italiano Filippo Grandi che promette “vigilanza” e annuncia «osservazioni tecniche» sul testo del nuovo decreto sicurezza di Salvini che dovrà passare comunque anche al vaglio del ministro della Giustizia Bonafede e, in ultima istanza, dello stesso Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

    – di Gerardo Pelosi

    Piattaforme di sbarco per i migranti, piano dell'Onu per aiutare l'Europa

    BRUXELLES - Nonostante dubbi e interrogativi, rimane al centro delle discussioni l'idea di creare delle piattaforme di sbarco in giro per il Mediterraneo con cui gestire l'arrivo di migranti dall'Africa e dall'Oriente, alleviando indirettamente l'impegno dei paesi alle frontiere esterne

    – di Beda Romano

    Migranti, verso un vertice straordinario domenica a Bruxelles

    Sarà quasi certamente un vertice informale da tenersi domenica prossima a Bruxelles con i capi di Stato e di Governo di Italia, Francia, Germania e Spagna, il presidente del Consiglio Ue, Donald Tusk, e le due presidenze Ue (la bulgara e la prossima austriaca), a mettere nero su bianco la proposta

    – di Gerardo Pelosi

    Il futuro dei rifugiati passa dall'istruzione

    Dei 17,2 milioni di persone che l'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati è responsabile di proteggere, circa la metà hanno meno di 18 anni: una generazione di giovani, già defraudata della propria infanzia, rischia di non avere neanche un futuro.

    – di Filippo Grandi

    Sbarchi, si accentua il calo: -18%. Ong Moas sospende soccorsi: «Troppe incertezze»

    Continua e si accentua il calo dei flussi migratori dalla Libia. Un calo iniziato a luglio, impennatosi ad agosto e in proseguimento a settembre. Gli ultimi dati del Viminale aggiornati al 4 settembre (99.846 arrivi) segnano una flessione del 17,7% dall'inizio dell'anno rispetto al corrispondente

    – di Andrea Gagliardi

    Migranti, sbarchi in calo del 10% da inizio anno. Ad agosto flessione record dell'85%

    Diminuiscono i flussi di migranti dalla Libia. E calano anche le vittime in mare. Gli ultimi dati del Viminale aggiornati al 30 agosto accentuano il forte calo già registrato a luglio. Gli sbarchi registrati ad agosto sono stati 3.235 (il dato mensile più basso dell'anno) rispetto allo stesso mese

    – di Andrea Gagliardi

    Campi di accoglienza in Libia, missione italiana a settembre

    Campi di accoglienza in Libia: è partito un pressing strategico dell'Italia. Il tema è stato affrontato martedì nei colloqui ufficiali con il governo italiano del nuovo inviato dell'Onu, Ghassam Salamè. Ricevuto dal presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, e dai ministri Angelino Alfano (Affari

    – di Marco Ludovico

1-10 di 22 risultati