Ultime notizie:

Fed

    Le ragioni della crociata di Trump contro la Fed

    Per questo Trump ha bisogno di un nuovo avversario, facilmente identificabile, su cui scaricare le responsabilità: il Presidente Fed Powell da lui nominato, con la sua policy di rialzo dei tassi di interesse, sembra essere il bersaglio perfetto. ... Trump ha ventilato il licenziamento del Presidente Fed, con l'escamotage di citarlo in negativo (“non ho nessuna intenzione di licenziarlo”). ... Trump dunque non ha tutti i torti nella sua personale crociata contro la Fed.

    – di Marcello Minenna

    Debito pubblico: come, quando e perché è esploso in Italia

    La Fed dà vita a una memorabile stretta sui tassi, passati in sei mesi dal 9% a quasi il 19%, abbattendo il carovita (nel 1983 oltreoceano al 3,2%) ma innescando una mini-recessione prima del boom economico. Tutte le altre banche centrali del pianeta sono costrette a inseguire la Fed, compresa Bankitalia.

    – di Enrico Marro

    I rischi globali di un dollaro senza più bussola

    ...banca centrale (Fed). ... La Fed non annunzia i suoi obiettivi - o meglio ne dichiara solo uno, che è come dire nessuno, perché così tutte le scelte sono razionalizzabili ex post - non comunica quale sia il suo tasso di interesse neutrale, che è l’oggettivo...

    – di Donato Masciandaro

    Dieci anni dopo la grande recessione, il "libero scambio" è un po' meno libero

    Nonostante questo buon andamento, le attuali tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina ed la normalizzazione delle politiche monetarie della Fed e della Bce potrebbero portare ad un più rapido rallentamento della crescita del Pil mondiale e ad una crescita meno bilanciata a livello globale.

    – Giovanni Caccavello

    Lo yuan resterà debole, ma non «manipolato»

    Quota 6,94 è già stata infranta il 18 ottobre, anche se solo in un minimo di giornata. E la soglia psicologica di 7 yuan per un dollaro, mai superata dal 2008, è sempre più vicina, soprattutto dopo l'ultimo dato sul Pil cinese, che nel terzo trimestre è cresciuto del 6,5%, meno delle attese. Per

    – di Gianluca Di Donfrancesco

    Piazza Affari (-1,9%) paga tensioni nel Governo. Spread al top da 5 anni

    Le minute della Fed di ieri sera hanno confermato lo scenario di espansione economica e la possibilità di un ulteriore rialzo dei tassi, il quarto per il 2018, per la fine dell'anno. ... Sul mercato valutario, l'euro è sceso sotto la soglia di 1,15 dollari a 1,1492 (da 1,1538 dollari ieri), complici da un lato il rafforzamento del biglietto verde dopo che le minute della Fed hanno confermato un ulteriore rialzo dei tassi per fine anno e, dall'altro, le tensioni politiche sulla manovra italiana,...

    – di Eleonora Micheli

    Milano (-1,3%) in coda all'Europa. Spread chiude a 309, top da 2013

    Chiusura debole per le Borse europee, con Milano che ancora una volta ha accusato la performance peggiore del Vecchio Continente, mentre si addensano nubi sulla manovra economica varata dal Governo italiano. Il commissario al Bilancio Ue, Guenther Oettinger, all'indomani della presa di posizione di

    – di Eleonora Micheli

    Ungheria, il mistero delle riserve d'oro: decuplicate in due settimane

    Al recente risveglio delle quotazioni dell'oro potrebbe aver contribuito anche l'Ungheria, che nella prima metà di ottobre ha addirittura decuplicato le riserve aurifere.A rivelare gli acquisti è stata la banca centrale magiara, che ora possiede 31,5 tonnellate di metallo, contro le 3,1 tonnellate

    – di Sissi Bellomo

    Caro-vita, gli (eventuali) effetti a cascata su tutti gli altri asset

    Negli Usa il livello di inflazione (2,7% appunto) è già al di sopra di quanto desiderato (2%) dalla Federal Reserve (Fed): i tassi d'interesse a breve termine hanno infatti già iniziato a salire per effetto degli interventi della banca centrale.

    – di Marcello Frisone

1-10 di 8411 risultati