Ultime notizie:

Farid Noureddine Bedjaoui

    Saipem-Algeria: la Cassazione annulla l'assoluzione di Scaroni e di Eni

    La VI sezione penale della Cassazione ha annullato il proscioglimento dell'ex ad dell'Eni, Paolo Scaroni, e della società, in relazione all'accusa di corruzione internazionale e frode fiscale nell'ambito del procedimento sulla presunta tangente da 198 milioni di euro che sarebbe stata pagata dal

    Saipem, tangenti Algeria: prosciolti Scaroni e Eni

    Il Gup del tribunale di Milano Alessandra Clemente ha prosciolto Paolo Scaroni, ex ad di Eni, dall'accusa di corruzione internazionale nel procedimento relativo al presunto pagamento di 198 milioni di euro di tangenti in Algeria per far ottenere a Saipem (partecipata da Eni) appalti da 8 miliardi

    Lettere

    Caro Carrubba, non Le sembra comoda e ipocrita la posizione degli Stati Uniti che, separati dall'Atlantico e quindi fuori pericolo (eccezione l'11settembre), predicano e impongono democrazia suscitando guerre intestine foriere non certo di pace ma di disordine e povertà e tali (Ucraina) da poter

    Caso Saipem, il pm chiede il rinvio a giudizio per l'ex ad Eni, Scaroni

    La procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio per l'ex amministratore delegato di Eni, Paolo Scaroni, e altre sette persone legate alla vicenda della presunta maxi tangente da 198 milioni che sarebbe stata versata da Saipem all'allora ministro algerino dell'Energia Chekib Khelil per ottenere

    Inchiesta Saipem, otto indagati per corruzione

    Avviso anche per Scaroni - Pm al lavoro su presunte tangenti da 200 milioni per commesse in Algeria - LE PISTE DEL DENARO - L'esportazione dei fondi all'estero sarebbe avvenuta tramite la Habib bank di Zurigo e la filiale di Dubai della Barclays

    – Stefano Elli

    Scaroni: «Totalmente estranei»

    La società: intervento tempestivo sul caso, massima cooperazione con la magistratura - LE DECISIONI - Eni costrinse Saipem a mettere in atto tutte le più opportune azioni di verifica interna e alle dimissioni dei vertici coinvolti nell'inchiesta

    – Celestina Dominelli