Aziende

Fao

La sigla Fao (Food and Agriculture Organization of the United Nations) è quella che identifica l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura. Fondata nel 1945 a Quebec City, in Canada, la Fao ha avuto, fin dall’inizio della sua opera, il mandato di aiutare ad accrescere i livelli di nutrizione, aumentare la produttività agricola, migliorare la vita delle popolazioni rurali e contribuire alla crescita economica mondiale. E' un'assemblea internazionale nella quale i rappresentanti degli stati partecipanti dibattono le politiche mondiali legate a queste importanti tematiche. La Fao ha la sua sede operativa a Roma ed è presieduta dal senegalese Jacques Diouf che è in carica dal 1993 e ha la funzione di direttore generale. Il lavoro dell’organizzazione è controllato dalla Conferenza degli Stati Membri che, riunendosi ogni due anni, verifica l’applicazione del programma di lavoro precedentemente approvato e ne stila uno nuovo per il biennio successivo. Sono otto i dipartimenti nei quali la Fao è suddivisa: Amministrazione e Risorse Finanziarie, Agricoltura e Difesa del Consumatore, Sviluppo Sociale ed Economico, Pesca e Acquacultura, Foreste, Comunicazione, Gestione delle Risorse Naturali e Tecniche di Cooperazione. Inoltre la Fao è strutturata per operare “sul campo” con sedi in circa 80 paesi: esistono poi uffici regionali per diverse aree mondiali (in Thailandia, Ghana, Cile ed Egitto) e uffici di collegamento per le operazioni internazionali (a Ginevra in Svizzera, a Washington negli Usa, a Bruxelles in Belgio e a Yokohama in Giappone). Nella Fao sono impiegati circa 3.600 funzionari che prestano la loro opera tra la sede centrale e le sedi distaccate. Periodicamente la Fao pubblica rapporti analitici che contengono informazioni globali, statistiche e proiezioni sulla situazione mondiale delle foreste, della pesca, dell’agricoltura e della nutrizione.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Regioni | Fao | Stati Membri | Onu | Jacques Diouf | Giappone | Canada | Stati Uniti d'America | Belgio | Conferenza | Svizzera |

Ultime notizie su Fao

    Ai Report - L'etica dell'intelligenza artificiale: al centro del dibattito di imprese, università e istituzioni: il punto di vista di Francesca Rossi, esperto per la Ce e AI Ethics Global Leader IBM

    Dottoressa Rossi, ci aiuti a inquadrare lo status dell'intelligenza artificiale (Ai): da una parte c'è, per esempio, la Pontificia Accademia per la Vita, Ibm, Microsoft, la Fao e il Governo italiano che firmano un documento per l'etica dell'Ai o l'High Level Expert Group (Hleg ) della Commissione Europea (CE) che pubblica le linee guida per una Ai affidabile. Dall'altra, l'utilizzo di Ai diretta sia ai consumatori sia nel mondo produttivo sta esplodendo. Il Covid-19 è stato scoperto da un progra...

    – Guiomar Parada

    La pandemia è arrivata. E la prossima carestia potrebbe essere vicina

    Gli ultimi mesi sono stati sfidanti per molti di noi. L'anno è cominciato con l'invasione delle cavallette, poi la pandemia e per poco non è arrivato anche l'asteroide. Dopo questi eventi biblici una carestia non la vogliamo? Chiariamoci: non mi sto riferendo ad una carestia globale. Noi occidentali non ci mangeremo l'un l'altro per la fame, come avvenne sulle montagne andine o a Leningrado (di qui forse la famosa leggenda metropolitana che "i comunisti mangiano bambini"). Chi rischia di morire ...

    – Enrico Verga

    Environment Day 2020. Come pensiamo di poter parlare di giustizia ambientale senza affrontare anche quella razziale?

    Giornate della Terra, giornate per l'Ambiente, venerdì per il Futuro, sono tutte occasioni che dovrebbero rimarcare il nostro senso di gratitudine, che dovrebbero riunire e accelerare il tanto necessario, quanto urgente, cambio di paradigma. Ma, come pensiamo di poter parlare di giustizia ambientale senza affrontare anche quella razziale? Dopo cinque anni dal lancio degli obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite, una maratona interminabile di attività di sensibili...

    – Sara Roversi

    A pochi giorni da Yulin la Cina conferma: i cani sono amici, non cibo

    I cani sono amici, non cibo. Non è una semicitazione dal film "Alla ricerca di Nemo" ma la sintesi di quanto comunicato dal ministero dell'Agricoltura e degli Affari Rurali cinese. "Companion" e non "livestock", compagni di vita e non bestiame, questo ha confermato Pechino pubblicando la versione finale dell'"Elenco delle Risorse Genetiche di Bestiame e Pollame", seguito da una lunga spiegazione sul perché i cani non sono inclusi. Un'informazione non scontata in Cina, dove convivono abitudini si...

    – Guido Minciotti

    Fao: la deforestazione rallenta ma non in Africa. Europa e Asia meno virtuose

    Nel decennio 2010-2020 la Terra ha perso in media 4,7 milioni di ettari all'anno di boschi e foreste, meno dei 5,2 milioni di ettari del 2000-2010 e dei 7,8 milioni del 1990-2000, il decennio orribile per la salute del pianeta. Si conferma dunque la tendenza a un miglioramento, anche se molto lenta

    – di Gabriele Meoni

1-10 di 675 risultati