Persone

Fabrizio Saccomanni

Fabrizio Saccomanni è nato il 22 novembre del 1942 a Roma ed è un economista e politico italiano.

Nell'Ottobre del 2006 è stato nominato direttore generale della Banca d'Italia per poi essere riconfermato nel Luglio del 2012.

Dal 28 Aprile del 2013 al 22 febbraio del 2014 è stato Ministro dell'Economia e delle Finanze nel Governo Letta.

Laureato in Economia e Commercio all'Università Bocconi di Milano nel 1966, ha proseguito gli studi alla Princeton University (USA), dedicandosi a studi di perfezionamento in economia monetaria ed internazionale.

Nel giugno del 1967 inizia la sua carriera in Banca d’Italia nell’Ufficio Vigilanza della Sede di Milano e dal 1970 al 1975 viene distaccato presso il Fondo Monetario internazionale, nel Dipartimento Rapporti commerciali e di cambio.

Nel 1984 ricopre l’incarico di capo del servizio rapporti con l’estero e nel 1997 viene nominato direttore centrale per le attività estere.

Ha rappresentato la Banca nell’ambito dei principali organismi finanziari internazionali.

Dal 1991 al 1997 ha ricoperto la carica di Presidente del Comitato per la politica del cambio.

Tra il 1998 ed il 2002 ha partecipato ai negoziati per la creazione dell'Unione economica e monetaria ed ha collaborato nel Comitato dell’Euro per la gestione della transizione alla moneta unica.

Dal 2003 al 2006 è stato Vice Presidente della Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo a Londra.

Tra il 2 ottobre del 2006 ed il 28 aprile del 2013, è stato direttore generale della Banca d’Italia.

Il 28 Aprile è stato nominato ministro dell'Economia e delle Finanze nel governo Letta, carica che ha mantenuto fino al 24 febbraio 2014, quando è stato sostituito dall'attuale ministro delle Finanze Pier Carlo Padoan.

Fabrizio Saccomanni ha ricevuto le seguento onorificienze:

— Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (10 luglio 1987);

— Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (2 giugno 1995);

— Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana (11 settembre 2010).

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Scuola e Università | Direttore generale | Banca d'Italia | Repubblica Italiana | Pier Carlo Padoan | Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo | Milano | Fmi | Bocconi | Governo Letta | Dipartimento Rapporti | Fabrizio Saccomanni |

Ultime notizie su Fabrizio Saccomanni

    Quelle luci in fondo al tunnel del 2020

    2021 ti aspettiamo a braccia aperte, dice Babbo Natale sulla scatola dei cioccolatini. Come dargli torto, dopo questo 2020 che ci ha lasciato senza parole, noi abituati a vivere in anni andati al massimo un po' meglio o un po' peggio di quello precedente. Pure questo 2021 inizia con la sua dose di ombre vecchie e nuove, che difficilmente potranno dissolversi in una girata di calendario. Stiamo peggio di salute e di umore, l'Europa che si ruba di mano i vaccini a loro volta così divisivi ci fa ...

    – Marco Ferrando

    Perché Mustier non sarà più ceo di Unicredit

    Il manager, abile nel ristrutturare la banca a colpi di cessioni e con l'aumento di capitale più grande di sempre, ha incontrato le difficoltà quando c'è stato da ricostruire

    – di Marco Ferrando

    Nell'incertezza della pandemia, Visco invoca riforme e giustizia sociale

    Quest'anno assistere in diretta video alle Considerazioni finali del governatore della Banca d'Italia è sembrata un'esperienza distopica: l'unico a viso scoperto era Ignazio Visco, mentre tutto il Direttorio e i pochi presenti distanziati indossavano la mascherina. Che tempi! Fin dalle prime righe delle Considerazioni finali - la summa del pensiero della Banca d'Italia - il linguaggio tipicamente felpato di Via Nazionale assume toni preoccupati: "E' una crisi senza precedenti nella storia recent...

    – Beniamino Piccone

    Spread, 25 anni di picchi e crisi dalla lira al coronavirus

    Era il 17 marzo 1995: furono toccati due picchi, mai più raggiunti: lo spread BTp/Bund schizzò a 660 e il cambio della lira con il marco a 1.274,75 (rientrerà nello Sme nel 1996 a 990)

    – di Davide Colombo e Carlo Marroni

    In ricordo di Guido Roberto Vitale, finanziere alieno e italiano anomalo

    Quando l'Italia del maestro Manzi leggeva la Gazzetta dello Sport per familiarizzare con la lingua italiana, Guido Roberto Vitale leggeva il Financial Times. Laureato brillantemente in economia - senza lode perché il barone di turno scoprì di non essere citato nella tesi sulle operazioni di mercato aperto della Federal Reserve - all'Università di Torino, Vitale partì per Londra e New York (specializzato alla Columbia University), per poi lavorare a Mediobanca. Possiamo dire che abbia portato il ...

    – Beniamino Piccone

1-10 di 1073 risultati