Persone

Fabrizio De André

Fabrizio Cristiano De André è nato a Genova il 18 febbraio del 1940 ed è deceduto l'11 gennaio del 1999 a Milano, è stato un cantautore italiano, ritenuto dalla critica uno dei maggiori di tutti i tempi.

Nei suoi quarant'anni di attività ha scritto 13 album, più diversi singoli poi raccolti in antologie, i suoi brani unanimamente ritenuti delle vere e proprie poesie, sono peraltro contenuti nelle antologie scolastiche di letteratura.

Ha collaborato con eminenti personalità del mondo della cultura e della musica quali, Nicola Piovani, Ivano Fossati, Mauro Pagani, Massimo Bubola, Álvaro Mutis, Fernanda Pivano e Francesco De Gregori.

Grazie alla sua popolarità gli sono stati dedicati, dopo l'improvvisa scomparsa, vie, piazze, parchi, biblioteche e scuole.

Fabrizio De André è stato insieme a Bruno Lauzi, Gino Paoli, Umberto Bindi e Luigi Tenco, uno degli esponenti della cosiddetta Scuola genovese, un gruppo di artisti che ha profondamente rinnovato la musica leggera italiana.

Figlio di genitori piemontesi e benestanti (il padre divenne presidente dell'Eridania e la madre era di buona famiglia, figlia di produttori vitivinicoli) trasferitisi in Ligura, De Andrè s' iscrisse e frequentò il liceo classico "Cristoforo Colombo" di Genova, diplomatosi s'iscrisse prima al corso Lettere, poi a quello di Medicina ed infine alla facoltà di giurisprudenza presso l'Università di Genova. Non terminò gli studi in quanto a sei esami della laurea in giurisprudenza decise di lasciare definitivamente l'Università per dedicarsi interamente alla carriera artistica musicale.

Mito per eccellenza del giovane De Andrè fù il cantautore Georges Brassens, del quale peraltro tradurrà alcune canzoni, inserendole nei sui primi album a 45 giri, tuttavia fu decisiva per la formazione del cantautore, anche la frequentazione degli amici Luigi Tenco, Umberto Bindi e Gino Paoli.

Nei primi anni sessanta il cantautore conduce una vita sdregolata, in netto contrasto con le consuetudini della sua famiglia, frequentando amici di tutte le estrazioni culturali e sociali e viaggiando, è forse in questo periodo che maturò nell'artista l'attenzione per gli ultimi e gli emarginati, spesso protagonisti delle sue canzoni.

E' sempre nei primi anni '60 che Fabrizio De Andrè intraprende importanti letture, che avrebbero influenzato la sua visione del mondo, tra cui le opere di Michail Bakunin, Errico Malatesta e Max Stirmer, simpatizzando sempre più per le idee anarchiche in ciò influenzato anche dal suo cantautore prediletto nonchè maestro di vita, Georges Brassens.

Il suo esordio musicale avvenne nel 1961, con la pubblicazione del suo primo 45 giri per l'etichetta Karin.

Il 2 maggio del 1963 debuttò in televisivione nel programma "Rendez-Vous", condotto da Line Renaud con la regia di Vito Molinari, col brano "Il fannullone".

Artista riservato e musicista colto, si è dimostrato abile nel condensare nei suoi brani le varie tendenze ed ispirazioni, trattando le tematiche sociali con crudezza, con metafore poetiche ma alla fine con un un linguaggio semplice inconfondibile ed alla portata di tutti. La poetica dei suoi brani viene "decorata" con sonorità che spaziano sia nel tempo, dalle musiche barocche a quelle della tradizione popolare regionale italiana, che nello spazio, dal soud mediterraneo a quello internazionale.

Tra i suoi brani "poetici" indimenticabili ed entrati a pieno titolo nella cultura nazionalpopolare italiana basti ricordare, per citarne soltanto alcuni, "La Canzone di Marinella", "Il pescatore", "Andrea", "Bocca di Rosa", "La guerra di Piero", "La domenica delle salme", "Don Raffaè", "Zirichiltaggia", "Amico fragile" e "Creuza de mä" .

In concerto a Roccella Jonica (RC) nell'estate del 1998 ebbe un malore in seguito al quale dovette abbandonare i concerti, ricoverato gli fù diagnosticata una neoplasia polmonale, in seguito alla quale nel novembre dello stesso anno fù ricoverato presso l'Istituto Tumori di Milano, dove si spense la notte dell'11 gennaio del 1999.

Fabrizio De Andrè è stato sposato due volte, dal 1962 al 1975 con Enrica Dignon (scomparsa nel 2004) che lo ha reso padre di Cristiano (nato nel 1962) e nel 1989 (dopo diversi anni di convivenza) con Dori Ghezzi, che gli a dato una figlia Luvi (nata nel 1977).

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Musica | Fabrizio De André | Cantautore | Ivano Fossati | Michail Bakunin | Georges Brassens | Università degli studi di Genova | Vito Molinari | Errico Malatesta | Cristoforo Colombo | Francesco De Gregori | Nicola Piovani | Milano | Enrica Dignon | Massimo Bubola | Max Stirmer | Bruno Lauzi | Álvaro Mutis | Fernanda Pivano | Mauro Pagani | Fabrizio De Andrè | Luigi Tenco | Fabrizio Cristiano De André | Gino Paoli | Umberto Bindi | Line Renaud |

Ultime notizie su Fabrizio De André

    Starbucks? No pasarán! Manifesto (fondamentalista) del caffè all'italiana

    E poi la «tazzulella ’e café» dal potere taumaturgico di Pino Daniele e «’a ricetta di Cicerenella» cara a Fabrizio De André, quel No grazie, il caffè mi rende nervoso orgogliosamente interpretato dal napoletano atipico Lello Arena e Roberto Benigni, ambasciatore dell’Italia nel mondo che, per conto di un americano atipico (Jim Jarmusch), tira avanti a Coffe and Cigarettes.

    – di Francesco Prisco

    Scintille di sapore e di business, nel mondo della gastronomia

    Nell'immagine: opera di food art, © Samantha Lee. Il cibo è nutrimento, creatività, cultura, business, scienza, piacere. L'Italia, come è noto, ha un patrimonio di cultura gastronomica davvero straordinario. E ci sono diverse iniziative in corso di svolgimento in questo settore. Ad esempio, Scintilla Saporita è nata quest'anno, ha sede a Roma ed è il primo acceleratore d'impresa in Italia focalizzato esclusivamente su iniziative di business (nazionali e internazionali) nel settore della gast...

    – Gabriele Caramellino

    Sposi nel Belpaese: le location per un sì indimenticabile

    Per molti italiani il Belpaese resta la prima destinazione dove pronunciare il fatidico sì. Ma sono soprattutto gli stranieri a sceglierla. E non si tratta solo di star dello spettacolo o magnati dell'industria. I matrimoni di stranieri super luxury rappresentano solo il 4,4% del totale, quelli

    – di Lucilla Incorvati

    I racconti del grano

    INDICE @ Criscimu, 2 Luglio 2018 @ Elogio della zizzania, 29 Giugno 2018 @ Il tappickle di Nelly, 25 Giugno 2018 @ L'acqua di Giugno, 18 Giugno 2018 @ Mare di grano, 3 Giugno 2018 @ Crisci ù granu cresci, 12 Maggio 2018 @ Grani sani, 13 Aprile 2018 @ La festa del grano di Foglianise, 12 Aprile 2018 @ La tresca, 11 Aprile 2018 @ La biblioteca del grano, 10 Aprile 2018 @ Chiuso per ferie forzate fino a domani, 7, 8 e 9 Aprile 2018 @ Ode al pane, 6 Aprile 2018 @ La terra mi tiene, 5 Aprile 2018 @ C...

    – Vincenzo Moretti

    Morto Bibi Ballandi, manager di Fiorello e signore della Tv italiana

    Dalla musica alla televisione. Un percorso che hanno seguito molti manager e produttori partiti tra gli anni Sessanta e i Settanta e «arrivati» tra gli Ottanta e i Novanta. Lui lo ha fatto a modo suo, assecondando l'intuito, curando le relazioni umane prima che quelle professionali, mettendoci

    – di Francesco Prisco

    Boom di ascolti e fan divisi per la fiction su De André (in romanesco)

    Prima di contestare tutto quello che leggerete in questo articolo, dovrete per forza concordare su alcuni numerini: la prima puntata della fiction dedicata a Fabrizio De André, trasmessa martedì su Rai 1, ha vinto la battaglia della prima serata con 6,1 milioni di spettatori e uno share del 24,3

    – di Francesco Prisco

    La musica italiana è davvero finita? Boh. Io sto coi Pinguini Tattici Nucleari

    Tutto quello che state per leggere è strettamente confidenziale. Chiacchiere da bar mezze assonnate, perché nelle ultime notti abbiamo dormito poco e sapete pure il motivo. Sanremo è finito. La musica italiana pure e da un pezzo. La Rai prima ci ha inflitto il festival della canzone a immagine e somiglianza di Claudio Baglioni poi, con supremo sadismo, ci getterà in pasto la fiction sull'immenso Fabrizio De André, per farci vedere come si stava meglio quando si stava meglio. Quando il poeta dell...

    – Francesco Prisco

    Sanremo, ciclone Virgina Raffaele. «La donna è mobile» con James Taylor

    Sorpresa doveva esserci, sorpresa c'è stata. Una sopresa di nome Virginia Raffaele: l'attrice torna sul palco di Sanremo che l'ha già vista mattatrice in due edizioni, spuntando dalla platea per interrompere Claudio Baglioni che si accingeva a eseguire una sua canzone al piano.La gag, a livello di

    – di Francesco Prisco

1-10 di 144 risultati