Aziende

Exor

Exor S.p.A. è una delle principali società d’investimento italiane ed europee. È quotata alla Borsa di Milano ed ha sede a Torino, ma è presente anche a New York e a Hong Kong, ad esempio.

Exor nasce nel 2009 dalla fusione di Ifi e Ifil, due società storiche nel panorama finanziario italiano.

Come già Ifi e Ifil, anche Exor è controllata dalla famiglia Agnelli.

Exor è il maggior azionista del gruppo Fiat, ma realizza anche altri importanti investimenti, soprattutto con un orizzonte temporale di medio-lungo termine: le sue attività spaziano in diversi settori e in diversi mercati, prevalentemente in Europa, negli Stati Uniti e nelle economie emergenti come la Cina e l’India.

La storia di Exor comincia nel lontano 1927 quando il senatore Giovanni Agnelli decide di fondare IFI - Istituto Finanziario Italiano per riunire tutte le partecipazioni che aveva acquisito. Negli anni Ifi diventa un operatore strategico nel panorama finanziario e industriale italiano, realizzando importanti investimenti.

Tra le principali partecipazioni e le collaborazioni si possono ricordare quella con Cinzano, sin dalla fondazione nel 1927, quella con Danone, la 3M, il gruppo editoriale Fabbri, il gruppo Galbani, Alpitour, Unicem, Sangemini, Peroni e tanti altri, in Italia ed all’estero.

Ifi è stata anche protagonista della privatizzazione di Telecom voluta negli anni Novanta dal governo italiano.

Nel 2001 Ifi colloca sul mercato una partecipazione di minoranza di Juventus FC, facendo della vecchia signora una delle prime squadre italiane a quotarsi in borsa.

La filosofia di investimento di Exor unisce l’ottica imprenditoriale alla disciplina finanziaria, mettendo la finanza al servizio dello sviluppo delle società in cui decide d'investire.

Exor ha circa 300 mila dipendenti, vantava nel 2015 un fatturato di 136 miliardi di euro ed ha, quale presidente ed amministratore delegato, John Elkann.

Ultimo aggiornamento 11 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Fusioni e Acquisizioni | Partecipazioni societarie | Exor S.p.A. | Ifi | Istituto Finanziario Italiano | Juventus | Telecom | Giovanni Agnelli | Alpitour | Torino | John Elkann | Stati Uniti d'America | Fabbri | Borsa di Milano | Cina | Galbani | Borsa Valori | Fiat | Associazione Calcio |

Ultime notizie su Exor

    Piazza Affari svetta in Europa a top da maggio 2018. Madrid giù con nuovo governo

    Le Borse europee hanno chiuso in territorio positivo una seduta tonica. Bene anche Wall Street, con l'S&P che aggiorna i massimi in attesa di notizie sulle trattative Usa-Cina e del discorso di Trump. Spread BTp-Bund chiude in calo a 155 punti base. A Piazza Affari, che da inizio anno segna un +29,8%, bene banche e titoli del risparmio, Mediobanca passa il test di mercato

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

    Fca continua a correre, per Equita arriverà a 17 euro. Ferrari senza freni

    Le azioni della casa italo-americana sono volate di oltre il 25% dallo scorso 29 ottobre, nell'attesa che sia siglato un memorandum of understanfing entro Natale. Ferrari ha segnato nuovi massimi storici dopo l'annuncio della revisione delle stime per fine anno e i numeri del terzo trimestre

    – di Eleonora Micheli

    Schiarita dazi e Aramco elettrizzano le Borse, Piazza Affari al top da maggio '18

    Washington e Pechino hanno ribadito l'ottimismo per un primo pacchetto di accordi, con gli Stati Uniti pronti anche a riaprire i rapporti commerciali tra le aziende Usa e Huawei. Il Ftse Mib (+1,6%) oltre i 23 mila punti, si conferma l'indice migliore di giornata in Europa, con in testa Ferrari (+6,5%) dopo la trimestrale e l'accordo con Armani. Chiusura record anche per Wall Street

    – di Andrea Fontana e Enrico Miele

    Per Comau la vendita è più vicina. Il nodo è la valutazione

    Con Iveco e Teksid è al centro di una strategia che prevede lo scorporo. In passato le tre società della galassia Exor sono state più volte oggetto di attenzioni da parte di possibili compratori, soprattutto asiatici

    – di Carlo Festa

    Gli Agnelli-Elkann fanno cassa grazie a Peugeot: la famiglia si porta in Olanda oltre 800 milioni

    La dinastia Agnelli è pronta a mettere in cantiere una super-iniezione di liquidità, lasciando un po' la presa, a favore dei francesi, sulla guida operativa della nuova realtà che nascerà in futuro dal matrimonio italo-francese. Infatti, anche se viene presentato come un accordo "tra uguali", si tratta di fatto dell'ennesima azienda che non sarà più di controllo italiano. Come conseguenza del pagamento di un dividendo straordinario da parte di FCA di 5,5 miliardi, Exor incasserebbe infatti più...

    – Carlo Festa

1-10 di 1115 risultati