Aziende

Exor

Exor S.p.A. è una delle principali società d’investimento italiane ed europee. È quotata alla Borsa di Milano ed ha sede a Torino, ma è presente anche a New York e a Hong Kong, ad esempio.

Exor nasce nel 2009 dalla fusione di Ifi e Ifil, due società storiche nel panorama finanziario italiano.

Come già Ifi e Ifil, anche Exor è controllata dalla famiglia Agnelli.

Exor è il maggior azionista del gruppo Fiat, ma realizza anche altri importanti investimenti, soprattutto con un orizzonte temporale di medio-lungo termine: le sue attività spaziano in diversi settori e in diversi mercati, prevalentemente in Europa, negli Stati Uniti e nelle economie emergenti come la Cina e l’India.

La storia di Exor comincia nel lontano 1927 quando il senatore Giovanni Agnelli decide di fondare IFI - Istituto Finanziario Italiano per riunire tutte le partecipazioni che aveva acquisito. Negli anni Ifi diventa un operatore strategico nel panorama finanziario e industriale italiano, realizzando importanti investimenti.

Tra le principali partecipazioni e le collaborazioni si possono ricordare quella con Cinzano, sin dalla fondazione nel 1927, quella con Danone, la 3M, il gruppo editoriale Fabbri, il gruppo Galbani, Alpitour, Unicem, Sangemini, Peroni e tanti altri, in Italia ed all’estero.

Ifi è stata anche protagonista della privatizzazione di Telecom voluta negli anni Novanta dal governo italiano.

Nel 2001 Ifi colloca sul mercato una partecipazione di minoranza di Juventus FC, facendo della vecchia signora una delle prime squadre italiane a quotarsi in borsa.

La filosofia di investimento di Exor unisce l’ottica imprenditoriale alla disciplina finanziaria, mettendo la finanza al servizio dello sviluppo delle società in cui decide d'investire.

Exor ha circa 300 mila dipendenti, vantava nel 2015 un fatturato di 136 miliardi di euro ed ha, quale presidente ed amministratore delegato, John Elkann.

Ultimo aggiornamento 11 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Fusioni e Acquisizioni | Partecipazioni societarie | Exor S.p.A. | Ifi | Istituto Finanziario Italiano | Juventus | Telecom | Giovanni Agnelli | Alpitour | Torino | John Elkann | Stati Uniti d'America | Fabbri | Borsa di Milano | Cina | Galbani | Borsa Valori | Fiat | Associazione Calcio |

Ultime notizie su Exor

    Juventus, balzo dei debiti finanziari a 464 milioni (+154 milioni in un anno)

    Lo dice la relazione sui conti semestrali di Exor, la holding delle famiglie Agnelli-Nasi che possiede il 63,77% della società di calcio. Dai dati di Exor, come già anticipato dal Sole 24 Ore, risulta che il bilancio a giugno 2019 della Juventus si è chiuso con una perdita di circa 40 milioni. ... Ma alcuni dati sono anticipati dalla semestrale di Exor, salvo lievi scostamenti che potrebbero apparire nel bilancio definitivo della società di calcio. ...dal cda di Exor, presieduto da John...

    – di Gianni Dragoni

    Testacoda Ferrari (-6%) pesa su Piazza Affari (-0,55%), spread a 159

    Gli indici europei hanno chiuso contrastati. Geopolitica sotto i riflettori: segnali positivi sul fronte del commercio, incertezza sulla Brexit. Occhi puntati sulle banche centrali. A New York, ancora debole il settore tech, male Ford dopo bocciatura di Moody's

    – di Flavia Carletti

    Le Borse aspettano al varco la Bce, a Milano affonda Recordati. Spread a 154

    Le aspettative per misure espansive di politica monetaria non danno slancio ai listini, che chiudono una seduta contrastata. A pesare i timori sulla Brexit, mentre Milano si "salva" grazie ai bancari e al settore auto. Nel giorno della fiducia al Conte bis torna in rosso Atlantia

    – di Eleonora Micheli ed Enrico Miele

    La Juve contiene le perdite nel 2018/19 grazie agli incassi del player trading (143,5 milioni)

    Il peso economico della prima stagione di Cristiano Ronaldo alla Juventus, più di 85 milioni tra ingaggio e ammortamento del cartellino, si è tradotto in un rosso di circa 40 milioni. Un risultato che però è stato conseguito dal club presieduto da Andrea Agnelli spingendo sull'acceleratore del player trading. Tra plusvalenze e prestiti onerosi, infatti, gli otto volte Campioni d'Italia hanno incassato 143,5 milioni. Le operazioni messe in atto dal luglio 2018 al 30 giugno 2019 hanno fatto regi...

    – Marco Bellinazzo

    Ottimismo Usa-Cina ridà slancio all'Europa e Milano strappa un +1%. Spread a 150

    L'annuncio di nuovi colloqui sul tema dazi e un generale ritorno dell'appetito per il rischio hanno favorito i listini. In Italia ancora occhi puntati sul nuovo governo e sui riflessi sullo spread, sceso sotto 150 punti per poi chiudere esattamente su questa quota. Acquisti su St, banche e galassia Agnelli-Elkann. Petrolio in rialzo dopo le scorte Usa

    – di Chiara Di Cristofaro e Stefania Arcudi

1-10 di 1074 risultati