Enti e organizzazioni

Onu

Fondata il 24 giugno 1945, all’indomani della fine della seconda guerra mondiale con lo scopo di promuovere la cooperazione tra gli stati del mondo per evitare il proliferare di nuovi scontri militari, l’Onu è l’organizzazione intergovernativa più importante ed estesa al mondo. Nota anche come Nazioni Unite poiché la sua sigla è l’acronimo di Organizzazione delle Nazioni Unite, l’Onu ha sede a New York negli Stati Uniti nel grattacielo noto come Palazzo di Vetro disegnato dall'architetto Oscar Neiemeyer. Riunisce attualmente ben 193 stati del mondo ed ha uffici di rappresentanza distribuiti in tutti i continenti e nelle principali città del pianeta. Operante quotidianamente per tutelare lo sviluppo della cooperazione internazionale in tema di giurisprudenza, sicurezza, sviluppo economico, progresso sociale, difesa dei diritti umani e della pace, l’Onu si è data una struttura che riunisce cinque principali organi.

L’Assemblea Generale, che è formata dai rappresentanti di tutti gli stati aderenti e che si occupa di questioni inerenti alle dispute internazionali e alla sospensione o espulsione di membri.

Il Consiglio di Sicurezza, che ha il compito di decidere sanzioni o azioni contro i paesi che si macchiano di atti di aggressione militare o di minaccia della pace. È costituito da 15 membri, dieci dei quali sono eletti ogni due anni, mentre i restanti cinque sono “permanenti” (si tratta di Cina, Russia, Regno Unito, Stati Uniti e Francia, ovvero i paesi che hanno vinto la guerra contro la Germania nazista) e hanno diritto di veto, ossia di bloccare qualsiasi decisione ritengano sgradita.

Il Segretariato delle Nazioni Unite, che è organizzato in un insieme di uffici e dipartimenti che guidano la gestione amministrativa dell’Onu. Dal 2007 al 31 dicembre 2016 è presieduto dal politico sudcoreano Ban Ki-Moon con la carica di Segretario Generale. Il 6 ottobre del 2016 l'ex primo ministro portoghese ed ex alto commissario Onu per i rifugiati Antonio Guterres è stato indicato come suo sostituto al Palazzo di Vetro.

La Corte Internazionale di Giustizia, che è il principale organo giudiziario dell’organizzazione e che ha la funzione di dirimere le dispute internazionali sorte tra gli stati aderenti.

Il Consiglio Economico e Sociale, che è composto da 54 membri, nominati ogni tre anni, e che ha la funzione di coordinare le attività economiche e di politica sociale attuate sotto l’egida dell’Onu (tra le quali quelle portate avanti dalla Fao e dall’Unicef).

Ultimo aggiornamento 19 ottobre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Misure di sicurezza | Onu | Fao | UNICEF | Ban Ki-Moon | Consiglio Economico e Sociale | Oscar Neiemeyer | Consiglio di sicurezza | Corte Internazionale di Giustizia | Stati Uniti d'America |

Ultime notizie su Onu

    In Islanda celebrato il funerale del primo ghiacciaio estinto

    Non è solo la Groenlandia ad accelerare sulla strada dello scioglimento dei ghiacci perenni. E' l'intero Nord Europa, tutte le regioni alle soglie del Circolo polare artico, a subire inesorabilmente gli effetti del climate change. Nel fine settimana in Islanda si è celebrato con una sorta di mesto

    Hong Kong, perché sono nate le proteste e i rischi di repressione

    Perché sono iniziate le maggiori proteste di massa a Hong Kong dalla fine del dominio britannico nel 1997?Le proteste popolari a Hong Kong sono cominciate agli inizi di giugno in opposizione a un disegno di legge che avrebbe consentito l'estradizione di persone da Hong Kong per essere processate

    – di Stefano Carrer

    Trump allenta le tutele per animali e piante a rischio estinzione

    Cala la scure di Donald Trump sulle specie a rischio di estinzione. Con un "regalo" all'industria energetica e a quella immobiliare, il presidente americano allenta le tutele per gli animali e le piante che rischiano di scomparire. Gli ambientalisti gridano al disastro per la revisione dell'Endangered Species Act che, da quando è stato approvato da Richard Nixon nel 1973, ha rappresentato un'ancora di salvezza per animali come l'aquila calva, l'orso grigio (nelle foto sopra Afp/Reuters, insieme ...

    – Guido Minciotti

    Il cambiamento del clima che l'Italia sottovaluta

    La comoda narrazione di una perpetua crisi mondiale ed europea ha contribuito a rendere difficile per l'Italia l'agganciare il grande progresso compiuto dall'umanità nell'ultimo ventennio e rende, oggi, gran parte degli italiani disattenta al rischio di una regressione globale prodotta dal deterioramento dell'habitat umano.

    – di Gianni Toniolo

    Allarme clima, mangiare meno carne per salvare il pianeta

    Il riscaldamento globale si combatte anche cambiando dieta: meno carni rosse, più verdura e frutta fresca. Il sistema alimentare globale contribuisce infatti per il 30% alle emissioni globali, sottolinea un nuovo studio dell'IPCC, e lo sfuttamento intensivo di terre coltivabili è un lusso che non possiamo più permetterci

    – di Enrico Marro

    Perché il riscaldamento climatico aumenterà fame e migrazioni

    A pagare le conseguenze del climate change saranno soprattutto le popolazioni più povere di Africa e Asia, con guerre e migrazioni. Ma anche il Mediterraneo è ad alto rischio di desertificazione e incendi. Lo prevede il rapporto «Cambiamento climatico e territorio» del comitato scientifico dell'Onu sul clima

1-10 di 6791 risultati