Enti e organizzazioni

Inps

L'Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) è il principale ente previdenziale del sistema pensionistico pubblico italiano, dove sono obbligatoriamente iscritti tutti i lavoratori dipendenti pubblici o privati e la maggior parte dei lavoratori autonomi priivi di una propria cassa previdenziale autonoma.

Il primo ente previdenziale, la Cassa nazionale di previdenza per l'invalidità e la vecchiaia degli operai, risale al 1898 ed era di natura volontaria.

Nel 1919 la previdenza sociale diventa obbligatoria e nasce la Cassa nazionale per le assicurazioni sociali.

Col governo Mussolini nasce l'Istituto nazionale fascista della previdenza sociale (INFPS) che nel 1943 diventa l'attuale INPS, ente di diritto pubblico dotato di personalità giuridica ed avente lo scopo di garantire la previdenza sociale ai lavoratori.

Le principali attività dell'INPS sono:

— previdenziale (pensioni di vecchiaia, di anzianità, di reversibilità ecc.);

— gestione delle prestazioni a sostegno del reddito (indennità di malattia, di maternità, assegno al nucleo familiare ecc.);

— assistenziale (pensioni d'invalidità civile, assegno sociale ecc.);

— ispettiva (collabora con gl'Ispettori del Lavoro, con le Direzioni regionali del lavoro (DRL), con i carabinieri e con L'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali (l'INAIL).

Presidente dell'INPS è il prof. Tito Boeri, mentre direttore generale è il dott. Massimo Cioffi.

Ultimo aggiornamento 14 ottobre 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Previdenza complementare | Inps | Ente previdenziale | Massimo Cioffi | Inail | Tito Boeri | L'Istituto |