Enti e organizzazioni

Bce

La Banca centrale europea (BCE) è la banca centrale dei 19 Stati membri dell'Unione europea che hanno adottato l'euro. Istituita nel 1998, il suo ruolo è quello di gestire l'euro, mantenere i prezzi stabili e guidare la politica economica e monetaria dell'UE.

La sede è a Francoforte in Germania e vi lavorano circa 2500 persone.

Il presidente della BCE è Mario Draghi e il vicepresidente Vítor Constâncio. Il principale organo decisionale è il Consiglio direttivo, costituito dai sei membri del Comitato esecutivo e dai governatori delle banche centrali dei 19 paesi dell'area dell'euro.

Le principali funzioni dell’istituto sono:
definire e attuare la politica monetaria per l'area dell'euro, svolgere le operazioni sui cambi, detenere e gestire le riserve ufficiali dei paesi dell'area dell'euro (gestione di portafoglio), promuovere il regolare funzionamento dei sistemi di pagamento. La BCE assolve compiti specifici afferenti anche alla vigilanza prudenziale degli enti creditizi situati negli Stati membri. La BCE ha il diritto esclusivo di autorizzare l'emissione di banconote all'interno dell'area dell'euro.

Ultimo aggiornamento 23 marzo 2017

Ultime notizie su Bce

    Macro, dazi e trimestrali ancora in evidenza nella prossima settimana

    In programma, fra gli altri, anche i discorsi dei membri votanti della Banca centrale americana Rosengren, Harker, Kashkari, Clarida, Evans, Williams e Bullard, mentre per la Bce si pronunceranno Coeuré, Knot, Mersch, Praet e Costa.

    – di Maximilian Cellino

    Spagna al voto: i 5 temi per capire che cosa succederà

    Le questioni economiche sono passate in secondo piano, così come quelle sociali. Ma tra il rebus delle alleanze, l'emergere dei partiti destra, le tensioni catalane e la credibilità in Europa, ci sono diversi aspetti (e numeri) da tenere sott'occhio

    – dal nostro inviato Luca Veronese

    Climate change, tegola sull'Italia: dal 2050 costerà l'8% del Pil

    Una nuova metodologia di analisi, che combina i dati economici con quelli climatici ad alta risoluzione spaziale, per il nostro Paese stima dal 2050 una perdita del prodotto interno sette volte superiore a quelle degli studi precedenti. Pesantissimo in particolare l'impatto nel Mezzogiorno: la disuguaglianza con il Nord è destinata ad aumentare del 16% nel 2050 e del 61% nel 2080

    – di Enrico Marro

    L'arte porta alla ribalta la fotografia araba

    Dalla fine dell'Ottocento gli "artisti corrispondenti europei" in viaggio nella penisola descrivono in scatti artistici un'iconografia orientalista: oggi il ruolo di musei e biennali per recuperare le immagini storiche e per valorizzare i nuovi fotografi

    – di Silvia Anna Barrilà

    Spread, Grecia meglio dell'Italia: titoli di stato meno rischiosi

    I rendimenti dei bond governativi di Atene sono diventati meno cari dei rispettivi BTp italiani su varie scadenze della curva: 5, 7 e 15 anni. Il sorpasso c'è stato (a livello intraday) anche sulla durata - simbolicamente più rilevante - di 10 anni

    – di Vito Lops

    Mediobanca, Unicredit dice addio. Del Vecchio compra altro 2,5%. Ecco cosa potrebbe succedere

    Leonardo Del Vecchio sale ulteriormente nel capitale di Mediobanca, avvicinandosi alla soglia del 10%. Secondo quanto riferisce Bloomberg, il patron di Luxottica, che aveva già in mano il 7,5% del capitale di Piazzetta Cuccia, avrebbe acquisito, tramite la holding Delfin, una ulteriore quota del 2,5% attraverso l'operazione di accelerated bookbuilding avviata ieri da Unicredit nell'ambito della cessione della sua intera quota dell'8,4% in Mediobanca. Per superare questa soglia del 10% il preside...

    – Carlo Festa

1-10 di 22296 risultati