Enti e organizzazioni

Bankitalia

La Banca d'Italia ( o Bankitalia) è la banca centrale della Repubblica italiana istituita nel 1893. E’ un istituto di diritto pubblico, regolato da norme nazionali ed europee. È parte integrante dell'Eurosistema, composto dalle banche centrali nazionali dell'area dell'euro e dalla BCE. Il suo scopo è quello di mantenere la stabilità dei prezzi e la stabilità e l'efficienza del sistema finanziario, in attuazione del principio della tutela del risparmio sancito dal’articolo 47 della Costituzione. La Banca d'Italia è anche l'autorità nazionale competente nell'ambito del Meccanismo di vigilanza unico (Single Supervisory Mechanism, SSM) sulle banche. In qualità di autorità nazionale di risoluzione delle crisi, la Banca svolge compiti di istruttoria e operativi nell'ambito del Meccanismo di risoluzione unico europeo delle banche in crisi con l'obiettivo di preservare la stabilità finanziaria dell'area dell'euro.

Altre funzioni:
gestisce le riserve valutarie proprie; gestisce, inoltre, una quota-parte di quelle della BCE;
è responsabile della produzione delle banconote in euro, in base alla quota definita nell'ambito dell'Eurosistema, della gestione della circolazione e dell'azione di contrasto alla contraffazione;
promuove il regolare funzionamento del sistema dei pagamenti attraverso la gestione diretta dei principali circuiti ed esercitando poteri di indirizzo, regolamentazione e controllo propri della funzione di sorveglianza;
espleta servizi per conto dello Stato quale gestore dei compiti di tesoreria, per gli incassi e pagamenti del settore pubblico, nel comparto del debito pubblico, nell'attività di contrasto dell'usura.

La sede centrale è a Palazzo Koch in Via Nazionale a Roma e la rete territoriale è articolata in 39 filiali, di cui 20 sono insediate nei capoluoghi regionali. Dal 2011 dopo Mario Draghi il governatore dell’Istituto è Ignazio Visco.

Ultimo aggiornamento 18 ottobre 2017

Ultime notizie su Bankitalia

    Bankitalia: non disperdere fiducia su risanamento

    Quanto alle ferite della passata recessione sui conti delle banche si stanno rimarginando: la qualità del credito è ancora in miglioramento, osserva Bankitalia, rimarcando che i crediti deteriorati netti erano scesi al 4,7% nel secondo trimestre.

    – di Rossella Bocciarelli

    Dopo 100 anni riappare in un palazzo di Bankitalia il Bal Tic Tac di Giacomo Balla

    Le decorazioni, il cui restauro è già in corso, saranno lasciate nella loro posizione originale, assicurano da Bankitalia e in un prossimo futuro saranno accessibili al pubblico: i locali del ritrovamento diventeranno parte del museo per l'educazione finanziaria della Banca d'Italia, la cui apertura è prevista per la fine del 2021.

    Effetto spread, l'estero vende l'Italia e il conto lo pagano banche e famiglie

    In tal senso risulta molto utile scorrere i conti finanziari che Bankitalia rilascia con cadenza trimestrale per osservare come la tempesta sullo spread iniziata dal mese di maggio, nei giorni dell'insediamento del nuovo governo, abbia influito sui... Quindi Bankitalia si è trovata, a fine secondo trimestre 2018, con consistenze a 379 miliardi, pari a 14 miliardi in meno rispetto al trimestre precedente, e malgrado gli oltre 9 miliardi di afflussi netti arrivati nel corso del mese.

    – Maurizio Sgroi

    Bankitalia: ad agosto debito pubblico giù a 2.326,5 miliardi

    Buone notizie per le casse dello Stato: ad agosto le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio sono state pari a 43,7 miliardi di euro, il 3,9% in meno sul 2017, ma nei primi 8 mesi dell'anno hanno comunque raggiunto i 280,2 miliardi di euro (+0,6 per cento). Nel mese considerato, si legge nel

    Ecco perché Mattarella potrebbe rimandare alle Camere la legge di Bilancio

    Nel 1947, da vicepresidente del Consiglio e Ministro del Bilancio, in collaborazione con Donato Menichella e Paolo Baffi di Bankitalia, realizzò la politica di stabilizzazione (blocco dell'inflazione galoppante post conflitto) che creò le basi per il miracolo economico.

    – Beniamino Piccone

    Def, sì delle Camere. Priorità quota 100 e «avvio» reddito di cittadinanza

    Nella risoluzione di maggioranza appena depositata in Senato, anticipata dal Sole 24 Ore, i capigruppo di Lega e M5S, Massimilano Romeo e Stefano Patuanelli, difendono le misure contenute nella Nota di aggiornamento al Def e le previsioni di crescita ritenute inattendibili da Upb e Bankitalia.

    – di Manuela Perrone

    Mattarella al Governo: cambiate i toni con l'Ue

    Evitare la bocciatura è la “mission” di Tria, Conte e Moavero che cominceranno a tastare il terreno, peraltro piuttosto impervio dopo i giudizi negativi di Bankitalia e soprattutto dell’Ufficio parlamentare di bilancio che è parte integrante della procedura europea.

    – di Lina Palmerini

1-10 di 5273 risultati