Persone

Enrico Mattei

Enrico Mattei è stato un alto dirigente d'azienda italiano morto in circostanze poco chiare nel 1962. A quell'epoca era a capo dell'ENI, Ente Nazionale Idrocarburi, dallo stesso Mattei fondata nel 1953. Alla guida dell'ENI, e prima ancora dell'Agip, Mattei si è contraddistindo per la lungimiranza della sua gestione, per l'energicità della sua azione e per i metodi non proprio convenzionali. Durante la presidenza dell'ENI, Mattei ha dato all'Italia una solida industria petrolifera, ha aperto al nucleare, ha trovato ampi giacimenti in Italia e all'estero. Soprattutto all'estero l'attività di Mattei è risultata particolarmente importante, avendo concluso accordi con i maggiori produttori di petrolio e avendo conquistato un ruolo importante per l'industria petrolifera italiana a livello mondiale. Proprio questa sua attività internazionale non era però gradita alle grandi multinazionali petrolifere, le cosiddette “sette sorelle”, che non vedevano di buon grado un'intromissione nel loro oligopolio. Prima di fondare l'ENI Mattei era stato per diversi anni a capo dell'Agip, poi confluita nell'ENI. Anche in questo caso la vicenda è stata rocambolesca e rappresentativa del modo di fare e della personalità di Mattei. Chiamato nel 1945 per liquidare l'Agip, Mattei si era accorto delle grandi potenzialità dell'azienda pubblica e invece di procedere alla liquidazione ne aveva avviato un piano di rilancio, culminato con la scoperta di nuovi pozzi petroliferi e, successivamente, con la costituzione dell'ENI. Mattei è morto nel 1962 in un incidente aereo,in circostanze poco chiare. Si è trattato probabilmente di un atto doloso anche se, tutt'oggi, non è chiaro chi sia stato il mandante. La storia presenta tuttavia molti indiziati, infastiditi dall'attivismo e dai successi di Enrico Mattei.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Ristrutturazioni d'imprese | Enrico Mattei | Eni | Italia | Agip |

Ultime notizie su Enrico Mattei

    L'insostenibile leggerezza della crescita

    Immaginiamoci tre treni che sbuffano. I tre treni si influenzano fra loro, rallentandosi o spingendosi fra loro. Ebbene, questa immagine può rappresentare il presente periodo storico.Le tre motrici sono: la crescita economica, il cambiamento climatico, il debito. Il primo treno è quasi fermo. Anzi

    – di Sergio Vergalli

    In azienda didattica a distanza anche per 700 giovani installatori

    Nonostante il coronavirus e la chiusura delle scuole (solo da lunedì in Veneto le superiori sono rientrate in classe, al 50% della presenza) non si ferma l'attività formativa dedicata ai giovani installatori di domani di CAME, l'azienda trevigiana leader nella fornitura di soluzioni tecnologiche integrate per l'automazione di ambienti residenziali, pubblici e urbani. Riprende infatti in modalità DAD (didattica a distanza) - con un sistema di videoconferenze interattivo - il progetto Campus CA...

    – Barbara Ganz

    Il riscatto passa da musei e archivi d'impresa

    L'Italia è creatività, spirito d'intraprendenza, senso di comunità aperta e inclusiva. Partecipazione. E ha rivelato, anche in queste stagioni di malattia e dolore, un capitale sociale di straordinario valore, in cui le radici nella tradizione, il genius loci della bellezza e del "fare bene", si

    – di Antonio Calabrò

    Giorgio Galli, il Frank Zappa della politologia

    Un allievo e amico del politologo milanese recentemente scomparso ripercorre la vita dello studioso analizzando e rileggendo le sue principali opere

    – di Marco Fraquelli

    La generazione di europeisti che aiutò l'italia a rinascere

    Anche se potrebbe sembrarlo, non fu una fortuita congiunzione felice degli astri il fatto che l'Italia si trovò a contare, nel secondo dopoguerra, su una classe dirigente che, dopo aver ripristinato le istituzioni democratiche e provveduto, con l'aiuto degli Stati Uniti, a un'impervia opera di

    – di Valerio Castronovo

1-10 di 275 risultati