Persone

Enrico Mattei

Enrico Mattei è stato un alto dirigente d'azienda italiano morto in circostanze poco chiare nel 1962. A quell'epoca era a capo dell'ENI, Ente Nazionale Idrocarburi, dallo stesso Mattei fondata nel 1953. Alla guida dell'ENI, e prima ancora dell'Agip, Mattei si è contraddistindo per la lungimiranza della sua gestione, per l'energicità della sua azione e per i metodi non proprio convenzionali. Durante la presidenza dell'ENI, Mattei ha dato all'Italia una solida industria petrolifera, ha aperto al nucleare, ha trovato ampi giacimenti in Italia e all'estero. Soprattutto all'estero l'attività di Mattei è risultata particolarmente importante, avendo concluso accordi con i maggiori produttori di petrolio e avendo conquistato un ruolo importante per l'industria petrolifera italiana a livello mondiale. Proprio questa sua attività internazionale non era però gradita alle grandi multinazionali petrolifere, le cosiddette “sette sorelle”, che non vedevano di buon grado un'intromissione nel loro oligopolio. Prima di fondare l'ENI Mattei era stato per diversi anni a capo dell'Agip, poi confluita nell'ENI. Anche in questo caso la vicenda è stata rocambolesca e rappresentativa del modo di fare e della personalità di Mattei. Chiamato nel 1945 per liquidare l'Agip, Mattei si era accorto delle grandi potenzialità dell'azienda pubblica e invece di procedere alla liquidazione ne aveva avviato un piano di rilancio, culminato con la scoperta di nuovi pozzi petroliferi e, successivamente, con la costituzione dell'ENI. Mattei è morto nel 1962 in un incidente aereo,in circostanze poco chiare. Si è trattato probabilmente di un atto doloso anche se, tutt'oggi, non è chiaro chi sia stato il mandante. La storia presenta tuttavia molti indiziati, infastiditi dall'attivismo e dai successi di Enrico Mattei.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Ristrutturazioni d'imprese | Enrico Mattei | Eni | Italia | Agip |

Ultime notizie su Enrico Mattei

    Tra i Rocket men miliardari c'è anche l'Italia che guarda alle stelle

    L'autore di questo post, Raffaele Perfetto, ha acquisito esperienza decennale in ambito Oil & Gas con una Major Oil Company. Ha conseguito un MBA in Oil & Gas Management nel 2016. Scrive preferibilmente di energia e geopolitica - Ultimamente non si parla altro che di razzi: di quelli iraniani, degli S-400 russi, dell'americano THHAD, che in realtà è un sistema anti-razzo, e dei razzi coreani di Mr Rocket Man (così il presidente Trump aveva affettuosamente battezzato il suo collega Kim Jong-Un p...

    – Econopoly

    L'Eni apre le porte del Centro Oli di Viggiano

    Porte aperte al Centro Olio Val d'Agri dell'Eni a Viggiano per una domenica al mese a partire dal 13 maggio fino al 14 ottobre. Il cosiddetto «Cova», per la prima volta, si svela a cittadini e rappresentanti di enti o associazioni, per una visita guidata di circa due ore con l'intento di far

    – di Luigia Ierace

    «Il mio secolo d'acciaio, di storia e di futuro»

    Nicola Amenduni, industriale, compie fra tre giorni cento anni. Al 5° piano della palazzina della Acciaierie Valbruna, esci dall'ascensore e lui è già lì ad accoglierti, sorridente e capace di trasformare la consolidata riservatezza e il proverbiale distacco per l'esposizione pubblica in una

    – di Paolo Bricco

    Cinema: in Basilicata e Calabria film a «Km 0»

    C'è un sud ultraperiferico che fa industria culturale con il cinema. Basilicata e Calabria hanno riavviato il settore organizzando una filiera cinematografica completa. Producono film a «km 0». Le film commission regionali hanno messo sul piatto alcuni milioni di euro (almeno 2 la Basilicata, poco

    – di Donata Marrazzo

    Big data, l'Italia è un'immensa miniera ma non ha minatori!

    Negli ultimi mesi si è parlato spesso di web tax. Una tassa che avrebbe dovuto riequilibrare (per usare un termine gentile) il disordine (involontario, si intende) che esiste tra le società che operano facendo ricavi e pagano le tasse in Italia e quelle "digitali", che hanno spesso una sede in una nazione europea dove la tassazione corporativa è particolarmente vantaggiosa (per esempio, l'Irlanda). Stando a quello che si legge in un articolo del Sole 24 Ore la webtax non influenzerà la vendita ...

    – Enrico Verga

    L'importanza della «filiera africana»

    A essere un po' maliziosi ma anche realisti si potrebbe affermare che il viaggio del primo ministro Paolo Gentiloni in Africa è segnato da una diplomazia "a tutto gas", in gran parte con il marchio Eni. Non c'è niente di esotico in questa missione.

    – di Alberto Negri

1-10 di 210 risultati