Persone

Enrico Costa

Enrico Costa è nato il 29 novembre del 1969 a Cuneo ed è un politico ed avvocato italiano.

E’ stato dal 29 gennaio del 2016 al 1 9 luglio 2017 Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, prima nel Governo Renzi e poi in quello Gentiloni. Le sue dimissioni sono state comunicate con una lettera al presidente del Consiglio Gentiloni nella quale Costa ha espresso il suo dissenso rispetto alle scelte del governo su alcuni provvedimenti, dallo ius soli al processo penale.

Prima era stato viceministro della Giustizia dal 28 febbraio del 2014 al 29 gennaio del 2016.

Figlio di Raffaele Costa — deputato della Repubblica dal 1976 al 2006 e Ministro nei governi Martinazzoli, Ciampi e Berlusconi — Enrico Costa scende in politica nel 2004, quando viene eletto con Forza Italia consigliere comunale di Isasca (CN).

Eletto consigliere regionale del Piemonte il 16 maggio del 2005 col gruppo FI, nel 2006 diventa deputato alla Camera nella circoscrizione Piemonte 2.

Rieletto nel 2008 nelle liste del PdL, è stato capogruppo del PdL in Commissione Giustizia alla Camera e membro della Giunta per le Autorizzazioni a procedere di Montecitorio e della Commissione Affari Costituzionali.

Nel febbraio del 2013 rieletto alle politiche è diventato vicepresidente della Giunta per le autorizzazioni della Camera e membro della Commissione Giustizia.

Con la sospensione delle attività del Popolo della Libertà decide di aderire, nel novembre del 2013, al Nuovo Centrodestra guidato da Angelino Alfano.

Il 28 febbraio del 2014 viene nominato viceministro alla Giustizia nel governo Renzi. Il 29 gennaio del 2016 sostituisce la dimissionaria Maria Carmela Lanzetta, nella titolarità del Ministero per gli Affari Regionali e le Autonomie.

Ultimo aggiornamento 20 luglio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Regioni | Città e comuni | Enrico Costa | PDL | Viceministro | Commissione giustizia | Ministero per gli Affari Regionali | Camera dei deputati | Montecitorio | Raffaele Costa | Cuneo | FI | Angelino Alfano | Maria Carmela Lanzetta | Governo Renzi |

Ultime notizie su Enrico Costa

    In Piemonte vince il centrodestra di Alberto Cirio e Chiamparino lascia

    Che i giochi sono fatti anche in Piemonte lo si capisce intorno alle 17,30, più o meno a metà dello spoglio. Con il presidente uscente Sergio Chiamparino che prima fa i complimenti al nuovo presidente della Regione Alberto Cirio e poi in conferenza stampa sembra voler chiudere un ciclo politico. La

    – di Filomena Greco

    Cambi di casacca, solo 18 alla Camera dall'inizio della legislatura

    Dall'inizio della legislatura 18 deputati hanno cambiato casacca. In Senato nei prossimi giorni dovranno trovare nuova collocazione gli espulsi dal M5S: il senatore Gregorio De Falco, tra i protagonisti della fronda interna anti-condono a Ischia e contro il Dl sicurezza e il senatore Saverio De

    – di Nicoletta Cottone

    Prescrizione: l'emendamento M5S cambia titolo per superare l'inammissibilità

    La relatrice al ddl anticorruzione Francesca Businarolo del M5s ha ritirato l'emendamento sulla sospensione della prescrizione. Lo ha annunciato nella seduta delle commissioni Affari costituzionali e Giustizia della Camera preannunciando un nuovo testo riformulato. Ma il nuovo testo presentato dai

    – di Nicoletta Cottone

    Ripartono i cambi di casacca, sono già 6 a Montecitorio

    Il nuovo governo non è ancora stato formato (né si sa quando nascerà). Montecitorio lavora a ritmi ridotti: l'aula non si è riunita neanche per 20 ore e la commissione speciale per esaminare gli atti si è fermata a 12. Eppure, a quasi due mesi dalle elezioni, e a 38 giorni dalla prima riunione, gli

    – di Andrea Marini

    Gruppo misto, bacino di «riserva» per governi di minoranza

    Quello misto è il primo gruppo ad aver subito uno "scossone" in questo scorcio di legislatura. Partito con 36 membri, è sceso a quota 22 dopo la deroga concessa dall'Ufficio di presidenza della Camera alla costituzione del gruppo autonomo di Liberi e uguali (contava su 14 deputati, per regolamento

    – di Andrea Gagliardi

    Elezioni 2018, la scomparsa del centro

    Il centro si è ristretto, assottigliato. Praticamente evaporato. Sono 800mila i voti ai quali si arriva sommando i consensi ottenuti domenica da Noi con l'Italia-Udc (la quarta gamba del centrodestra), Civica popolare di Beatrice Lorenzin (il ministro della Salute transitata nel centrosinistra) ma

    – di Riccardo Ferrazza

1-10 di 273 risultati