Persone

Enrico Berlinguer

Enrico Berlinguer è nato il 25 maggio del 1922 a Sassari ed è scomparso l'11 giugno del 1984 a Padova, è stato un politico italiano, segretario generale del Partito Comunista Italiano e principale esponente dell'Eurocomunismo.

Figlio di Mario e fratello di Giovanni (recentemente scomparso) Enrico Berlinguer ha conseguito il diploma di maturità classica presso il Liceo Azuni di Sassari.

Nel 1943 si è iscritto al Partito Comunista Italiano e ne ha organizzato la sezione di Sassari con un'intensa attività di propaganda.

Durante il saccheggio dei forni di Sassari, accusato di essere uno degli istigatori, è stato trattenuto in arresto per tre mesi trascorsi i quali è stato prosciolto dalle accuse e liberato.

Dopo la scarcerazione si è trasferito a Salerno dove conobbe Palmiro Togliatti e fece le esperienze iniziali di funzionario dirigente giovanile del partito, nel 1945 venne inviato a Milano, dove collaborò con Luigi Longo e Giancarlo Pajetta.

Nel 1946, segretario del Fronte della Gioventù, Berlinguer fu inviato, in qualità di capo della delegazione, in Unione Sovietica, dove ebbe un breve incontro con Stalin.

Tra il 1949 ed il 1956 rivestì l'incarico di segretario della Federazione Mondiale della Gioventù Democratica, in tale veste ebbe l'opportunità, non ancora trentenne, di sedere accanto ai massimi esponenti del comunismo italiano dell'epoca, tra i quali figuravano Togliatti, Li Causi, Negarville , Di Vittorio, Amendola, Scoccimarro e Pajetta.

Nel 1957 è stato attribuito ad Enrico Berlinguer un ruolo secondario ossia quello di responsabile delle Frattocchie, la scuola dei quadri del partito.

Negli anni successivi tuttavia Berlinguer tornò a Roma, dove venne cooptato nella Segreteria nazionale e successivamente dirottato all'organizzazione subentrando ad Amendola.

La frequentazione ed il confronto con nuove leve come Cossutta, Macaluso e Barca, gli consentirono di maturare una posizione equidistante tra la generazione resistenziale da un lato e Ingrao col suo seguito di giovani dirigenti dall'altro.

Il suo carattere schivo e le sue innegabili doti di mediatore, invece, gli consentirono di promuovere i primi passi verso un'autonomizzazione della sinistra italiana dalle posizioni sovietiche.

Nel 1968 venne eletto per la prima volta alla Camera dei deputati nel collegio elettorale di Roma.

A causa del peggioramento delle condizioni di salute di Longo venne eletto quale vicesegretario in grado di affiancare il vecchio leader nell'organizzazione del partito.

Nel 1972 sostituì definitivamente Longo nella carica di segretario del partito, portando avanti una linea di partito da un lato collaborazionistica con la Democrazia Cristiana, dall'altro indipendente dall'URSS.

Se sul fronte interno Enrico Berliguer ha rivendicato una posizione politica di collaborazione tra grandi forze popolari: DC, PCI e PSI inaugurando il cd "compromesso storico", sul fronte internazionale, invece, la posizione di Berlinguer, con la progressiva indipendenza del comunismo italiana dall'URSS, inaugura il cd "eurocomunismo".

Verso la fine degli anni 70, in seguito alle ripercussioni prodotte dal rapimento Moro sul cd "compromesso storico", il PCI, guidato da Berlinguer, torno a rivestire un ruolo di opposizione contrapponendosi ai partiti di maggioranza.

Nel 1979 Enrico Berlinguer venne eletto al Parlamento europeo nelle liste del PCI.

Il 7 giugno del 1984, mentre teneva un comizio in preparazione delle successive elezioni al parlamento europeo, Enrico Berlinguer fù colto da una malore che poi si rivelò essere un ictus; ricoverato in stato di coma presso l'ospedale Giustinianeo di Padova, morì l'11 giugno del 1984 a causa di una emorragia cerebrale.

Le esequie del dirigente politico videro un'ampia partecipazione dell'opinione pubblica, il giorno delle elezioni europee, il 17 giugno 1984 il PCI, nonostante la scomparsa di Berlinguer, decise di lasciare il suo segretario capolista e chiese di votarlo in modo plebiscitario.

La partecipazione fu tale da decretare, per la prima volta nella storia della politica italiana, il superamento sia pur di poco del PCI sulla DC. Negli annali storici il superamento della DCI da parte del PCI, verificatosi in tale occasione, viene ricordato come dovuto al cd "effetto Berlinguer".

Effetto prodottosi anche nel 1976 quando, sotto la guida di Enrico Berlinguer, il PCI riusci ad ottenere il suo massimo consenso storico col 34,4% dei voti.

La salma di Enrico Berlinguer, soprannominato "il più amato" riposa a Roma nel Cimitero di Prima Porta,

Enrico Berlinguer è stato sposato con Letizia Laurenti ed ha avuto quattro figli: Bianca (55 anni ), Maria (53 anni) Marco (51 anni) e Laura (46 anni).

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Partiti politici | Enrico Berlinguer | PCI | Federazione Mondiale | Di Vittorio | Palmiro Togliatti | Padova | Fronte della Gioventù | Li Causi | Giancarlo Pajetta | Enrico Berliguer | PSI | Liceo Azuni | Sassari | Roma | DC | Luigi Longo | Letizia Laurenti | Camera dei deputati | Amendola |

Ultime notizie su Enrico Berlinguer

    Il #LavoroInCittà di Stefania e Osvaldo

    Caro Diario, questa storia qui inizia qualche mese fa quando il mio amico Osvaldo Danzi mi scrive per dirmi che con Stefania Zolotti - lui founder di Fior di Risorse ed editore di Senza Filtro, lei direttore della rivista - hanno deciso di fare un reportage in giro per l'Italia per raccontare il lavoro, "la serie l'abbiamo intitolata #LavoroInCittà", aggiunge, "abbiamo deciso di cominciare da Napoli e vogliamo parlarne anche con te, perciò niente scuse, vedi come ti devi districare perché una se...

    – Vincenzo Moretti

    Guido Rossa, dalla parte dello Stato: con lui morì la lotta armata delle Br

    Carlo Casalegno (1916-1977), vicedirettore de "La Stampa", fu il primo giornalista assassinato dalle Br. Era il 29 novembre del 1977 e, in seguito a quest'omicidio, Ugo Pecchioli, altissimo dirigente del Pci e fedelissimo di Enrico Berlinguer, rilasciò un'intervista al "Corriere della sera" nella

    – di Andrea Di Consoli

    Roberto Fico, presidente della Camera suo malgrado

    Roberto Fico è presidente della Camera non già per grazia ma per disgrazia ricevuta. Intendiamoci, i requisiti li aveva. Non è un pivellino come Pietro Grasso e Laura Boldrini perché deputato alla seconda legislatura come Irene Pivetti. Si è fatto le ossa come presidente della commissione di

    – di Paolo Armaroli

    Liberi e Uguali si scioglie. La sinistra, le scissioni e la fisica delle particelle

    "Basta aspettare, il 16 dicembre a Roma per una nuova forza rosso-verde". Così Roberto Speranza segretario di Articolo 1-Mdp sul sito del partito nato dallo spin off di alcuni dirigenti del Pd. La formazione politica nata nel 2017 esce quindi da  Liberi e Uguali, la lista creata per correre alle elezioni politiche di marzo di quest'anno. Per usare una iperbole, in termini dimensionali ci muoviamo nell'ambito della fisica delle particelle  ma se alziamo lo sguardo la storia delle scissioni della...

    – Infodata

    Mdp esce da Liberi e Uguali. Le scissioni, la sinistra e la meccanica quantistica

    "Basta aspettare, il 16 dicembre a Roma per una nuova forza rosso-verde". Così Roberto Speranza segretario di Articolo 1-Mdp sul sito del partito nato dallo spin off di alcuni dirigenti del Pd. La formazione politica nata nel 2017 esce quindi da  Liberi e Uguali, la lista creata per correre alle elezioni politiche di marzo di quest'anno. Per usare una iperbole, in termini dimensionali ci muoviamo nell'ambito della fisica della materia  ma se alziamo lo sguardo la storia delle scissioni della si...

    – Infodata

    L'Unità a Lele Mora, anzi no: è giallo sulla vendita (e Sapelli insorge in Tv)

    Come diceva il poeta? «Con l'incoscienza dentro al basso ventre e alcuni audaci, in tasca l'Unità, la paghi tutta, e a prezzi d'inflazione, quella che chiaman la maturità». Poeta o cantante? Fate voi: era Francesco Guccini, comunque. C'è grossa crisi. Identitaria, prima che economica: l'Unità, il

    – di Francesco Prisco

    Ritratto di un uomo particolare

    «Marcello amava la gente e la vita e a questo slancio attribuiva la sua fortuna di uomo e di attore. La sua voce magica, carica di umanità, sensibilità ed entusiasmo è importante in un momento così delicato del nostro Paese, un invito a mettere da parte l'astio», commenta Anna Maria Tatò, regista e

    – di Cristina Battocletti

    Scopri il volto del premier degli ultimi 50 anni di governo della Repubblica

    Per raccontare Cinquant'anni di vita Repubblicana abbiamo realizzato una grafica interattiva, che è possibile esplorare per scoprire il ritratto della nostra nazione nei volti dei suoi Presidenti del Consiglio. Cliccando sulle icone che rappresentano i 22 Premier dal 1966 a oggi, è possibile scoprire di più su partiti di appartenenza, governi, periodi storici, durata del mandato e percentuale di giorni in carica sul totale del periodo analizzato. Quanti governi e Presidenti del Consiglio abbi...

    – Infodata

1-10 di 154 risultati