Aziende

Eni

Eni, Ente Nazionale Idrocarburi, è una società per azioni attiva nel settore del petrolio, del gas e dell'elettricità.

È una delle più grandi aziende italiane per fatturato e capitalizzazione di borsa, ed è inoltre una delle più grandi compagnie petrolifere al mondo. È quotata alla borsa di Milano ed alla borsa di New York.

Eni è stata fondata nel 1953 come ente statale, per dare un nuovo assetto all'intervento statale nel settore degli idrocarburi, precedentemente affidato all'Agip.

I primi anni di Eni sono stati all'insegna dello storico presidente Enrico Mattei, che le ha dato un dinamismo insolito per un ente statale e l'ha portata a competere sui mercati internazionali affrontando le cosiddette “sette sorelle”, fino alla sua misteriosa morte.

La storia dell'Eni è legata a filo doppio a quella del nostro paese, in particolare nei primi anni, quelli del boom economico e dell'esplosione del mercato delle auto.

Basti pensare ai motel Agip, punto di riferimento in molte città italiane per generazioni di automobilisti. O all'inconfondibile simbolo delcane a seizampe, che secondo le intenzioni dell'autore rappresenta l'unione delle quattro ruote dell'auto e delle due gambe del conducente.

Anche alcune sedi dell'Eni hanno lasciato una traccia indelebile nel paesaggio italiano, come quella all'Eur di Roma o a San Donato Milanese, accanto alla quale è sorta una cittadella soprannominata “Metanopoli”.

Oggi Eni è un'azienda su scala globale che opera in 73 Paesi, impiega 33mila persone, conclude importanti accordi di investimento, ricerca e sfruttamento con diversi paesi produttori.

Presidente di Eni è Emma Marcegaglia, mentre amministratore delegato è Claudio Descalzi.

Ultimo aggiornamento 11 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Imprese | Eni | Enrico Mattei | Società per Azioni | Wall Street | Milano | Emma Marcegaglia | Borsa Valori | Claudio Descalzi | Agip | Oggi |

Ultime notizie su Eni

    Donne manager, ancora troppo poche nelle banche italiane

    Tra gli esempi, è significativo il caso di Lucia Calvosa, che, in primavera, è diventata "numero uno" dell'Eni al posto di un'altra presidente in gonnella, Emma Marcegaglia, che era già stata alla guida di Confindustria.

    – di Giancarlo Mazzuca

    Falck Renewables lancia il primo green bond convertibile

    «I fondi raccolti con l'emissione del nostro primo bond verranno utilizzati per implementare la crescita organica della società senza escludere acquisizioni», secondo l'ad Toni Volpe

    – di Mara Monti

    Eni entra nella fase due per la vendita del gas australiano: in corsa Morgan Stanley e Macquarie

    Il gruppo Eni accelera sulla cessione degli asset australiani, processo che entra nella seconda fase della gara competitiva, cioè quella che porterà alle offerte vincolanti. Al lavoro c'è l'advisor, la banca d'affari statunitense Citigroup. Le attività in questione avrebbero, secondo le indiscrezioni, una valutazione di circa un miliardo di dollari. Tra i soggetti in gara ci sono sia gruppi infrastrutturali sia strategici: tra i grandi gruppi finanziari in corsa ci sarebbero la divisione Morgan...

    – Carlo Festa

    Il rimbalzo dei tech non basta alle Borse europee, a Milano si salva St (+3,6%)

    A Piazza Affari in luce il gruppo italo-francese dopo la maxi operazione di rafforzamento di Nvidia che ha raggiunto un accordo per rilevare Arm Holdings, mettendo sul piatto 40 miliardi di dollari. Sul lato opposto la peggiore è Cnh (-2,4%) che paga il crollo a Wall Street di Nikola in seguito alle accuse lanciate dallo short seller Hindenburg alla società e al suo fondatore Milton

    – di Enrico Miele

    Perché i danesi e gli olandesi lavorano meno di noi ma sono più ricchi?

    L'autore del post è Enrico Mariutti, ricercatore e analista in ambito economico ed energetico. Founder della piattaforma di microconsulenza Getconsulting e presidente dell'Istituto Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie (IsAG) - Le trattative per il Recovery Fund e la dialettica comunitaria sugli aiuti post-Covid hanno rinvigorito la narrativa della cicala e della formica: l'Europa del nord laboriosa e risparmiosa chiamata a salvare i cugini mediterranei, fannulloni e spendaccioni. Per ...

    – Econopoly

    Dopo Prodi e D'Alema, Conte vola a Beirut e riprende in mano il dossier Libano

    Il capo del governo è in visita ufficiale nella capitale libanese, dove vedrà l'area del porto devastata dall'esplosione del 4 agosto. Conte incontrerà i principali leader politici del Paese e sarà visita alla nave San Giusto, ormeggiata al porto di Beirut, e all'ospedale da campo italiano parte dell'operazione di sostegno al Libano "Emergenza Cedri"

    – di Gerardo Pelosi

1-10 di 6831 risultati