Persone

Emma Bonino

Emma Bonino è nata il 9 marzo del 1948 a Bra (CN) ed è una politica italiana.

Dal 28 aprile del 2013 al 22 febbraio del 2014 è stata ministro degli Esteri della Repubblica italiana nel governo Letta.

Esponente del Partito dei Radicali è stata anche deputato di Lista Emma Bonino e di Rosa nel pugno, ha avuto ruoli ministeriali nel governo Prodi II e incarichi europei.

È stata membro della 13esima Commissione permanente (territorio, ambiente, beni ambientali) e Presidente della Commissione per la parità e le pari opportunità nel Senato.

Emma Bonino si è laureata nel 1972 in Lingue e letterature moderne alla Bocconi di Milano.

Nel 1975 ha fondato il Centro informazione sulla sterilizzazione e l’aborto. L’anno successivo è entrata alla Camera nelle fila del Partito Radicale, del quale è stata presidente del gruppo al Parlamento e membro dell’Ufficio di Presidenza.

Nel 1979 è stata eletta al Parlamento Europeo, dove è rimasta fino al 2006.

Dal 1989 al 1993 è diventata presidente del Partito Radicale Transnazionale e due anni più tardi, grazie all'appoggio di Berlusconi, è stata nominata Commissario Europeo.

Nel 2004 è rientrata al Parlamento Europeo per la Lista Bonino.

Alle elezioni del 2006 si è presentata con la lista Rosa nel pugno, si è dimessa dal Parlamento Europeo ed è diventata ministro delle Politiche Europee e del Commercio internazionale con competenze in Politiche Europee del governo Prodi II.

Alle elezioni del 2008 è stata eletta al Senato come capolista del Pd in Piemonte ed è diventata vicepresidente del Senato.

Nel 2010, Emma Bonino ha lanciato la sua candidatura alla presidenza del Lazio, elezione vinta da Renata Polverini.

Nel 2013 si candida alla elezioni politiche nella lista "Amnistia e Libertà", ma non viene rieletta.

Il 14 Aprile del 2013 il Partito Socialista propone ufficialmente Emma Bonino come suo candidato alla Presidenza della Repubblica, la Bonino ottiene il sostegno tra gli altri di personalità illustri del mondo dello spettacolo e della cultura quali Sergio Castellitto, Margherita Hack, Renzo Arbore, Marco Bellocchio, Luca Argentero, Geppi Cucciar e Luca Barbareschi.

Il 12 gennaio del 2015 annuncia dai microfoni di Radio Radicale di essere affetta da una neoplasia polmonare che la costringerà ad un lungo ciclo chemioterapico.

Il 21 maggio dello stesso anno comunica, sempre dalla stessa emittente, il buon andamento della terapia e la remissione della malattia.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Elezione | Partito Radicale | Lista Emma Bonino | Margherita Hack | Renzo Arbore | Marco Bellocchio | Luca Argentero | Sergio Castellitto | Luca Barbareschi | Partito Socialista | Pd | Geppi Cucciar | Renata Polverini | Presidenza della Repubblica | Radio Radicale | Piemonte | Camera dei deputati | Politiche Europee | Senato | Bocconi | Prodi II |

Ultime notizie su Emma Bonino

    Respinte dal Senato le mozioni di sfiducia a Bonafede

    Stessa sorte per la seconda, presentata da Emma Bonino (+Europa): 158 no, 124 sì, 19 astenuti. ... «Voteremo contro le mozioni di sfiducia, ma riconosciamo al centrodestra e Emma Bonino di aver posto dei temi veri. ... Emma Bonino di +Europa, illustrando la propria mozione di sfiducia individuale nei confronti del Guardasigilli, lo ha definito «ministro del sospetto».

    Le ragioni delle mozioni di sfiducia contro il ministro Bonafede

    Dalla trama delle motivazioni che le sostengono, segnatamente in quella di cui è promotrice Emma Bonino e dedicata alla memoria di Enzo Tortora, è facile scorgere la complessità delle cause che determinano il processo degenerativo della giustizia penale e dello stesso ordine giudiziario.

    – di Salvatore Scuto

    Swg: Lega e Pd in calo, massimo storico per Meloni

    Giorgia Meloni da record nella rilevazione del sondaggio di Swg condotto nella settimana fra l'11 e il 16 dicembre. Lega e Pd segnano il passo, crescono Fratelli d'Italia, M5S e Renzi

    – di Nicoletta Cottone

    Donazioni, scopri i nomi di chi firma gli assegni ai partiti

    George Soros e la moglie che sostengono +Europa, Paolo Berlusconi che finanzia il movimento del fratello e il Partito democratico che primeggia per la somma ricevuta. Ecco cosa si scopre analizzando i dati relativi ai contributi che i privati cittadini hanno erogato nei confronti dei partiti politici dall'inizio della legislatura. La cifra complessiva sfiora i 3 milioni e mezzo di euro ed è stata calcolata da Transparency International Italia, che li ha pubblicati sulla piattaforma Soldi e poli...

    – Infodata

1-10 di 1018 risultati