Aziende

Emak

Nato nel 1992 dall'unione di due importanti aziende specializzate nella produzione di macchine per il giardinaggio e il settore forestale, Oleo-Mac ed Efco, il Gruppo Emak è una delle società leader nel settore delle macchine per la cura del verde. Il business di Emak si suddivide in quattro marchi commerciali - Efco, Oleo-Mac, Bertolini e Nibbi - , mentre a livello industriale e commerciale il gruppo è strutturato in 4 unità produttive, 8 filiali, 135 distributori presenti in 85 Paesi e circa 22.000 punti vendita.

Il gruppo conta circa 910 addetti, 420 dei quali sono occupati presso gli stabilimenti centrali di Emak che sono situati a Bagnolo in Piano (Reggio Emilia). Dal punto di vista della produzione, l’offerta di Emak è suddivisa in 23 famiglie di prodotto alle quali appartengono oltre 240 modelli di macchine per la cura del verde, suddivise tra rasaerba, motoseghe e decespugliatori. Il cuore tecnologico delle produzioni Emak è costituito dal motore a scoppio, ideato e prodotto negli stabilimenti dell’azienda. La storia del gruppo è iniziata nel 1972, quando Ariello Bartoli, oggi presidente della capogruppo Yama Spa (holding industriale che raggruppa 30 aziende), ha creato la Oleo-Mac, azienda di assemblaggio di motoseghe su scala industriale. Efco, invece, è nata nel 1978 per iniziativa di Giacomo Ferretti, presidente di Emak, diventando leader nella produzione di decespugliatori. Nel 1989 le due aziende sono confluite nel Gruppo Yama, mentre nel 1992 vengono unite le risorse produttive e manageriali delle rispettive aziende e dalla fusione di Oleo-Mac ed Efco nasce Emak. Dal 1998 il Gruppo Emak viene quotato alla Borsa di Milano, mentre è del 2001 il suo ingresso nel segmento Star.

Ultimo aggiornamento 17 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Imprese | Azienda | Bertolini | Reggio Emilia | Giacomo Ferretti | Ariello Bartoli | Borsa di Milano | Gruppo Emak | Yama Spa | Oleo-Mac |

Ultime notizie su Emak

    Domande & risposte

    Per la fine del 2018 Emak stima l’indicatore intorno al 33%. ... Emak sottolinea che nella seconda metà dell’anno, al netto di eventuale M&A, il valore negativo della Pfn dovrebbe calare con il “Net debt to ebitda” inferiore a 2 volte. Si tratta di un livello che Emak considera di tranquillità.

    Emak, più crescita organica con la meccanica «intelligente»

    E' tra le priorità del gruppo Emak, di cui la “Lettera al risparmiatore” ha incontrato i vertici, a sostegno del business. ... Ciò detto Emak, per l’appunto, punta sull’innovazione tecnologica in tutti i segmenti. ... All’IoT si riconduce il progetto (oggi non operativo) di raccogliere i dati di come i prodotti “targati” Emak sono utilizzati.

    – di Vittorio Carlini

    In 15 anni le small cap battono tutti: valore triplicato per l'indice Star

    «Piccolo è bello» era il motto dell'Italia degli Anni '90, quella del NordEst che trainava il paese. Poi, "Piccolo" non è stato più bello: era iniziata l'era dei colossi e delle mega-multinazionali. Adesso, invece, sta a vedere che «Piccolo è (di nuovo) bello»: le Pmi di Piazza Affari sono state

    – di Simone Filippetti

    Emak, la nuova frontiera è nel Sud-est asiatico Focus sull'attività di M&A

    Proseguire nel migliorare, anche grazie alla maggiore informatizzazione dei processi, la gestione del Capitale circolante netto. Inoltre: sfruttare l'M&A per la crescita ed integrare le società acquisite. Ancora: spingere sull'innovazione di prodotto. Sono tra le priorità di Emak a sostegno del

    – di Vittorio Carlini

    Domande & risposte

    Quali le indicazioni dell'analisi tecnica sul titolo Emak?Il titolo Emak ha registrato una vera e propria impennata delle quotazioni, cui non è evidentemente estranea l'entrata in vigore dei cosiddetti Pir, nelle ultime settimane. L'azione ha aggiornato, nelle più recenti sedute, nuovi massimi in

    Le mid cap di Milano fanno meglio delle big

    "In medio stat virtus". Cioè: "La virtù è nel mezzo". Un adagio che vale anche in Borsa? Non sempre ma alle volte sì. Così è il caso delle Pmi di Piazza Affari nel primo trimestre del 2017. Le medie (e piccole) capitalizzazioni, infatti, hanno fin qui realizzato una performance migliore rispetto

    – Vittorio Carlini

1-10 di 33 risultati