Persone

Elisabetta Belloni

Nata a Roma il 1º settembre 1958, è un'ambasciatrice italiana.

Dopo essersi laureata in scienze politiche alla LUISS di Roma nel 1982, inizia la carriera diplomatica nel 1985.

Ha assunto diversi incarichi nelle ambasciate italiane e nelle rappresentanze permanenti a Vienna e a Bratislava, nonchè presso le direzioni generali del Ministero degli Affari Esteri.
Dal novembre 2004 al giugno 2008 ha diretto l'Unità di Crisi del Ministero degli Affari Esteri.

Dal 2008 al 2013 è stata direttore generale della cooperazione allo sviluppo del Ministero degli Affari Esteri dove, dal gennaio 2013, è diventata direttore generale per le risorse e l'innovazione.

Il 27 dicembre 2009 è stata insignita dell'onorificenza di Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Nel febbraio 2014 è stata nominata ambasciatrice.
E' docente di Cooperazione allo sviluppo presso la LUISS di Roma.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Politica | Cooperazione allo sviluppo | Ministero degli affari Esteri | Roma | Libera Università Internazionale degli Studi Sociali | Elisabetta Belloni |

Ultime notizie su Elisabetta Belloni

    Japan Week a Venezia tra cultura ed economia

    E' in arrivo a Venezia una Japan Week, dal 2 al 6 settembre, tra cultura, economia e incontri che coinvolgerenno imprenditori e figure istituzionali.

    – di Stefano Carrer

    Diplomazia e interesse nazionale: i caveat di Mattarella e le rivendicazioni di Conte

    Mentre alla Farnesina il presidente della Repubblica, aprendo i lavori della XIII conferenza degli ambasciatori, elencava le priorità della proiezione internazionale dell'Italia nell'aula del Senato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, chiamato a riferire su Moscopoli e finanziamenti alla Lega, rivendicava al suo esecutivo una linea "coerente" in politica estera escludendo diretti coinvolgimenti del Governo nell'affare Savoini-Metropole

    – di Gerardo Pelosi

    Il divario Europa-Cina e la Spada di Damocle delle terre rare

    Il Business Survey diffuso di recente dalla Camera di Commercio Europea in Cina - di cui Il Sole24Ore ha dato ampiamente conto - conferma le conseguenze negative sullo stato di salute delle aziende europee, il 38% delle quali ha dichiarato di aver subito conseguenze negative, contro un 4% che, invece, ha ammesso di aver ottenuto vantaggi dalla competizione Usa-Cina. Non solo. Diversi studi indicano tra i maggiori beneficiari europei Francia e Germania, con l'Italia in una posizione più defilata

    – di Rita Fatiguso

    Quando era l'Italia ad emigrare: quei diari che parlano al futuro

    ROMA - E' la nostra storia, quella di un Paese di emigranti fino a pochi decenni fa quella che esce dai diari e dalle testimonianze raccolte presso la Fondazione Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano (AR) selezionati nel progetto "Italiani all'estero, i diari raccontano" realizzato

    – di Gerardo Pelosi

    Moavero: nella Ue equilibri cambiati - Innovare le istituzioni

    E' un affresco a tutto tondo sulla globalizzazione che ha cambiato i rapporti di forza tra Paesi e i nuovi equilibri usciti dalle ultime elezioni europee quello che il ministro degli Esteri, Enzo Moavero, insieme al segretario generale della Farnesina, Elisabetta Belloni hanno illustrato oggi ai

    – di Gerardo Pelosi

    Per le Pmi che depositano marchi e brevetti il 32% in più di ricavi per dipendente

    Uno scudo che protegge gli investimenti delle imprese che cercano di conquistare i mercati esteri. Una leva strategica per l'internazionalizzazione, ma anche un passaporto del made in Italy nel mondo. E' questo il messaggio lanciato in occasione dal convegno "Creatività e innovazione italiana nel

    – di Andrea Carli

1-10 di 59 risultati