Ultime notizie:

Elisa Ferreira

    Scuola, città, R&S: gli assi dei fondi Ue 2021-27

    Da spendere 82 miliardi incluso il cofinanziamento: verso il taglio dei programmi nazionali (da 13 a 8) e concentrazione di quelli regionali. Campania e Basilicata: penalizzati dal riparto del nuovo ciclo e dalla quota di risorse riservata al Mezzogiorno nel Recovery Plan

    – di Carmine Fotina

    Fondi Ue: Bruxelles frena sull'uso di React-Eu per la decontribuzione al Sud

    Aspro confronto tra governo, regioni e commissione Ue sulla destinazione dei 10,7 miliardi di fondi strutturali aggiuntivi da spendere entro il 2022. Oltre agli sgravi fiscali per chi assume nel Mezzogiorno, anche per il fondo di garanzia, la scuola e la ricerca. I dubbi delle regioni sulle risorse 2021-2027

    – di Giuseppe Chiellino

    Fondi Ue, pronti 120 miliardi in tre anni. L'Italia saprà spenderli?

    Entro il 2023 l'Italia avrà a disposizione 65 miliardi del Recovery Fund, 43 della programmazione 2014-2020 e altri 10-12 in arrivo da React Eu. Una cifra imponente che si scontra con la bassa capacità di spesa delle amministrazioni pubbliche italiane, centrali e regionali.

    – di Giuseppe Chiellino

    Ue, 55 miliardi aggiuntivi in tre anni per la politica di coesione

    I primi cinque miliardi disponibili subito arrivano da modifiche al Quadro finanziario pluriennale 2014-2020. Gli altri 50, da spendere entro il 2022, saranno finanziati con le emissioni di titoli comuni europei. Serviranno a finanziare le spese per sanità, misure sociali e aiuti per le imprese. Focus su green, digitale. Fondo sociale e Fead a sostegno dell'occupazione giovanile e degli indigenti

    – di Giuseppe Chiellino

    Sono 5,3 miliardi i fondi Ue utilizzabili subito per l'emergenza

    Dalle regioni del Sud 3,7 miliardi, solo 1,4 miliardi dai programmi delle regioni del Nord. Servono per spese sanitarie, compresa l'assuzionie di medici e infermieri, ammortizzatori sociali e capitale circolante per le imprese

    – di Giuseppe Chiellino

    Sui fondi Ue prove di solidarietà dalle regioni del Sud verso il Nord

    E' l'ipotesi di cui stanno discutendo le autorità europee con il governo italiano. Ma il ministro Provenzano frena: «Non serve rivedere la ripartizione territoriale. Vanno salvaguardati gli investimenti per far ripartire l'economia»

    – di Giuseppe Chiellino

1-10 di 27 risultati