Persone

Elio Fiorucci

Elio Fiorucci è nato il 10 giugno del 1935 a Milano ed è ivi deceduto il 20 luglio del 2015, è stato uno stilista italiano di fama internazionale.

Fin da giovane si è appassionato al mondo della moda seguendo le orme del padre.

Nel 1967 ha aperto a Milano il suo primo negozio di moda.

Negli anni 70 il marchio Fiorucci appare sugli abiti per il tempo libero, soprattutto sui mitici jeans che verranno esportati prima in Europa e poi in Giappone, Stati Uniti e Sud America.

I negozi di Fiorucci vengono aperti nelle più importanti metropoli del mondo (New York, Londra ecc.) ed il suoi capi di abbigliamento vengono apprezzati da personalità di spicco del mondo artistico e dello spettacolo:Bianca Jagger, Andy Warhol, Grace Jones .

Dopo una vertiginosa espansione durata un trentennio nel 1990 Fiorucci decide di cedere l'attività alla società giapponese Edwin International, che mantiene a Milano soltanto il centri di design del gruppo.

Nel 2003 Fiorucci lancia la linea Love Therapy, che include jeans, felpe, abiti e accessori.

Diventato vegetariano per ragioni etiche, nel 2014 perora la causa naturista ed animalista realizzando t-shirt esclusive a sostegno del Progetto Amazzonia del WWF e con una di queste t-shirt denuncia il crudele sfruttamento dei conigli d'angora nell'industria della pellicceria.

Il 20 luglio del 2015 muore nella sua abitazione di Milano stroncato da un malore.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Milano | Elio Fiorucci | Negozio | Edwin International | Stati Uniti d'America | Andy Warhol | Grace Jones | Bianca Jagger | World Wildlife Fund |

Ultime notizie su Elio Fiorucci

    Made In Italy, una serie per capire come è nata la moda italiana

    In otto puntate si raccontano i primi passi dei nostri stilisti più celebri e il rapporto fra industria e creatività che caratterizza il sistema moda in Italia. Non mancano ingenuità, ma gli appassionati di moda potranno anche commuoversi

    – di Chiara Beghelli

    Natura alla riscossa, dai cortei alle sfilate è tornato il "Flower power"

    Sono in molti in questi giorni a evocare il 68, inteso come anno di manifestazioni e proteste, più o meno pacifiche, di giovani che credevano di poter cambiare il mondo. Da allora - e sono passati 50 anni - non si era più vista una mobilitazione globale come quella culminata venerdì nelle marce e

    – di Giulia Crivelli

    Brexit o no, unico fil rouge della moda è la sostenibilità ambientale e sociale

    «The red who put Vivienne Westwood in the pink»: circola ancora su internet questo articolo su Carlo D'Amario pubblicato nel 1997 dall'Independent. Il titolo? «Il rosso che ha trasformato in rosee le prospettive di Westwood», potremmo tradurre, anche se suona meno bene e assai meno poetico.

    – di Giulia Crivelli

    Il Circus della creatività

    Per lui la parola chiave è una: il posto. Inteso come il luogo dove succedono delle cose, dove crescere, incrociare talenti, costruire professioni, ampliare lo sguardo. Il luogo che fa la differenza. «Il posto per me è stato tanti anni fa l'Università delle Arti di Zurigo. Mi hanno preso, non so

    – di Eliana Di Caro

    Da marzo la nuova capsule "Kendall + Kylie for Ovs"

    Si chiamerà "Kendall + Kylie for Ovs" la capsule collection che le sorelle -influencer Jenner firmeranno per Ovs nel corso del 2018. La collezione, che prevede sei immissioni, di cui tre nella stagione primaverile e tre in quella invernale, comprenderà capi e accessori donna e sarà disponibile da

    Un altro tuffo nella storia dell'immaginario televisivo: questa volta, gli anni Novanta (e in più, uno sguardo al futuro degli audiovisivi)

    Nell'immagine: gli attori protagonisti della serie televisiva statunitense Friends (1994 - 2004). Da sinistra: Courtney Cox (interprete del personaggio di Monica Geller), Lisa Kudrow (interprete del personaggio di Phoebe Buffay), Jennifer Aniston (interprete del personaggio di Rachel Green), Matthew Perry (interprete del personaggio di Chandler Bing), Matt LeBlanc (interprete del personaggio di Joey Tribbiani), David Schwimmer (interprete del personaggio di Ross Geller). A metà maggio di quest'...

    – Gabriele Caramellino

    Un tuffo nella storia dell'immaginario televisivo

    Nell'immagine: l'attore statunitense David Hasselhof, negli anni Ottanta, mentre interpreta il personaggio di Michael Knight nella serie televisiva Supercar - Knight Rider. Alcuni periodi storici tornano ciclicamente in voga. E' il caso degli anni Ottanta: amati o detestati che siano, furono indiscutibilmente l'ultimo periodo storico prima della rivoluzione tecnologica. Erano anni in cui esisteva ancora l'Italia pane al pane e vino al vino, dove si rideva di cuore (al giorno d'oggi, invece, in...

    – Gabriele Caramellino

    Per battere Little Trump ci vuole Supermeno

    Massimo Giacon, 55 anni, artista padovano che fa il pendolare con la Milano dell'editoria, del design e dello stile, afferma di non prendersi troppo sul serio. In Massimo, in effetti, coabitano molte anime, pronte a materializzarsi in altrettante opere d'arte che esprimono, prima di tutto, un

    – di Alfredo Sessa

1-10 di 47 risultati