Persone

Eduardo De Filippo

Eduardo De Filippo è nato il 24 maggio del 1900 a Napoli ed è deceduto il 31 ottobre del 1984 a Roma, è stato un drammaturgo, attore, regista e sceneggiatore ed è fra gli artisti più rappresentativi del Novecento.

Figlio naturale dell'attore e commediografo Eduardo Scarpetta e della sarta teatrale Luisa De Filippo, Eduardo (come i fratelli altrettanto noti nel mondo dello spettacolo Titina e Peppino) essendo stato riconosciuto soltanto dalla madre, assunse il cognome De Filippo.

Cresciuto insieme ai fratelli nell'ambiente teatrale napoletano, Eduardo nel 1914 entra stabilmente nella compagnia del fratellastro Vincenzo Scarpetta, dove si ritrova a recitare insieme ai fratelli Tina e Peppino.

Nel 1920 scrive la sua prima commedia, "Farmacia di turno", atto unico dal finale drammatico, che viene rappresentata l'anno successivo dalla compagnia di Vincenzo Scarpetta.

Nel 1922 scrive "Ho fatto il guaio? Riparerò!" che va in scena al Teatro Fiorentini.

Il 1926, scrive per la compagnia Scarpetta, il copione 'introspettivo' "Ditegli sempre di sì ".

Nel 1929 mette in scena insieme al fratello Peppino lo spettacolo comico "Prova generale. Tre modi di far ridere", lavoro in tre atti con prologo ed epilogo di Galdieri, rappresentato al Teatro Fiorentini.

Il 1931 è l'anno in cui nasce la compagnia del Teatro Umoristico "I De Filippo", che vede insieme i tre fratelli Edoardo, Titina e Peppino. La compagnia debutta a Roma per poi organizzare spettacoli a Milano ed a Napoli, vengono rappresentati tra gli altri gli spettacoli: O chiavino di Carlo Mauro, "Don Rafele 'o trumbone" (di Peppino). Nello stesso anno viene messa in scena la commedia forse più conosciuta di Eduardo De Filippo, "Natale in casa Cupiello", rappresentata per la prima volta al Teatro Kursaal di Napoli, il 25 dicembre del 1931.

Altre opere significative di Eduardo De Filippo, scritte negli anni successivi, sono "Napoli milionaria!" (1945), "Questi fantasmi!" (1946), "Filumena Marturano" (1946), "Mia famiglia" (1953), "Bene mio e core mio" (1956), "De Pretore Vincenzo" (1957), "Sabato, domenica e lunedì" (1959).

Nel 1963 la rappresentazione de "Il sindaco del rione Sanità", consente ad Eduardo De Filippo di vincere il "Premio Feltrinelli".

Il 1973 viene allestito per la prima volta a Roma "Gli esami non finiscono mai", commedia che consentì ad Eduardo di vincere nel 1974 il "premio Pirandello" per il teatro.

Edoardo De Filippo entrò da protagonista anche nel mondo del cinema, sia in qualità di attore che di sceneggiatore, qui si ricordano film quali "Non ti pago!", "Napoli milionaria" (1950), "Filumena Marturano" (1951), "Napoletani a Milano" (1953), "Questi fantasmi" (1954), "L'oro di Napoli" (1954), "Pane, amore e gelosia" (1954), "Sogno di una notte di mezza sbornia" (1959), "Ferdinando I° re di Napoli" (1959), "Ieri, oggi, domani" (1963) ecc.

Eduardo è stato insignito dell'onorificienza di Cavaliere di Gran Croce Ordine al Merito della Repubblica Italiana (Roma, 2 giugno 1973), dell'Ambrogino d'oro e cittadinanza onoraria di Milano ed ha ricevuto due lauree honoris causa.

Il 26 settembre del 1981 gli è stata attribuita, su nomina presidenziale, per i meriti conseguiti in campo artistico, la carica di Senatore a vita della Repubblica italiana.

Eduardo De Filippo ha avuto tre compagne, Dorothy Pennington, Thea Prandi (madre dei suoi due figli, Luca e Luisa) ed Isabella Quarantotti.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Teatro | Eduardo De Filippo | Napoli | Ordine al Merito della Repubblica Italiana | Eduardo Scarpetta | Dorothy Pennington | Isabella Quarantotti | Thea Prandi | Edoardo De Filippo | Vincenzo Scarpetta | Carlo Mauro | Luisa De Filippo | Roma | Milano | Ferdinando I | Filumena Marturano |

Ultime notizie su Eduardo De Filippo

    Servillo: «Affascinato dall'abisso dell'io, ma il mio teatro è fondato sul noi»

    «Il noi: non riesco a interpretare diversamente l'esperienza umana. Mi affascina l'abisso dell'io. Ma credo che, per conoscerlo davvero, bisogna avere vissuto da ragazzo grandi solitudini. Io sono cresciuto in mezzo agli altri, in una festa magari anche tragica. Sono nato ad Afragola, a cinque

    – di Paolo Bricco

    Dieci voci di oggi per dieci classici: riparte Scrittori raccontano Scrittori

    La voce dei narratori di oggi per raccontare e far rivivere quelli del passato. Giunta alla terza edizione, riparte sabato 12 gennaio "Scrittori raccontano Scrittori", la rassegna ideata dal Gabinetto Vieusseux come percorso di avvicinamento ai 200 anni dell'istituzione fiorentina. Anche quest'anno

    – di Serena Uccello

    Addio a Carlo Giuffré, una vita per la commedia (da Eduardo a Benigni)

    Se sei napoletano, speri di morire il più tardi possibile, ma speri di morire il 2 di novembre, sentitissima festa della commemorazione dei defunti, giorno dell'indimenticabile Livella di Totò. Se sei napoletano e attore, morire il 2 di novembre è un capolavoro. Ci è andato molto vicino Carlo

    – di Francesco Prisco

    Il vincolo di mandato boomerang per il centrodestra

    Ditegli sempre di sì. Questa commedia di Eduardo De Filippo è più attuale che mai. Bisogna compiacere gli elettori. Ed ecco proposte mirabolanti. Si delinea un Paese delle meraviglie. Si fanno intravvedere alberi della cuccagna a ogni angolo di strada. D'altra parte aveva ragione Otto von Bismarck:

    – di Paolo Armaroli

    Massimiliano Galligani, attore comico e fabbro sereno

    Caro Diario, Massimiliano Galligani è entrato nella mia vita, per ora soltanto quella digitale, grazie ad Andrea Lagomarsini, che agli inizi di Marzo mi scrive che gli piacerebbe che io lo contattassi, che lui un giorno l'ha visto in una trasmissione su una tv toscana e l'ha fatto così tanto ridere che lo ha cercato e ha scoperto che oltre a essere un grande attore comico è anche una gran bella persona, così poi lo ha invitato a fare uno spettacolo a Fosdinovo in occasione de La Forza del Sorris...

    – Vincenzo Moretti

    «Ccà pare Casamicciola». Perché a Napoli di fronte a un disastro si evoca Ischia

    «Ccà pare Casamicciola». Qui sembra Casamicciola. Tre parole piene di rabbia, sgomento e senso d'impotenza quelle che Lucariello/Eduardo De Filippo pronuncia di fronte al disastro del suo amato presepe distrutto, in Natale in casa Cupiello, la più classica tra le sue commedie. Di fronte a caos e

    – di Francesco Prisco

    Nonna Gina

    Caro Diario, siamo ad Agosto, pare che non ci sia mai stato così tanto caldo e di certo non viene facile raccontare storie, però qualche giorno fa è successa una cosa che ne ha messe in moto altre e insomma ho pensato di condividerla con te. Come dici amico mio? Se comincio da cosa è successo magari capisci meglio? Hai ragione, rimedio subito: è successo che è morta nonna Gina, che anche se non era mia nonna ma la nonna dei miei figli, e naturalmente delle mie nipoti e dei miei nipoti, e anche d...

    – Vincenzo Moretti

    Napoli Serendipity Lab

    Caro Diario, non so se ti ho mai parlato di un articolo pubblicato il 7 settembre del 2006 su Il Sole 24 Ore. Il titolo era «Allestire il cantiere delle idee». Il tema era la serendipity. Il focus era sui microambienti che favoriscono le interazioni socio cognitive impreviste di menti preparate, quelli che Robert K. Merton, l'ideatore della serendipity come concetto sociologico, ha definito per l'appunto come ambienti socio cognitivi serendipitosi. Il punto centrale del mio ragionamento - il suc...

    – Vincenzo Moretti

1-10 di 93 risultati