Persone

Ed Miliband

Ed Miliband è un politico britannico. Leader del Labour Party e membro del Parlamento britannico è stato eletto Segretario nel 2010, superando il fratello David. Ambientalista ed ex ministro ai cambiamenti climatici, ha preso il posto di Harriet Harman, reggente del partito dopo le dimissioni dell'ex premier Gordon Brown, seguite alla sconfitta alle elezioni generali dello stesso anno.

Ed Miliband ha intrapreso la carriera politica all’età di 17 anni, quando si è iscritto al Labour Party. Dopo gli studi in Filosofia, Politica ed Economia all’università di Oxford, nel 2005 è diventato Membro del Parlamento per il Nord Docester, carica che tuttora conserva. A partire dal 2007 al 2008 Ed Miliband è stato nominato Ministro del Gabinetto e Cancelliere di Duchy Lancester per il governo di Gordon Brown. Nello stesso anno e fino al 2010 è stato Segretario di Stato per l'Energia e i Cambiementi climatici, per poi diventare leader del Labour Party.

Ed Miliband è figlio di un sociologo marxista. È legato a Justine Thornton, dalla quale ha avuto un bambino.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Partiti politici | Ed Miliband | Membro del parlamento | Università di Oxford | Gordon Brown | Harriet Harman | Justine Thornton | Duchy Lancester | Labour Party |

Ultime notizie su Ed Miliband

    Conservatori e Laburisti verso un declino fatale

    Alle elezioni europee i conservatori e i laburisti britannici hanno subito una terribile batosta, da cui difficilmente potranno rialzarsi. La sconfitta è stata cocente, al punto da evidenziare un trend strutturale, con connotazioni irreversibili. Come mai tanto pessimismo verso i due partiti che hanno dominato la politica britannica per tutto il dopoguerra, dando stabilità al Paese? Non è forse un'interpretazione un po' troppo catastrofica? Nella vita, in fondo, nulla è veramente irreversibile e...

    – Marco Niada

    Perché la Brexit è stata uno tsunami di scelte sbagliate

    Come si è potuti finire così male, con il rischio di un'uscita dalla UE il 12 aprile con un tuffo doppio carpiato dalle scogliere di Dover? Col senno di poi non poteva essere diversamente, anche se per poterlo affermare abbiamo dovuto aspettare venerdì l'ultima puntata della saga, per assistere all'ultima mossa sbagliata nel momento sbagliato con la terza bocciatura della proposta del Governo May. Ora che siamo davanti al precipizio, possiamo concederci uno sguardo all'indietro e accorgerci che ...

    – Marco Niada

    Schulz rinuncia agli Esteri, partito nel caos

    Resa dei conti in casa Spd: Martin Schulz è stato costretto a rinunciare al ministero degli Esteri che aveva riservato a se stesso nell'accordo di Grande Coalizione con Angela Merkel, dopo aver giurato, in campagna elettorale, che non sarebbe entrato in un governo guidato dalla cancelliera.

    – di Roberta Miraglia

    Theresa May senza maggioranza: spazzati via Ukip e hard Brexit

    Theresa May era arrivata prima dell'alba nel quartiere elettorale del suo partito, dopo aver trascorso la notte nel suo collegio elettorale; ha parlato con i capi Tory, è poi rientrata a Downing Street. Citi - ma probabilmente tutta la City - predice «un periodo di incertezza politica» e si aspetta

    – di Angela Manganaro

    La fabbrica delle élite francesi non conosce né crisi né recessioni

    Come si è arrivati a questo? E' ciò che si chiede gran parte del mondo, e la quasi totalità dell'élite francese, riguardo della seconda tornata delle presidenziali in Francia. Charles de Gaulle incluse il ballottaggio nella costituzione della V Repubblica per costringere i francesi a scegliere in

    – di Hugo Drochon

    Quella spina nel fianco del Labour in trincea

    Chi se la ricorda più la "Terza via" di Tony Blair? Eppure sembrava, sino a una decina d'anni fa, che fosse la stella del New Labour Party a fare da bussola alla sinistra europea sulla strada di un rinnovamento tanto della sua tradizionale cassetta degli attrezzi che delle sue visuali originarie,

    – di Valerio Castronovo

    La lenta eutanasia dei laburisti britannici

    Da sabato il Regno Unito appartiene all'imbarazzante famiglia dei Paesi a partito unico. Al fianco di qualche dittatura africana, dunque, nonostante la storia della più celebrata democrazia parlamentare dell'era moderna sia ovviamente del tutto diversa dalle satrapie di Paesi emergenti. A spingerla

    – di Leonardo Maisano

1-10 di 175 risultati