Persone

Donald Trump

Donald Trump , nato il 14 giugno del 1946 a New York , imprenditore statunitense è il 45° presidente degli Stati Uniti. Eletto l’8 novembre 2016 il repubblicano ha battuto la rivale democratica Hillary Clinton.

Nel discorso pronunciato dopo la vittoria Trump ha affermato "Sarò il presidente di tutti gli americani. I dimenticati di questo Paese, da oggi non lo saranno più. Per repubblicani e democratici è arrivato il tempo dell'unione. Ora dobbiamo collaborare e riunire la nostra grande nazione". Il 7 dicembre del 2016 la rivista Time l'ha scelto come persona dell'anno scrivendo sulla copertina " è il presidente degli Stati divisi d'America".

E' figlio di Fred Trump, facoltoso investitore immobiliare neworkese dal quale ha ereditato tra l'altro la passione e l'intuito per il mondo degli affari immobiliari.

Trump ha iniziato la sua carriera professionale interessandosi al settore immobiliare, per poi spostare la sua attenzione al mondo delle telecomunicazioni e dell'energia, il suo successo negli affari lo ha visto collocarsi, secondo la rivista Forbes, al 314° posto tra gli uomini più ricchi del mondo con un patrimonio stimato, secondo il Washington Post, di 9 miliardi di dollari al 2015.

Nei primi anni del 2000 è diventato particolarmente noto al grande pubblico televisivo americano ed internazionale anche grazie al successo del suo reality show televisivo The Apprentice, trasmesso in versione italiana sui canali televisivi Cielo e Sky Uno.

Le voci di una sua candidatura alle presidenziali erano già cominciate a circolare dal 2000 ma poi la nomination del partito repubblicano è caduta su altri candidati ai quali Trump ha offerto il suo appoggio, sia nelle elezioni del 2000 che in quelle del 2008 e del 2012.

Il 16 giugno del 2015 ha annunciato ufficialmente la sua candidatura alle primarie repubblicane delle presidenziali del 2016, accusando l'amministrazione Bush e quella Obama di essere responsabili, con la loro politica interna ed internazionale, sia del declino della classe media americana che della perdita di leadership degli Stati Uniti d'America a livello mondiale verificatasi negli ultimi anni.

Trump si è dichiarato contrario a qualsiasi provvedimento che innalzi la pressione tributaria e determini un controllo della vendita delle armi, mentre in ambito internazione si è espresso contro gli aiuti internazionali ed a favore di una politica di forti dazi d'importazione contro il mercato cinese.

Donald Trump è stato sposato tre volte:

— con Ivana Marie Zelickovà Trump, che lo ha reso padre di tre figli, (Donald John (1977), Ivanka Marie (1981) ed Eric Frederic (1984);

— con Marla Maples, dalla quale ha avuto una figlia (Tiffany (1993);

— con Melania Knauss , sua attuale consorte e madre del suo ultimo figlio (Barron William (2006).

.

Ultimo aggiornamento 08 gennaio 2017

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Ivana Marie Zelickovà Trump | Donald Trump | Presidenziali | Repubblicano | Cielo | SKY | Fred Trump | Stati Uniti d'America | Hillary Clinton | Melania Knauss | Pubblica Amministrazione | Donald John | Eric Frederic | Marie Ivanka | William Barron | Bush |

Ultime notizie su Donald Trump

    Venezuela, chi sta con Maduro: Putin, Erdogan, Assad

    Nel coro quasi unanime di sostegno a Juan Guaidó spicca il drappello di governi che invece si schiera con il sempre più screditato presidente Maduro. Il più esplicito è il presidente della Turchia, Recep Tayyp Erdogan: «Fratello Maduro, resisti, siamo al tuo fianco». Sono queste le parole dette in

    Draghi: le dieci grandi sfide del 2019, ultimo anno da presidente Bce

    Inizia oggi, con la prima conferenza stampa del 2019 dopo il consiglio direttivo della Bce, il conto alla rovescia di questi incontri tra la comunità internazionale dei giornalisti ECB watchers e Mario Draghi con al suo fianco il vice Luis de Guindos. Il mandato del presidente scade a fine ottobre

    – di Isabella Bufacchi

    A Davos nasce la coalizione dei globalisti contro unilateralismo, dazi e populismi

    A Davos c'è una sorta di vaacum, di incertezza su dove vada il mondo. Lo ha ricordato Gideon Rose, direttore di Foreign Affairs,  a margine dei lavori del Wef quando ha parlato del suo contributo al saggio di gennaio intitolato "Who Will Run the World? America, China, and Global Order", Chi guiderà il mondo? L'America, la Cina e l'ordine mondiale. Un'analisi delle sfide all'ordine mondiale sostenuto dalle democraize liberali portato avanti dall'unilateralismo, guerre commerciali e populismi. A ...

    – Vittorio Da Rold

    Venezuela, il ruolo delle Forze armate cruciale per la svolta di Guaidò

    Un delirio interrotto, quasi fosse un frammento d'eternità. Nicolas Maduro, presidente del Venezuela, potrebbe assistere a un'evoluzione della sua rivoluzione, mancata. Un passato mitico e un futuro immaginato; questo potrebbe essere l'abbaglio di cui soffre Maduro. E ora un epilogo

    – di Roberto Da Rin

    Merkel cita Max Weber per difendere il multilateralismo dal sovranismo

    Ha citato persino Max Weber per respingere i nuovi orientamenti che tendono a disprezzare l'attuale ordine internazionale ponendo al primo posto una concezione ristretta dell'interesse nazionale. Angela Merkel ha utilizzato ieri il podio di Davos per lanciare un messaggio contro «le sfide populiste

    – dal nostro inviato a Davos Stefano Carrer

    Davos, Abe presenta il prossimo G20: in agenda la riforma Wto

    Davos - Tre capi di governo del G7 intervengono oggi al World Economic Forum di Davos: l'italiano Giuseppe Conte, la tedesca Angela Merkel e il giapponese Shinzo Abe, quest'anno "Chair" del G20 che si terrà a Osaka il 28-29 giugno.

    – dal nostro inviato Stefano Carrer

    Guerra dei dazi, i dubbi Usa frenano i negoziati con la Cina

    Rischia di arenarsi, di nuovo, il negoziato tra Stati Uniti e Cina sul commercio. Il principale nodo da sciogliere si conferma quello delle tecnologie, addirittura più complesso rispetto alla questione del deficit commerciale Usa (323 miliardi dollari l'anno scorso nel saldo del solo scambio di

    – di Gianluca Di Donfrancesco

    Davos, il mondo rallenta e dopo l'Fmi anche Ue e Ocse verso il taglio delle stime del Pil italiano

    Tra le nevi di Davos si è fatta strada la convinzione che in un quadro di generale rallentamento (non recessione) dell'economia mondiale  anche Bruxelles e l'Ocse, dopo l'Fmi di Christine Lagarde, potrebbero rivedere le stime di crescita dell'Italia. «Tra qualche settimana rivedremo le stime di crescita per l'Italia e la Ue» ha detto da Bruxelles il Commissario Ue agli affari economici, Pierre Moscovici. Anche le nuove stime dell'Ocse, a marzo, potrebbero tagliare la previsione di crescita per l...

    – Vittorio Da Rold

1-10 di 4550 risultati